Language   

Μετανάστης

Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης
Language: Greek (Modern)

List of versions


Related Songs

Τῆς ξενιτιάς (Φεγγάρι μαγιά μοῦ 'κανες)
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)
Όταν μιαν άνοιξη
(Mikis Theodorakis / Mίκης Θεοδωράκης)
Ο μετανάστης
(Apostolos Kaldaras / Απόστολος Καλδάρας)


Metanástis
theodypografi
Στίχοι: Δημήτρης Χριστοδούλου
Μουσική: Μίκης Θεοδωράκης
Πρώτη εκτέλεση: Στέλιος Καζαντζίδης με Μαρινέλλα
Πολιτεία - 1961

Testo di Dimitris Hristodoulou
Musica di Mikis Theodorakis
Prima esecuzione di Stelios Kazantzidis con Marinella
LP: "Politìa - Città" - 1961

Ο Στέλιος Καζαντζίδης. Stelios Kazantzidis.
Ο Στέλιος Καζαντζίδης. Stelios Kazantzidis.


Non si può, onestamente, ricordare i Greci emigrati, senza le canzoni di Stelios Kazantzidis. Fu sua la voce che accompagnò i migranti in tutte le regioni della Germania e degli altri paesi della diaspora, erano sue le cassette musicali che raggiungevano gli operai greci accampati nelle baracche dentro i pacchi di casa che portavano qualche sapore e aroma di Grecia, e che erano infinitamente più importanti dei cibi e delle sante icone di famiglia. Dalla bocca di Stelios, diceva la cantante Marinella che a lungo fu la sua compagna, non uscì una parola che non gli fosse passata per il cuore. Voce forte, limpida, bella; canzoni dagli echi rebetici; testi pieni di un pathos senza ritegno, che i poeti e i musicisti di formazione colta assecondavano senza puzza al naso.
Una popolarità diretta, spontanea, un'identità perfetta tra l'interprete e il suo pubblico. Oggi ci viene qualche volta da storcere il naso, il nostro, che cerca profumi sottili. Ma per gli emigranti, Stelios esprimeva tutto il loro mondo di gente semplice, pulita, appassionata. Spesso mi domando che musica e che parole mandino le famiglie agli immigrati di casa nostra e mi piacerebbe riuscire a conoscerla e anche un poco a capirla, come mi accade con quella dei Greci. (gpt)
Καράβι ποιος σε κέντησε, ποιος σού 'βαψε τα ξάρτια
για να με πάρεις μακριά και να δακρύσουνε πικρά
και να δακρύσουνε πικρά της μάνας μου τα μάτια

Φεύγω γιατί με πίκρανε
η φτώχεια και ο πόνος
είχε πνιγεί η ελπίδα μου
είχε σβηστεί ο ήλιος μου
κι είχε χαθεί
κι είχε χαθεί ο δρόμος

Με δέρναν όλοι οι καιροί, μου πάγωναν τα μάτια
μου κάναν πέτρα το ψωμί, μου κάναν βούρκο το νερό
μου κάναν βούρκο το νερό και την καρδιά κομμάτια

Φεύγω γιατί με πίκρανε
η φτώχεια και ο πόνος
είχε πνιγεί η ελπίδα μου
είχε σβηστεί ο ήλιος μου
κι είχε χαθεί
κι είχε χαθεί ο δρόμος

Δεν μού 'χαν μείνει ν' αγαπώ δυο χέρια ν' αγκαλιάζω
μόνο τα χείλη με καημό και μια φωνή με πυρετό
και μια φωνή με πυρετό τον πόνο να φωνάζω

Φεύγω γιατί με πίκρανε
η φτώχεια και ο πόνος
είχε πνιγεί η ελπίδα μου
είχε σβηστεί ο ήλιος μου
κι είχε χαθεί
κι είχε χαθεί ο δρόμος

Contributed by Gian Piero Testa - 2010/12/6 - 01:08



Language: Italian

Gian Piero Testa.
Gian Piero Testa.

Versione italiana di Gian Piero Testa
EMIGRANTE

Bastimento chi ti ha agghindato, chi ti ha dipinto le sartie
per portarmi via lontano e per far piangere amaramente
e per far piangere amaramente gli occhi della mia mamma?

Parto perché mi rattristano
la povertà e il dolore
era stata strozzata la mia speranza
era stato spento il mio sole
e si era persa
si era persa la strada

Mi sbattevano tutte le tempeste, che mi gelavano gli occhi
hanno fatto una pietra del mio pane, fango della mia acqua
fango della mia acqua e fatto a pezzi il cuore

Parto perché mi rattristano
la povertà e il dolore
era stata strozzata la mia speranza
era stato spento il mio sole
e si era persa
si era persa la strada

Non mi sono restate nemmeno due braccia per amare per un abbraccio
solo le labbra con il dolore e una voce con la febbre
e una voce con la febbre per gridare la mia pena

Parto perché mi rattristano
la povertà e il dolore
era stata strozzata la mia speranza
era stato spento il mio sole
e si era persa
si era persa la strada

Contributed by Gian Piero Testa - 2010/12/6 - 08:25



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org