Language   

Partir Loin

113
Languages: French, Arabic

List of versions


Related Songs

Canzone dei Precari
(Quartetto Urbano)
Mineros
(Yu Kung)
Un jour de paix
(113)


feat. Reda Taliani

Mimmo Paladino - Porta di Lampedusa Porta d’Europa
Mimmo Paladino - Porta di Lampedusa Porta d’Europa

Reda TalianiE se a capire che cosa succede a Lampedusa ci aiutasse di più una canzone che non un'analisi politica? Che potenziale ha un paese dove i tormentoni del rap incoraggiano i giovani a viaggiare? Dove la cultura di massa dice che bisogna partire lontano, andare via, evadere, come da una prigione, per vedere il mondo. Di canzoni così ce ne sono decine. Dal Marocco all'Egitto. Ma su tutte spicca il grande successo di "Partir loin", una canzone algerina dei rapper Reda Taliani e 113.

La prima incisione risale al 2005, ma ancora oggi vale la pena ascoltarlo. Primo perché ha un ritmo irresistibile. Secondo perché ci aiuta a capire cosa succede a Lampedusa. Ricordandoci - e quanto ne abbiamo bisogno! - che i 20.000 ragazzi tunisini arrivati sull'isola, che ci piaccia o no, non sono disperati. Non sono rifugiati politici. Non sono profughi di guerra. Sono innanzitutto ragazzi, con il loro gusto per le sfide e per i sogni da inseguire. Esattamente come noi che facciamo improbabili viaggi verso il sud del mondo. Entrambi alla ricerca del diverso, dell'altro, dell'altrove. Ma con una differenza importante. Che in Tunisia i giovani hanno appena vissuto una rivoluzione, e hanno imparato sulla propria pelle che ribellarsi è giusto. E magari senza neanche averlo razionalizzato, hanno iniziato a ribellarsi all'ingiustizia della frontiera. Vogliono andare a Parigi dai parenti, vogliono lavorare qualche mese, sono curiosi di vedere la riva nord per raccontarlo agli amici, vogliono fidanzarsi con un'italiana. Vogliono viaggiare. Il perché, sono fatti loro. Dopotutto viaggiare non è un'esclusiva dei disperati, ma al contrario è una parte imprescindibile della vita di ogni ragazzo nel mondo globale di oggi. Se non fosse che le nostre ambasciate da anni vietano a tutta una generazione in Africa di poter viaggiare legalmente con un visto sul passaporto.
Per incuriosirvi, abbiamo pure tradotto le parole di "Partir loin" dall'arabo all'italiano.

Ascoltatela e leggete il testo. Forse servirà più delle parole dei tanti vecchi editorialisti riciclati che in questi giorni riempiono a sproposito le pagine dei nostri giornali, anziché godersi la pensione. Sull'altra riva c'è un'intera generazione che reclama il viaggio. Per motivi futili e proprio per questo dissacranti. Fossero arrivati in aereo direttamente a Parigi nemmeno ce ne saremmo accorti, e metà di loro sarebbero già tornati a casa. Per quello ripeto che in fondo non è un male che Lampedusa sia sovraffollata. Perché tutto questo ci pone delle questioni serie in modo esplosivo. Non limitiamoci a chiedere un permesso di soggiorno per motivi umanitari. Perché tra sei mesi si ripresenterà di nuovo la stessa questione. Il punto è un altro. Ed è che il regime di criminalizzazione della libertà di circolazione deve cadere, esattamente come sono cadute le dittature del sud del Mediterraneo. I tempi sono ormai maturi. Buon ascolto.

(Gabriele Del Grande, da Fortress Europe)
refrain:Reda Taliani

Yal babour yamon amour
Khrrejni men la misere
Fi bladi rani mahgoure
Aite aite ou j'en ai marre
manrattéch l'occasion
Fi bali sa fait lontemps
Hadi nessetni qui je suis
Nkhdem 3liha jour et nuit
Yal babour ya mon amour
Khrrejni men la misère
Evasion spéciale men L'Algérie l'occidentale

Rim-k
Moi j'suis de kabylie fornie
On fumait 350 benji
Sur les bords de la corniche
Habsini maalich
Rien a perdre Rim-k le malade mentale
plus connu que le hadj memba
Jvoudrais passé le hénné a ma bien aimée
Avant que je taille
Comme cheb Hasni jsui sentimentale
Partir loin, rien à perdre
Fi Boston ou la chepa
Laissez moi de toi
Comme Robinson sur une île
Mon mouton je l'apellerai Mercredi
Dès que l'avion atterie j'applaudi
Comme les chibanies j'vous rends la carte de residence
Un moment d'évasion ya hmar lève toi et danse

Réda taliani
ça fait plaisir

refrain: Reda taliani

Yal babour yamon amour
Khrrejni men la misere
Fi bladi rani mahgoure
Aite aite ou j'en ai marre
manrattéch l'occasion
Fi bali sa fait lontemps
Hadi nessetni qui je suis
Nkhdem 3liha jour et nuit
Yal babour ya mon amour
Khrrejni men la misère
Evasion spéciale men L'Algérie l'occidentale

Rim-k
Jreste bledar, debrouillard
Jtannonce ammene moi loin de la misere
Mon plus fidele compagnon en route pour l'eldolado
Tellement plein c'est quoi dirou lsac a dos
Partir loin sans les cousins
Les plans à l'arache c'est dur
Jme considère chanceux d'etre en vie
Pourvu que sa dure
J'ai grandis qu'avec des voleurs
Du haut toujours les youyous qui résonne
Dans ma tete etre a la quete du bonheur

Reda Taliani

Ya bladi nti fik el khir
yedih eli 3ndou ezhar i3ich
li3ndou lktaf wou tzidilou lmal el bahr

refrain: Reda Taliani

Yal babour yamon amour
Khrrejni men la misere
Fi bladi rani mahgoure
Aite aite ou j'en ai marre
manrattéch l'occasion
Fi bali sa fait lontemps
Hadi nessetni qui je suis
Nkhdem 3liha jour et nuit
Yal babour ya mon amour
Khrrejni men la misère
Evasion spéciale men L'Algérie l'occidentale

refrain: Reda Taliani

Yal babour yamon amour
Khrrejni men la misere
Fi bladi rani mahgoure
Aite aite ou j'en ai marre
manrattéch l'occasion
Arwah arwah c'est le moment
Hada nessetni qui je suis
Nkhdem 3liha jour et nuit

Yal babour yamon amour
Khrrejni men la misere
Fi bladi rani mahgoure
Aite aite ou j'en ai marre
N'sacrifie ou ndire
edar ew hata ana ma nwelish

eh ya ya ya ya yahhhhh

2011/4/6 - 23:05



Language: Italian

Versione italiana di Gabriele Del Grande
PARTIRE LONTANO

ritornello: Reda Taliani

O barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
nel mio paese mi sento umiliato
sono stanco e mi sono stufato
stavolta non perderò l'occasione
nella mia testa è da un sacco di tempo
l'emigrazione mi ha fatto dimenticare chi sono
ci lavoro su giorno e notte
o barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
evasione speciale dall'Algeria all'occidentale

Rim-k
Io sono della Cabili-fornia
fumavamo 350 benji
sul bordo della Corniche
arrestatemi non importa
non ha niente da perdere Rim-k il malato mentale
più conosciuto del Haj Memba
vorrei mettere il hénné alla mia amata
prima di tagliare
come cheb Hasni sono un sentimentale
a Boston o non so dove
lasciatemi
come Robinson su un'isola
la mia pecora la chiamerò mercoledì
e quando l'aereo atterra applaudirò
come gli chibanies vi restituisco la carta di residenza
un momento d'evasione dai asino alzati e balla

Réda Taliani
mi fa piacere

ritornello: Reda Taliani

O barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
nel mio paese mi sento umiliato
sono stanco e mi sono stufato
stavolta non perderò l'occasione
nella mia testa è da un sacco di tempo
l'emigrazione mi ha fatto dimenticare chi sono
ci lavoro su giorno e notte
o barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
evasione speciale dall'Algeria all'occidentale

Rim-k
Resto un paesano, pieno di risorse
e ti annuncio portami lontano dalla miseria
mio più fedele compagno sulla strada per l'eldorado
così pieno cos'è dentro lo zaino
partire lontano senza i cugini
il piano è duro
mi considero fortunato di essere in vita
a condizione che duri
sono cresciuto solo con dei ladri
dall'alto sempre i gridi di gioia che risuonano
nella mia testa alla ricerca della felicità


Reda Taliani

O paese mio, in te c'è la ricchezza
ma la prende solo chi ha fortuna, vive bene
chi ha le spalle e per loro aggiungi acqua al mare
(ovvero fai stare ancora meglio chi è già raccomandato)

ritornello: Reda Taliani

O barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
nel mio paese mi sento umiliato
sono stanco e mi sono stufato
stavolta non perderò l'occasione
nella mia testa è da un sacco di tempo
l'emigrazione mi ha fatto dimenticare chi sono
ci lavoro su giorno e notte
o barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
evasione speciale dall'Algeria all'occidentale

ritornello: Reda Taliani

O barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
nel mio paese mi sento umiliato
sono stanco e mi sono stufato
stavolta non perderò l'occasione
vai vai è arrivato il momento
l'emigrazione mi ha fatto dimenticare chi sono
ci lavoro su giorno e notte

O barca, amore mio
portami fuori dalla miseria
nel mio paese mi sento umiliato
sono stanco e mi sono stufato
Mi sacrificherò e farò una casa
oppure non ritornerò indietro

eh ya ya ya ya yahhhhhhh

2011/4/6 - 23:07



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org