Language   

The Marion Massacre

Woody Guthrie
Language: English

List of versions


Related Songs

The Sinking of the Reuben James
(Woody Guthrie)
When A Soldier Makes It Home
(Arlo Guthrie)
(I’m Marching Down) Freedom Road
(Josh White)


‎[1929]‎
Testo di Frank Welling e John McGhee
Sulla melodia della popolare "I'll Be All Smiles Tonight" della ‎‎Carter Family.‎

Alcuni siti attribuiscono questa canzone al menestrello dell’Oklahoma… Lui, ‎che mai fu estraneo alla sua gente, sicuramente la cantò – per cui gliel’ho attribuita - ma il testo non ‎è suo bensì di Frank Welling e John McGhee, rispettivamente un musicista di strada ed un ‎predicatore del West Virginia.‎




Marion, North Carolina, 2 ottobre 1929.‎
‎600 lavoratori dell’industria tessile Marion Manufacturing Company erano in sciopero già da ‎diverse settimane per una paga migliore e migliori condizioni di lavoro. La compagnia finse di ‎accettare buona parte delle loro rivendicazioni e loro tornarono al lavoro, trovando però capisquadra ‎e sgherri a insultarli e picchiarli e la polizia schierata a sostegno degli aguzzini. Quando uno degli ‎operai riuscì ad azionare l’interruttore di spegnimento delle macchine i poliziotti dello sceriffo ‎Oscar Adkins cominciarono a sparare uccidendo 6 lavoratori e ferendone gravemente una trentina.‎

Nessun sacerdote di Marion e dei paesi vicini volle presenziare il funerale.‎
Si fece però avanti un vecchio predicatore di montagna, tal Cicero Queens, che in mezzo ai familiari ‎degli assassinati pronunciò ad alta voce questa orazione:‎

“O, Lord Jesus Christ, here are men in their coffins, blood of my blood, bone of my bone. I ‎trust, O God, that these friends will go to a better place than this mill village or any other place in ‎Carolina. O God, we know we are not in high society, but we know Jesus Christ loves us.
The poor people have their rights, too. For the work we do in this world, is this what we get when ‎we demand our rights? Jesus Christ, Your Son, O Lord, was a working man. If He were to pass ‎under these trees today, He would see these cold bodies lying here before us.
Dear God, do feed the broken hearts of these loved ones left behind. Dear God, do feed their ‎children. Drive selfishness and cruelty out of your world. May these weeping wives and little ‎children have a strong arm to lean on.
Dear God, what would Jesus do if He were to come to Carolina?”


‎(fonti: ‎
Bluegrass Messengers
A Poor Blogger’s ‎Songbook)
A story now I'll tell you,
Of a fearful massacre,
Which happened down in Dixie
On the borders of the sea.

‎'Twas in Marion, North Carolina
In a little mountain town,
Six workers of the textile mills
In cold blood were shot down.

‎'Tis ever the same old story
With the loborers of our land.
They're ruled by mighty powers,
And riches they command.

It started over money,
The world's most vain desire,
Yet we realize the laborer
Is worthy of his hire.

These men were only asking
Their rights and nothing more,
That their families would not suffer
With a wolf at every door.‎

Why is it over money,
These men from their friends must part,
Leaving home and loved ones
With a bleeding, broken heart?

But some day they'll meet them
On that bright shore so fair,
And live in peace forever,
There'll be no sorrow there

There'll be no sorrow there
There'll be no sorrow there,
There'll be no sorrow there,
In heaven above,
Where all is love,
There'll be no sorrow there.‎

Contributed by Dead End - 2012/8/31 - 12:10



Language: Italian

Traduzione di Roberto Malfatti
IL MASSACRO DI MARION

Una storia ora vi dirò
che racconta di uno spaventoso massacro
che ci fu nel Dixie (1)
sulla riva del mare.

Accadde a Marion, North Carolina
una piccola città di montagna.
Sei lavoratori di una fabbrica tessile
vennero ammazzati a sangue freddo.

E' sempre la stessa vecchia storia
per i lavoratori della nostra terra,
sono governati da poteri forti,
i ricchi sono al comando.

Cominciò tutto per una questione di soldi,
i soldi...il più vano dei desideri umani,
anche se sappiamo bene che l'operaio
merita il suo salario.

Questi uomini chiedevano soltanto
che i loro diritti fossero rispettati, nulla di più,
che le loro famiglie non dovessero vivere
nell'angoscia della miseria.

Perchè per una questione di soldi
quei sei uomini hanno dovuto separarsi dai loro amici?
Lasciando le loro case e i loro cari
con il cuore spezzato e sanguinante?

Ma un giorno li incontreranno di nuovo
sulla meravigliosa riva dove splende la luce
e vivranno per sempre nella pace,
là non c'è infelicità.

Là non c'è infelicità,
là non c'è infelicità,
là non c'è infelicità,
lassù in Paradiso
dove tutto è amore,
là non c'è infelicità

(1) Il termine Dixie indica una regione degli Stati Uniti che comprende vari stati del sud e dell'est (South Carolina, Mississippi, Florida, Alabama, Georgia, Louisiana, Texas, Virginia, Arkansas, North Carolina e Tennessee)

Contributed by Roberto Malfatti - 2016/8/16 - 13:47



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org