Language   

Deo no isco, sos carabineris

Coro Rubanu Orgosolo
Language: Sardinian

List of versions


Related Songs

A Nanni Sulis II
(Peppino Mereu)
Ammenta
(Kenze Neke)
Miniera
(Tenores di Neoneli)


[1892?]

Canzone il cui testo è un estratto di una delle poesie di Peppino Mereu indirizzate al suo amico Nanni Sulis.
Nell’album “Su lamentu de su pastore” del 1975, il disco più celebre dei tenores orgolesi raccolti intorno alla figura di Niccolò Giuseppe Rubanu

Coro Rubanu Orgosolo

I Kenze Neke la reinterpretarono più tardi proponendola sia nell’ep “Gherramus tott'impare” del 1995 (con gli Askra) sia nel successivo album “Liberos, rispettatos, uguales” del 1998.

Kenze Neke

Jago Siotto (1876-1958), il nome citato nella terz’ultima strofa, è stato un avvocato e militante socialista sardo.
Deo no isco, sos carabineris
in logu nostru prit'est chi bi sune,
e no arrestant sos bangarrutteris.

Bi cheret una furca e una fune,
e impiccar'impiccare continu,
finas a si purgare sa Comune.

Torret sa legge de Villamarinu:
pro chi su male non fettat cangrena
bi cheret a duttore su boccinu.

Viles c'hant meritadu sa cadena,
sa giustissia puru hana trampadu,
gai s'hant infrancadu dogni pena.

Mentres chi unu poveru appretadu
furat pro s'appititu unu cogone,
lu 'ides arrestadu e cundennadu.

Su famidu chi furat un'anzone
est cundennadu dae sos giurados
fin'a degh'annos de reclusione.

E narrer chi b'hat palattos fraigados
dae sa man'infam' 'e sa rapina,
sos meres, ladros, sunt pius amados!

Sa ros'in custos tempos est ispina,
o'in die s'ispina si nàt rosa:
si pagat su piuer pro farina.

Sa limba de s'infamia velenosa
si una rosa b'hat gentil'e bella,
ti la dipinghet fea e ispinosa.

Miseru chie corcad'in carrella,
e in nottes serenas de lugore
pro ips’in chelu non lught istella.

Miserinu su c'andat pedidore
a pedir'unu bicculu 'e pane
a su gianile de calchi segnore.

Su riccu dàt biscottos a su cane,
e a su poveru narat: «Preizosu,
trivaglia, e dae me istad'addane».

Su chi no est istadu bisonzosu
incapaz’est de bonas aziones,
non podet esser mai piedosu.

Tottu sos poverittos sunt mandrones
pro sos attattos, ca no hant connotu
famen, affannos e afflissiones.

Ma si s'avverat cuddu terremotu,
su chi Giagu Siotto est preighende,
puru sa poveres'hat haer votu.

Happ'a bider dolentes esclamende:
«Mea culpa», sos viles prinzipales;
palatos e terrinos dividende.

Senza distinziones, curiales
devimus esser, fizos d'un'insigna,
liberos, rispettados uguales.

Contributed by Bartleby - 2011/3/24 - 13:43



Language: Italian

Traduzione italiana di Marco Maulu, trovata su Onemoreblog, da “Peppino Mereu. Poesias”, 2004.
IO NON SO, I CARABINIERI

Io non so, i carabinieri,
da noi che ci stanno a fare,
e non arrestano i bancarottieri.

Ci vuole una forca e una fune,
e impiccare, impiccare di continuo,
finché non si sia purgato il Comune.

Torni la legge di Villamarina:
perché il male non vada in cancrena
ci vuole come dottore l’aguzzino.

Vili che hanno meritato la catena,
hanno ingannato anche la giustizia,
così si sono affrancati da ogni pena.

Mentre un povero bisognoso
che ruba per fame un pane,
lo vedi arrestato e condannato.

L’affamato che ruba un agnello
è condannato dai giurati
anche a dieci anni di reclusione.

E dire che ci sono palazzi costruiti
dalla mano infame della rapina,
i padroni, ladri, sono più amati!

La rosa in questi tempi è spina,
oggi la spina si chiama rosa:
si paga la polvere per farina.

La lingua dell’infamia velenosa
se esiste una rosa gentile e bella
te la dipinge brutta e spinosa.

Misero chi dorme per strada,
e nelle notti serene di luce
per lui nel cielo non brilla una stella.

Poverino colui che va elemosinando
a chiedere un tozzo di pane
sulla soglia di qualche signore.

Il ricco dà biscotti al cane,
e al povero dice: «Poltrone,
lavora e da me stai lontano».

Chi non è stato bisognoso
è incapace di buone azioni,
non può essere mai pietoso.

Tutti i poveretti sono poltroni
per chi è sazio, perché non hanno conosciuto
fame, affanni e afflizioni.

Ma se s’avvera quel terremoto,
quello che Jago Siotto va predicando,
anche la povertà avrà il voto.

Vedrò dolenti esclamare:
«Mea culpa», i vili padroni;
dividendo palazzi e terreni.

Senza distinzioni, curiali
dobbiamo essere, figli d’un’insegna,
liberi, rispettati, uguali.

Contributed by Bartleby - 2011/3/24 - 13:45



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org