Language   

Τα αγροτικά

Thomas Bakalakos / Θωμάς Μπακαλάκος
Language: Greek (Modern)

List of versions

Watch Video

1) Όχι δεν πουλάμε:


More videos...


Related Songs

Καπνισμένο τσουκάλι
(Nikos Xylouris / Νίκος Ξυλούρης)
Καντάτα για τη Μακρόνησο
(Maria Dimitriadi / Μαρία Δημητριάδη)
Ο στρατιώτης
(Vasilis Papakonstandinou / Βασίλης Παπακωνσταντίνου)


Ta agrotikà
Στίχοι: Διονύσης Τζεφρώνης
Μουσική: Θωμάς Μπακαλάκος
Πρώτη εκτέλεση: Βασίλης Παπακωνσταντίνου
Τα αγροτικά - 1975

Le canzoni dei campi
Testi di Dionysis Tzefronis
Musica di Thomas Bakalakos
Prima interpretazione di Vassilis Papakonstandinou
"Ta agrotikà" - 1975

taagrotika

Nella canzone politico-sociale greca i contadini sembrano essere giunti abbastanza tardi, in coda agli operai, ai pescatori e ai naviganti, per quanto la questione delle proprietà terriere e degli iniqui patti agrari sia stata centrale in Grecia sin dalla sua nascita come Stato e abbia continuato ad esserlo mentre andava allargando nei decenni successivi il suo territorio. La questione, che fu acutissima in Tessaglia, dipendeva dall'accaparramento che i ricchi possidenti greci fecero dei latifondi abbandonati dagli Ottomani (i çiflik) e delle loro manomorte religiose (i vakıf), la cui ripartizione era attesa e, in certi casi, pretesa dai contadini poveri, i quali avevano costituito la massa combattente delle guerre d'indipendenza. Per lo più, nella canzone popolare, il contadino è un βλάχος piovuto dalla sua povera campagna in città, carico di un che di ferino e di ingenuo; ma è quasi impossibile incontrarlo come soggetto sociale. Qualche riferimento ai contadini lo si ritrova, certo, in qualche canto della resistenza: ma va detto che anche i testi delle musiche resistenziali sono abbastanza spesso un ricalco di quelli della Russia sovietica, ancora illusa di possedere una soluzione rivoluzionaria al suo problema delle campagne. Va detto anche che Yannis Ritsos si riferì spesso ai contadini, e di sicuro li menzionò in Καντάτα για τη Μακρόνησο, in Καπνισμένο τσουκάλι, in Ρωμιοσύνη e in Τα 18 λιανοτράγουδα της πικρής πατρίδας, tutte opere poi in parte musicate. Ma il primo che, pur con qualche concessione di troppo a una convenzionale nostalgia georgofila, li trattò in musica in quanto tali, come strato cosciente di sé, con la visione del proprio passato e quella di un futuro - e anche capace di lottare in forme sindacali - fu un giovane musicista e matematico, che, insieme al paroliere Dionisis Tzefronis e al cantante Vassilis Papakonstandinou, dedicò addirittura un album ai contadini in lotta per un prezzo più remunerativo dei loro prodotti e delle
Thomas Bakalakos.
Thomas Bakalakos.
loro fatiche. Il musicista si chiama Thomas Bakalakos; e l'album, intitolato Τα αγροτικά (Le canzoni dei campi), fu il primo con il quale si presentò al pubblico. Era il 1975, ma le canzoni erano già state scritte negli anni precedenti e proibite dalla censura dei Colonnelli, impegnati ad accreditare se stessi come protettori dei contadini e come benefici elettrificatori dei villaggi rurali. Il titolo della prima canzone "No, non vendiamo" divenne talmente popolare tra i piccoli coltivatori, che ancor oggi viene utilizzato come slogan nelle battaglie che il mondo agricolo greco è costretto a sostenere, non senza le venature protezionistiche e corporative che caratterizzano in quasi tutta l'Europa questo genere di mobilitazioni, contro le politiche dei prezzi egemonizzate dai trust internazionali dell'industria alimentare e dal mercato globalizzato.

Nella settima canzone, Ο Αντύπας il riferimento storico è a Marinos Andypas (Ferendinata, Cefalonia, 1872 - Pyrgetos Larissas, 8 marzo 1907), martire delle lotte dei contadini della Tessaglia contro i latifondisti (τσιφλικάδες). Di origine piccolo borghese, si laureò in giurisprudenza all'Università di Atene. Nel 1896 partecipò alle lotte per l'indipendenza di Creta. Nel 1906, dopo avere invano tentato di venire eletto al parlamento come rappresentante della sua isola, si trasferì in Tessaglia per amministrare i possedimenti di un ricco zio. Ma lì, viste le condizioni dei contadini, passò dalla loro parte, organizzandoli per la rivendicazione dei loro diritti, e riuscendo a mobilitarli in una memorabile dimostrazione a Laspohòri agli inizi del 1907. I τσιφλικάδες ordirono allora l'eliminazione dell'agitatore, che venne ucciso in un agguato a Pirghetòs Làrissas, piccolo borgo agricolo alle foci del Penèo, tra l'Olimpo e l'Ossa, dove è visibile il suo monumento. (gpt)
1. Όχι δεν πουλάμε


"Αγρότη, αγωνίσου για να έχεις το ψωμί σου. Αγρότες ενωμένοι, ποτέ νικημένοι". Ελλάδα, 2011.
"Αγρότη, αγωνίσου για να έχεις το ψωμί σου. Αγρότες ενωμένοι, ποτέ νικημένοι". Ελλάδα, 2011.


Πάει καλά φέτος η χρονιά,
πάει καλά,
προκόψαν όλα τα σπαρτά.

Θα ‘ρθουν πάλι τσούρμο οι μεσάζοντες
θα κερδοσκοπήσουν οι μεσάζοντες
και εμείς τα ίδια θα ‘μαστε άλλη μια φορά,
μας παίρνουν τη σοδειά φτηνά.

Όχι δεν πουλάμε.

Τα παιδιά κάνουνε χαρά
τα παιδιά,
βλέπουνε μπόλικη σοδειά.

Θα ‘ρθουν πάλι τσούρμο οι μεσάζοντες
θα κερδοσκοπήσουν οι μεσάζοντες
και εμείς τα ίδια θα ‘μαστε άλλη μια φορά,
μας παίρνουν τη σοδειά φτηνά.

Όχι δεν πουλάμε.

2. Αυτή είναι η αγροτιά


Δεν ξεχωρίζει το χωράφι απ' την καρδιά του
και από τα στάχυα δεν χωρίζει τα παιδιά του
και από τα στάχυα δεν χωρίζει τα παιδιά του.

Η φαμίλια του κι οι γιοι του κι οι γιοι του
το καμάρι κι η ψυχή του κι η ψυχή του
Σπίτι δουλειά, σπίτι δουλειά αυτή είναι η αγροτιά.

Παλιό τ' αλέτρι μα την κάνει την δουλειά του
σπουδάζει η κόρη και ο γιος τα ιδανικά του
σπουδάζει η κόρη και ο γιος τα ιδανικά του.

Η φαμίλια του κι οι γιοι του κι οι γιοι του
το καμάρι κι η ψυχή του κι η ψυχή του.
Σπίτι δουλειά, σπίτι δουλειά αυτή είναι η αγροτιά.

3. Γεια και χαρά σας βρε πατριώτες


Ήρθε ο βουλευτής στο χωριό, βόλτες από κει και από δω
μοιράζει υποσχέσεις στους αγρότες,
θα σας γλιτώσουμε από τη δυστυχία,
νερό θα φέρουμε θα φτιάξουμε σχολεία
κι όσο για τα φτωχά κορίτσια σας γαμπρούς εμείς θα βρούμε.

Γεια και χαρά σας βρε πατριώτες
και εμέ οι παππούδες μου ήταν αγρότες γεια σας.

Ήρθε ο βουλευτής στο χωριό βόλτες από κει και από δω
μοιράζει υποσχέσεις στους αγρότες,
θα γίνει αύξηση τιμής των προϊόντων,
θα αυξηθούν και οι συντάξεις των γερόντων,
νοσοκομεία θα σας χτίσουμε οι εκλογές ζυγώνουν.

Γεια και χαρά σας βρε πατριώτες
και εμέ οι παππούδες μου ήταν αγρότες γεια σας.

Μπήκε ο βουλευτής στη βουλή βόλτες από δω και από κει
θρονιάστηκε σαν διάνος στην Αθήνα
και μην τον είδατε το φίλο τον λεβέντη
απ' το χωριό μας δεν περνάει ούτε για γλέντι
και όσα μας είχε τάξει ήταν λαγοί με πετραχήλια.

Γεια και χαρά σας βρε πατριώτες
και εμέ οι παππούδες μου ήταν αγρότες γεια σας.

4. Άγονη γραμμή


Τα Σαββατόβραδα στα σπιτικά κλεισμένοι δεν μιλάμε
τώρα στα έρημα χωριά μείνανε γέροι και παιδιά
τα έρμα να φυλάμε

Τα παλικάρια φύγανε να βρουν δουλειά στην πόλη
ξεράθηκαν τ' αμπέλια μας χορτάριασε τ' αλώνι

Το απομεσήμερο στο λιακωτό πέρα μακριά κοιτάμε
άγονη είναι τούτη η γραμμή κι ούτε ανθρώποι κι ούτε θεοί
για μας πια δε ρωτάνε

Τα παλικάρια φύγανε να βρουν δουλειά στην πόλη
ξεράθηκαν τ' αμπέλια μας χορτάριασε τ' αλώνι

5. τα μάθαμε, τα μάθαμε


Η δασκαλίτσα μας νωρίς
για ύπνο πάει
κι ο γιατρουδάκος μας
παρέα της κρατάει.

Βρε τι να λεν' ολονυχτίς
ο νους μας δεν το βάνει.
Τα μάθαμε, τα μάθαμε
τραβάνε για στεφάνι.

Ο αγροφύλακας
με τη μαμή τη δόλια
ραδικοβλάσταρα
μαζεύαν στα περβόλια.

Βρε τι να λεν' ολονυχτίς
ο νους μας δεν το βάνει.
Τα μάθαμε, τα μάθαμε
τραβάνε για στεφάνι.

Ήρθε με άδεια
ο Τάσος λοχίας
κι όλη την πέρασε
στο σπίτι της Μαρίας.

Βρε τι να λεν' ολονυχτίς
ο νους μας δεν το βάνει.
Τα μάθαμε, τα μάθαμε
τραβάνε για στεφάνι.

6. Ήταν παιδί της αγροτιάς


Κόκκινο στάζει το αίμα του,
άσφαλτος μαύρη, γύρω του,
και τα βιβλία σκόρπισαν
και εκείνος είπε "μάνα μου"
και εκείνος είπε "μάνα μου".

Άραγε βρέχει στο χωριό
καπνίζουνε τα τζάκια,
ήταν παιδί της αγροτιάς
μαζί με τόσους άλλους
ήταν παιδί της αγροτιάς
μαζί με τόσους άλλους.

Πήγανε και τον πήρανε
δυο φίλοι και ο πατέρας του,
και κλείνοντας τα μάτια του
είπε σιγά είπε σιγά "μανούλα μου",
και κλείνοντας τα μάτια του
είπε σιγά είπε σιγά "μανούλα μου".

Άραγε βρέχει στο χωριό
καπνίζουνε τα τζάκια ,
ήταν παιδί της αγροτιάς
μαζί με τόσους άλλους
ήταν παιδί της αγροτιάς
μαζί με τόσους άλλους.

7. Ο Αντύπας

andypas


Να θυμηθούμε χωριανοί απόψε τον Αντύπα,
τον φάγανε σαν το σκυλί οι παλιοτσιφλικάδες
τον φάγανε σαν το σκυλί οι τύραννοι φονιάδες

κλαίγανε οι κολλίγοι το φονικό τους τάραξε
πέρασαν τόσα χρόνια και μόνο ο αφέντης άλλαξε
καβάλα στ' άλογά σας πάρτε τη γη δικιά σας
καβάλα στ' άλογά σας πάρτε τη γη δικιά σας

να θυμηθούμε χωριανοί του Κιλελέρ το αίμα
το χύσανε σαν το κρασί οι παλιοτσιφλικάδες
το χύσανε σαν το κρασί οι τύραννοι φονιάδες.

8. Απεργία


Βάλτε όλοι μια φωνή
θέλουμε και εμείς ψωμί
έχει και η αγροτιά
και στομάχι και καρδιά.

Νύχτα και πρωί
ένα με τη γη,
χωρίς ανάσα μια,
φτάνει πια, φτάνει πια,
απεργία.

Μάνα κάτσε στη γωνιά,
άλλο γλέντι αρχινά
τώρα ήρθε ο καιρός
για να πάμε λίγο μπρος.

Νύχτα και πρωί
ένα με τη γη,
χωρίς ανάσα μια,
φτάνει πια ,φτάνει πια,
απεργία.

Δεν χωράνε λόγια πια,
παρατήστε τη δουλειά
με τραχτέρ απ' το χωριό
για την πόλη μια και δυο.

Νύχτα και πρωί
ένα με τη γη,
χωρίς ανάσα μια,
φτάνει πια ,φτάνει πια,
απεργία.

9. Μετανάστευση


Την Κυριακή κι άλλο παιδί μας φεύγει,
μακριά στα ξένα την τύχη του γυρεύει.
Αχ, και τι να κάνουν τα παλικάρια
στο καφενείο χαρτιά και ζάρια
ανάθεμα,
μπαίνουν στα τρένα πάνε στα ξένα ,
ανάθεμα.

Στο μεσοχώρι κανένας δε γελάει
κι άλλη μια μάνα το γιο ξεπροβοδάει.
Αχ, και τι να κάνουν τα παλικάρια
στο καφενείο χαρτιά και ζάρια
ανάθεμα,
μπαίνουν στα τρένα πάνε στα ξένα
ανάθεμα.

10. Γερο-αγρότης


Γέρο-αγρότης είμαι,
βασανίστηκα σ' αυτή τη γη
στη γωνιά μου καθισμένος,
μέτρησα τι μου 'δωσε η ζωή.

Έχω μια σύνταξη πείνας,
δύσκολα βγαίνει ο μήνας
και ακριβό το γιατρικό
μαύρα γεράματα που θα περάσω
ώσπου στη γη μου να ησυχάσω
παράπονο πικρό - παράπονο πικρό.

Μένω σε μια κόρη
και μου δίνει μια μπουκιά ψωμί
φτωχιά και εκείνη
περιμένει τέταρτο παιδί.

Έχω μια σύνταξη πείνας,
δύσκολα βγαίνει ο μήνας
και ακριβό το γιατρικό
μαύρα γεράματα που θα περάσω
ώσπου στη γη μου να ησυχάσω
παράπονο πικρό - παράπονο πικρό.

11. Εσύ μαζεύεις τη σοδειά


Εσύ πονάς για το ψωμί
με δάκρυα το ποτίζεις
αυτή τη γη την αγαπάς
μ' ιδρώτα τη ραντίζεις
αυτή τη γη την αγαπάς
μ' ιδρώτα τη ραντίζεις.

Σου λένε λόγια τρανταχτά
τον ουρανό σου τάζουν
εσύ μαζεύεις τη σοδειά
και άλλοι στην αρπάζουν.

Μπορείς και εσύ αλλού να πας
μα δρασκελιά δεν κάνεις
με το ζουρνά τα δειλινά
πικρά τραγούδια πιάνεις.

Σου λένε λόγια τρανταχτά
τον ουρανό σου τάζουν
εσύ μαζεύεις τη σοδειά
και άλλοι στην αρπάζουν.

Μα θα 'ρθει κάποτε καιρός
αφέντης πια να γίνεις
χωρίς καημούς και στεναγμούς
το ούζο σου να πίνεις.

Σου λένε λόγια τρανταχτά
τον ουρανό σου τάζουν
εσύ μαζεύεις τη σοδειά
και άλλοι στην αρπάζουν.

12. Αγαπημένη


Τις νύχτες αν ερχόμουν μαζί σου,
μας έβρισκε η ανατολή
ήταν γλυκιά και ωραία η μορφή σου
αχ, ανάσταση το φιλί, το φιλί.

Αγαπημένη στην ποταμιά
με βρήκε έρμο και αυτή η χρονιά
με βρήκε έρμο και αυτή η χρονιά
είμαι μονάχος σαν καλαμιά, σαν καλαμιά.

Της ερημιάς τα χρόνια μετράω
κι όπως παλιά να ‘ρθεις λαχταρώ
δρόμους γιαλούς και χώρες περνάω
μα ,δεν μπορώ να σε βρω,
να σε βρω.

Αγαπημένη στην ποταμιά
με βρήκε έρμο και αυτή η χρονιά
με βρήκε έρμο και αυτή η χρονιά
είμαι μονάχος σαν καλαμιά, σαν καλαμιά.

13. Πανηγύρι


Πανηγύρι, πανηγύρι, πανηγύρι
πιάστε χέρια βρε παιδιά,
μη σας σκιάζει ο φόβος πια
τα νταούλια να βαρούν
οι αγρότες να χαρούν.

Άιντε κι άλλη μια
για τη λευτεριά
για να ‘ρθει στα χωριά ξαστεριά
για να ‘ρθει στα χωριά ξαστεριά.

Πανηγύρι πανηγύρι πανηγύρι
πανηγύρι πανηγύρι πανηγύρι

Πανηγύρι, πανηγύρι, πανηγύρι
πιέστε ούζο τσικουδιά
θα ‘χουμε καλή σοδειά
ωχ, αμάν και τη γιορτή
χάνει η μάνα το παιδί.

Άιντε κι άλλη μια
για τη λευτεριά
για να ‘ρθει στα χωριά ξαστεριά
για να ‘ρθει στα χωριά ξαστεριά.

Πανηγύρι πανηγύρι πανηγύρι
πανηγύρι πανηγύρι πανηγύρι

Πανηγύρι, πανηγύρι, πανηγύρι
πες τραγούδια όσα θες
που δεν τα ‘λεγες προχτές
όλοι αντάμα στη χαρά
μα και στην αναποδιά .

Άιντε κι άλλη μια
για τη λευτεριά
για να ‘ρθει στα χωριά ξαστεριά
για να ‘ρθει στα χωριά ξαστεριά.

Πανηγύρι πανηγύρι πανηγύρι
πανηγύρι πανηγύρι πανηγύρι

Contributed by Gian Piero Testa - 2011/11/29 - 15:35



Language: Italian

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa
Le canzoni dei campi

Ο Βασίλης Παπακωνσταντίνου. Vassilis Papakonstandinou.
Ο Βασίλης Παπακωνσταντίνου. Vassilis Papakonstandinou.



1. No, non vendiamo

"Contadino, lotta per avere il tuo pane. Agricoltori uniti, mai vinti." Grecia, 2011.
"Contadino, lotta per avere il tuo pane. Agricoltori uniti, mai vinti." Grecia, 2011.


È un'annata buona, questa
proprio buona
hanno reso di più tutti i seminativi.

Verranno ancora a torme i mediatori
verranno a speculare i mediatori
e ancora una volta noi staremo come prima,
ci prendono tutto il raccolto per quattro soldi.

No, non vendiamo.

I bambini fanno salti di gioia
i bambini
lo vedono che il raccolto è tanto.

Verranno ancora a torme i mediatori
verranno a speculare i mediatori
e ancora una volta noi staremo come prima,
tutto il raccolto ci prendono per quattro soldi.

No, non vendiamo.

2. Questi sono i contadini


Non separa il campo dal suo cuore
e non separa i suoi figli dalle spighe
e non separa i suoi figli dalle spighe.

La sua famiglia e suoi figli i figli suoi
sono per lui l'orgoglio e l'anima
Casa e lavoro, lavoro e casa ecco i contadini.

Vecchio l'aratro ma fa bene il suo lavoro
la figlia e il figlio coltivano i suoi ideali
la figlia e il figlio coltivano i suoi ideali

La sua famiglia e suoi figli i figli suoi
sono per lui l'orgoglio e l'anima
Casa e lavoro, lavoro e casa ecco i contadini.

3. Salute e gioia a voi, compaesani


Al paese è arrivato l'onorevole, gira di qua gira di là
distribuisce promesse ai contadini,
vi tireremo fuori dalle disgrazie,
porteremo acqua, costruiremo scuole
e troveremo noi gli sposi alle vostre povere figliole.

Salute e gioia a voi, compaesani
che anche i miei nonni eran villani, salve

Al paese è arrivato l'onorevole, gira di qua gira di là
distribuisce promesse ai contadini,
ci sarà l'aumento del prezzo dei prodotti,
aumenteranno le pensioni degli anziani,
vi faremo ospedali, le elezioni son vicine.

Salute e gioia a voi, compaesani
che anche i miei nonni eran villani, salve

In parlamento è entrato l'onorevole, gira di qua gira di là
si è accomodato come un gallo dentro Atene
e chi l'ha più visto il valoroso amico,
dal nostro paese non passa neanche per far festa
e quanto ci aveva promesso erano lepri col piviale.

4. Tratta in perdita


I sabati sempre tappati in casa non parliamo
adesso nei villaggi disabitati restano bambini e vecchi
a far la guardia ai deserti

I ragazzi quelli forti sono andati in città a cercar lavoro
le nostre vigne sono secche l'aia è tutta erbaccia

Il pomeriggio quando ancora batte il sole guardiamo lontano
è in perdita questa tratta né gli uomini né gli dei
domandano di noi

I ragazzi quelli forti sono andati in città a cercar lavoro
le nostre vigne sono secche l'aia è tutta erbaccia

5. Lo sappiamo, lo sappiamo


La nostra maestrina
va a letto presto
e il nostro dottorino
le fa compagnia

Eh, che avranno da dirsi tutta notte
la nostra mente non ci cape
ora lo sappiamo lo sappiamo
tirano a sposarsi

La guardia campestre
con la povera levatrice
raccolgono teneri radicchi
negli orti

Eh, che avranno da dirsi tutta notte
la nostra mente non ci cape
ora lo sappiamo lo sappiamo
tirano a sposarsi

E' arrivato in licenza
Tasos il caporalmaggiore
e l'ha passata tutta
in casa di Maria

Eh, che avranno da dirsi tutta notte
la nostra mente non ci cape
ora lo sappiamo lo sappiamo
tirano a sposarsi

6. Era un figlio dei campi


Rosso sgocciola il suo sangue
nero l' asfalto intorno a lui,
e i libri si sparpagliarono
e lui disse: mamma mia
e lui disse: mamma mia

Chissà se piove al paese
se fumano i camini,
era un figlio dei campi
insieme a tanti altri
era un figlio dei campi
insieme a tanti altri.

Andarono e lo presero
due amici e il suo papà,
e chiudendogli gli occhi
disse piano disse piano "mammina mia",
e chiudendogli gli occhi
disse piano disse piano "mammina mia".

Chissà se piove al paese
se fumano i camini,
era un figlio dei campi
insieme a tanti altri
era un figlio dei campi
insieme a tanti altri

7. Andypas

andypas


Stasera paesani ricordiamo Andypas,
come un cane lo fecero fuori i bastardi latifondisti
come un cane lo fecero fuori i tiranni assassini

piangevano i braccianti li turbò quell'assassinio
tanti anni sono passati e di nuovo c'è solo il padrone
inforcate i cavalli e prendetevi la vostra terra
inforcate i cavalli e prendetevi la vostra terra

paesani ricordiamo il sangue di Kilerer
lo versarono come vino i bastardi latifondisti
lo versarono come vino i tiranni assassini

8. Sciopero


Fate udire una voce sola
anche noi vogliamo pane
ci sono anche i contadini
con uno stomaco ed un cuore.

Notte e giorno
tutt'uni con la terra
senza mai un respiro
ora basta ora basta
scioperiamo

Madre siediti in disparte
qui comincia un altro ballo
e il momento ora è arrivato
per andare un poco avanti

Notte e giorno
tutt'uni con la terra
senza mai un respiro
ora basta ora basta
scioperiamo

Non c'è posto per le parole
ora basta lavorare
col trattore dal paese
via di corsa fino in città

Notte e giorno
tutt'uni con la terra
senza mai un respiro
ora basta ora basta
scioperiamo

9. Emigrazione


Domenica è partito un altro dei nostri ragazzi
a cercar la sua fortuna lontano in terra straniera.
Ah, che altro possono fare i giovani migliori
al caffé solo carte e dadi
maledizione
prendono il treno vanno all'estero,
maledizione.

Nel villaggio dell'interno nessuno ride
e un'altra mamma scorta per un tratto il figlio.
Ah, che altro possono fare i giovani migliori
al caffé solo carte e dadi
maledizione
prendono il treno vanno all'estero,
maledizione.

10. Un vecchio contadino


Sono un vecchio contadino
tormentato da questa vita
seduto in disparte,
ho fatto il conto di quello che mi ha dato.

Ho una pensione di fame,
la mesata non arriva mai
e le cure sono care
che triste vecchiaia passerò
finché non avrò pace dentro la mia terra
amaro dispiacere - amaro dispiacere.

Vivo da una figlia
che mi dà un boccone di pane
poveretta anche lei
aspetta il quarto figlio.

Ho una pensione di fame,
la mesata non arriva mai
e le cure sono care
che triste vecchiaia passerò
finché non avrò pace dentro la mia terra
amaro dispiacere - amaro dispiacere.

11. Tu racimoli il raccolto


Tu peni per il pane
di lacrime lo intridi
la ami questa terra
la innaffi di sudore
la ami questa terra
la innaffi di sudore

Ti fanno discorsi roboanti
ti promettono il cielo
tu racimoli il raccolto
e altri te lo rapinano.

Anche tu potresti andare
ma un passo non lo fai
di sera con il flauto
cavi canzoni tristi

Ti fanno discorsi roboanti
ti promettono il cielo
tu racimoli il raccolto
e altri te lo rapinano.

Ma verrà prima o poi un giorno
che diventerai padrone
senza dolori, senza sospiri
a bere il tuo ouzo

Ti fanno discorsi roboanti
ti promettono il cielo
tu racimoli il raccolto
e altri te lo rapinano.

12. Amata mia


Le notti quando venivo insieme a te
ci sorprendeva il levar del sole
era dolce e bella la tua forma
ah, risorgevo al tuo bacio, al tuo bacio.

Amata mia, nella golena
solo mi trovò anche quest'annata
solo mi trovò anche quest'annata
sono solo come un cane, come un cane

Conto gli anni della solitudine
e anelo al tuo arrivo come un tempo
percorro strade, mari e paesi
ma non riesco a trovarti,
a trovarti.

Amata mia, nella golena
solo mi trovò anche quest'annata
solo mi trovò anche quest'annata
sono solo come un cane, come un cane

13. Festa paesana


Festa festa festa
prendetevi per mano ragazzi
che più non vi faccia ombra la paura
battano i tamburelli
e gioiscano i paesani.

Su, su ancora uno
per la libertà
che il buon tempo arrivi nei villaggi
che il buon tempo arrivi nei villaggi.

Festa festa festa
festa festa festa

Festa festa festa
prendete ouzo grappa
avremo un buon raccolto
oh, quanto è triste che anche in festa
la madre perda il suo ragazzo

Su, su ancora uno
per la libertà
che il buon tempo arrivi nei villaggi
che il buon tempo arrivi nei villaggi.

Festa festa festa
festa festa festa

Festa festa festa
canta tutte le canzoni che ti pare
che l'altrieri non cantavi
tutti insieme nella gioia
ma anche nella mala sorte

Su, su ancora uno
per la libertà
che il buon tempo arrivi nei villaggi
che il buon tempo arrivi nei villaggi.

Festa festa festa
festa festa festa

Contributed by Gian Piero Testa - 2011/11/29 - 15:38


Bello il lavoro che state facendo. Approfitto che è ancora in corso, perché come al solito, mi è sfuggito qualcosa.
Mando tutta la trad. della VII canzone (Andypas), dove non ho rilevato che un verso non era ripetuto, ma è differente.

Gian Piero Testa - 2011/11/29 - 19:26


Grazie a te per l'ennesima volta, Gian Piero; le tue pagine meritano davvero il trattamento più accurato. Anche per questo motivo, vorrei un po' "venturizzarti" per l'ennesima volta, pregandoti: a) di non mettere gli accenti sui nomi traslitterati; b) di riportare ogni altra parola greca (compresi i titoli delle canzoni) nel suo alfabeto originale. So di essere piuttosto "talebano" in questo, ma del resto è qualche annetto (facciamo un tremila, più o meno) che il greco si scrive con l'alfabeto greco. E chi non lo sa leggere, lo impara. E lo dico nella maniera più crudele possibile; però mi da un fastidio quasi fisico vedere il greco traslitterato (del "Greeklish" non parlo neanche, impiccherei volentieri chi lo ha inventato). Scusami per l'ennesima "tirata" ma rimettere una tua pagina è assai impegnativo :-PP (e grazie ancora).

NB Per una mia squisita contraddizione, invece adoro vedere i nomi in alfabeto latino traslitterati in greco :-PP

Riccardo Venturi - 2011/11/29 - 19:50


Eh, Riccardo...Io in Grecia ci andavo con la Ventouris Ferries, dopo molti anni di Magistrala iugoslava, e ora, vedi un po', ci torno con i ferri di Venturi. Obbedisco, naturalmente, per quanto riguarda le traslitterazioni. Obbedisco come un bravo soldato, solo perché il mio generale è come Garibaldi, e combatte davanti a me, e assai meglio di me, e mangia la mia stessa sbobba, e dorme sulla nuda terra guardando le stelle. E mi fa delle pagine sontuose, di cui i Greci non devono essersi ancora accorti, perché un'antologia della canzone civile greca come quella che ha preso corpo qui non devono avercela da nessuna parte, altrimenti anche noi vi saremmo capitati. Vedi, io tendo a traslitterare: un po' - lo ammetto - per pigrizia, perché, se passare all'alfabeto greco per me è elementare, una volta che le parole sono scritte, me le devo ripassare tutte per posare gli accenti, e non mi diverto; e un po' perché penso di non scoraggiare i nostri visitatori che il greco non l'hanno studiato. Già io scrivo in modo antiquato, periodi lunghi con una quantità di subordinazioni e incidentali, e uso addirittura il congiuntivo: un modo che scoraggia la lettura. Se poi un poveretto ha anche da decifrare parole scritte in alfabeto greco, secondo me, volta la pagina, e chi s'è visto s'è visto. Capita anche a me, quando trovo l'alfabeto cirillico: lo so che dal greco al cirillico il passo è breve, ma io non l'ho ancora fatto; e penso che non molti abbiano voglia di compitare le scritte greche, solo perché il Riccardo e il Gian Piero ci tengono tanto. In ogni caso mi adeguo, e il prossimo invio - che riguarderà ancora Bakalakos- sarà "comme il faut ici". Un immenso grazie per la tua magnifica opera.

Gian Piero Testa - 2011/11/29 - 22:50


Figurati se non conosco la Ventouris Ferries...una volta, al Pireo, mentre stavo facendo un biglietto di ritorno per l'Italia, andai clamorosamente a sbattere contro una porta a vetri talmente lucida che non me n'ero letteralmente accorto. L'intero ufficio si arrovesciò dalle risate. Poi mi chiesero il nome, e quando dissi "Venturi" calò un improvviso silenzio. Fu allora che pronunciai le storiche parole: "Yes, I'm the boss' son, all of you folks are fired"; dopo un attimo di agghiacciante sconforto, giù di nuovo risate :-PP

Ancora mi devo scusare con te per tutte queste magagne che ti pongo, ma è più forte di me. Quando metto mano a una tua pagina, mi ripugnerebbe che non fosse men che perfetta (e dire che ce ne sarebbero tante da fabbricare o da rimettere, ma purtroppo mi ci vorrebbero davvero degli aiutanti per farlo). Ciononostante, ci siamo dati da fare ammodino, è vero. Boh, chissà, forse il motivo per cui ci siamo dati da fare così (e non solo per le canzoni greche) è proprio perché non ci aspettiamo nulla, né glorie e né onori, e che facciamo le cose per il semplice amore di farle; l'essenza dell'otium.

Comunque penso sinceramente che un visitatore di una pagina come questa non sia poi poi scoraggiato dal greco; forse, però, è tutta colpa della mia particolare forma mentis. Se io vedo una pagina con nomi scritti, poniamo, in georgiano, io piglio e vo a impararmi diritto l'alfabeto georgiano. Tanto più che ora, con Internet, la cosa è diventata davvero accessibile a tutti; mi ricordo anche fin troppo bene di quando, per imparare qualcosa su date lingue, ero costretto a seppellirmi in qualche biblioteca o aspettare che nelle vecchie e bellissime librerie fiorentine (ora tutte chiuse, o quasi, per far posto a straccerìe varie) arrivasse qualche libro di contrabbando. Quindi, sicuramente, avrai ragione tu; ma io continuo ingenuamente a credere che vi sia una briciola della bellezza dell'Universo nel capire come e perché Μπακαλάκος debba leggersi Bakalákos.

Riccardo Venturi - 2011/11/30 - 00:36


Εἶμαστε ἀπό καλή γενιά.

Gian Piero Testa - 2011/11/30 - 06:56


Su Antypas e le agitazioni dei contadini tessali del 1910, vedi questo spezzone documentario della radiotelevisione greca:Κιλελέρ - 6 Μαρτίου 1910

Gian Piero Testa - 2012/11/11 - 11:38


è un piacere leggervi, venturik e giangian, in queste scaramucce traslitteratorie :-)))

laDilillo - 2013/2/9 - 15:46



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org