Language   

Istrales

Piero Marras
Language: Sardinian

List of versions


Related Songs

Cantone de su campanarzu de Arasolè
(Frantziscu Màsala / Francesco Masala)
Se io potessi scrivere
(Piero Marras)
Osposidda
(Piero Marras)


[1995]
Album “Tumbu”
Testo e musica di Piero Marras

4GkzfcMGQhbGCPO8D3KoSt
Un’istrale a sos cumpanzos
chi cumpanzos non sun prusu
como attenden sos istranzos
cara a terra e fundu a susu

Un’istrale a sos cumpanzos
chi non lassen su masone
e una bella surra ‘e punzos
gai torramus a cumone

Un’istrale a sos cantores
de su binchidore nou
razza mala ‘e brincadores
chi in totube fachen s’ou

A sos battor moritteddos
chi los truvet s’istoria
che puntorzu a sos poleddos
gai lis torrat sa memoria

A sa corte prinzipale
chi sos sardos cheret mudos
chene limba naturale
(gai non semus limbudos!)

A sos omines de nudda
sos chi furan sa zente
chene coro e chene tudda
furan puru s’innozente

Un’istrale a tie cumpare
disizosu e abramidu
chi pro fachere dinare
fintzas s’anima as futidu

Un’istrale a tie cumpare
e unu raju mannu mannu
cun s’inferru a murrapare
chi t’accatten intro s’annu

Ammentaebos cuss’istrada
cuss’istrada ‘e mala sorte
chi Felice est nomenada
sinde riet puru sa morte

Ammentaebos cuss’istrada
ammentaebos sas ruches
bos amparet sa torrada
Deus in nottes chene luches

Binde cheren de cosinzos
a la currere sa vida
tra suore e pistichinzos
isettende sa bessida

Binde cheren de cosinzos
ma b’at chie, sende sinzeru
custa vida de mischinzos
l’es’currende iscurzu a beru

Contributed by Bartleby - 2012/3/18 - 14:59



Language: Italian

Traduzione italiana da I volti della musica
COLPI DI SCURE

Un colpo di scure ai compagni
che non sono più compagni
adesso ossequiano gli stranieri
con la faccia in terra e il culo per aria

Un colpo di scure ai compagni
perché non lascino il gruppo.
E una bella scarica di pugni
Così ritroveremo l’unità

Un colpo di scure a i cantori
del vincitore di turno,
cattiva razza di opportunisti
che fanno l’uovo dappertutto

Ai nostri Quattro Mori
che la storia li stimoli
come il pungolo i somari,
cosi tornerà loro la memoria

Al governo centrale
che vorrebbe i sardi muti
senza lingua materna
(così almeno non saremo linguacciuti!)

Agli uomini da niente
quelli che sequestrano le persone
senza cuore e senza dignità
sequestrano perfino un’innocente

Un colpo di scure a te compare
avido e ingordo,
che per far soldi
ti sei fottuto l’anima

Un colpo di scure a te compare
e un fulmine grande
faccia a faccia con l’inferno
ti trovino entro l’anno

Ricordatevi quella strada
la strada della malasorte
il fatto che si chiami Felice
fa ridere anche la morte

Ricordatevi quella strada
ricordatevi le croci
vi protegga il ritorno
Dio nelle notti senza stelle

Ce ne vogliono di scarpe
per correre la vita
tra fatica e sofferenza
aspettando la fine

Ce ne vogliono di scarpe
ma c’è chi, sincero,
questa vita di stenti
la corre scalzo davvero

Contributed by Bartleby - 2012/3/18 - 15:00



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org