Language   

Soul Train

Sud Sound System
Language: Italian (Pugliese Salentino)

List of versions


Related Songs

Niente armi
(Sud Sound System)
We are one
(Lukania no borders)
Per Guido Rossa
(Kalàscima)


[1996]
Album: Comu 'na petra

sss

Il pallido politico pare sia Silvio Berlusconi, a cui poi la canzone è stata dedicata, ma non mancano davvero personcine afFini..
Ehi, a ddu sta bbai ahi? su drhu trenu nu 'nci ha statu mai..
Ehi, a ddu sta bbai? ahi su drhu trenu nu 'nci ha statu mai..

Pallidu politicu nun ci ha statu mai in seconda classe
sul treno che va da Lecce a Schauffausen chinu de gente
sì ma gente ca sta' fugge
lontano dalla loro terra d'origine
amara e resa pesante come il piombo
mandata allo sbaraglio
lasciata affondare tradita, depredata, sbranata e violentata
e me chiedi se cussì se po campa'?
Jeu la sacciu peccè lu portu lu paccu de cartune
tenutu cu la corda fina comu quiddhru
ca ui viditi purtare sulli binari delle stazioni
de nu meridionale quista è la soluzione
gente costretta all'imigrazione
e le promesse mai mantenute fatte de parole parole
e sulamente parole -poi partire via tornare e andare via
quandu lu mundu nìa destinati a quai
cu murimu a ddrhu imu nati ma de ddhru poi ni'ndannu scacciati
se quistu è giustu o nu bbé giustu iddhri li "signori"se 'nde futtenu
quiddhri l'ignoranza se la sfruttanu

Perché a quai du nui tutti quanti a nu partire
la fatìa nun c'ète li piccinni hannu a manciare
la valigia de cartune stae pronta
mintici lu mieru
l'oliu lu casu recotta
ca lu patrunu subbra te sta spetta
stae subbra cu la fatìa pronta
quiddhru ca nu bole face la gente colta
ma tie hai besegnu e ha ingoiare
'stu boccone amaru li piccinni hannu 'a mangiare
Partono i treni carichi da Lecce
nella valigia lacrime amarezze
Partono i treni carichi da Lecce

Ehi, a ddu sta bbai-ahi? su drhu trenu nu 'nci ha statu mai..
Ehi, a ddu sta bbai ahi? su drhu trenu nu 'nci ha statu mai..


Nella realtà vorresti finisse
per lasciarla alle spalle
il destino ha l'ultima sorpresa da farti
la 'Sacra Corona' sui binari la bomba è venuta a portarti
e i politici disonesti senza scrupoli e faccia
arraffano ingordi ma mai binchiati de sordi
ammenu cu bu vannu torti
avete distrutto generazioni con ogni mezzo
siete criminali, teste te cazzo
che se campanu su lu sangu de la povera gente
quista è la realtà mutu semplicemente..

E rriintra 'na citta ca nu sai a ddhru a scire
addhru la gente camina a tutte le ure
te piensi c'ha risoltu ca la vita ha a migliorare
ma tieni auri problemi auri problemi te affrontare
la gente ca nun te parla, ca te disprezza
te trattanu peciu peciu te na pezza
cussi 'ncigna n'idea a intra lu core
la terra te lu sule la terra de l'amore

Partono i treni carichi da Lecce
nella valigia lacrime amarezze
Partono i treni carichi da Lecce
nella valigia lacrime amarezze

Tie nun ci hai statu mai subbra ddhru trenu!

Ehi, a ddu sta bbai-ahi? su drhu trenu nu 'nci ha statu mai..
Ehi, a ddu sta bbai ahi? su drhu trenu nu 'nci ha statu mai..

(Tu nun ci ha statu mai subbra ddhru trenu...)

Contributed by giorgio - 2011/6/25 - 09:58



Language: Italian

Versione italiana
SOUL TRAIN

Ehi, dove vai? su quel treno non sei stato mai.
Ehi, dove vai, su quel treno non sei stato mai.

Pallido politico non sei mai stato in seconda classe,
sul treno che va da Lecce a Schauffausen; pieno di gente
sì, ma di gente che sta fuggendo
lontano dalla loro terra d'origine,
amara e resa pesante come il piombo,
mandata allo sbaraglio,
lasciata affondare, tradita, depredata, sbranata e violentata,
e mi chiedi se così si può vivere?
Io lo so perché lo porto il pacco di cartone
tenuto da una cordicella come quello
che vedete portare sui binari delle stazioni
per un meridionale questa è la soluzione;
gente costretta all'emigrazione
per le promesse mai mantenute fatte di parole parole
solamente parole, poi partire, via tornare e andare via,
quando il mondo ci aveva destinati qui,
per morire dove siamo nati, ma da dove poi ci hanno scacciati.
Ma se questo è giusto o non è giusto, loro, 'i signori', se ne fottono, quelli sfruttano l'ignoranza.

Perché nel sud siamo costretti ad emigrare,
il lavoro non c'è, i bambini devono mangiare.
La valigia di cartone è pronta,
mettici l'olio,
il vino, cacio ricotta,
perché il padrone ti aspetta:
sta lì con il lavoro pronto,
quello che non vuole fare la gente colta,
ma ne hai bisogno e devi ingoiare
questo boccone amaro, i bambini devono mangiare.
Partono i treni carichi da Lecce,
nella valigia lacrime e amarezze.
Partono i treni carichi da Lecce..

Ehi, dove vai? su quel treno non sei stato mai,
Ehi, dove vai, su quel treno non sei stato mai..


Nella realtà che vorresti finisse
per lasciarla alle spalle,
il destino ha l'ultima sorpresa da farti:
la 'Sacra Corona' sui binari la bomba è venuta a darti;
e i politici disonesti senza scrupoli e faccia
arraffano ingordi ma mai sazi di soldi,
che vi vadano almeno di traverso.
Avete distrutto generazioni con ogni mezzo,
siete criminali, teste di cazzo,
che vivono sul sangue della povera gente.
Questa è la realtà molto semplicemente.

E arrivi in una città in cui non sai dove andare,
dove la gente cammina a qualsiasi ora.
pensi di aver risolto, che la vita migliorerà,
ma hai altri problemi, problemi da affrontare:
la gente che non ti parla e ti disprezza,
ti trattano ancor peggio di uno straccio.
Così nasce un'idea nel cuore:
tornare nella terra del sole, nella terra dell'amore.

Partono i treni carichi da Lecce,
nella valigia lacrime, amarezze.
Partono i treni carichi da Lecce,
nella valigia lacrime, amarezze.

Tu non ci sei stato mai su quel treno...

Ehi, dove vai? su quel treno non sei stato mai,
Ehi, dove vai, su quel treno non sei stato mai..

(Tu non ci sei mai stato su quel treno..)

Contributed by giorgio - 2011/6/25 - 16:54



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org