Language   

Operation MOVE

Leftöver Crack
Language: English


Related Songs

World War 4
(Leftöver Crack)
The City of Soul
(Eurogliders)


[2004]
Album “Fuck World Trade”

B0002J485M

MOVE era una comune radicale costituitasi all’inizio degli anni 70 a Philadelphia.
I suoi aderenti erano un po’ fuori di coccia, ma non erano certo dei terroristi, anzi, professavano il ritorno nel continente africano (molti di loro, ma non tutti, erano afro-americani), il rispetto per la natura e gli animali, il rifiuto per la tecnologia… Certo, nel quartiere vittoriano del Powelton Village dove avevano eletto la loro sede, i vicini di casa non erano affatto contenti di quei ragazzi rumorosi e sudicioni, sicchè si rivolsero alle autorità perché i MOVE fossero allontanati. All’epoca molti militanti rivoluzionari preferivano reagire alle aggressioni della polizia piuttosto che subirle… Così fecero i MOVE quando, nel 1978, la polizia di Philadelphia tentò una prima volta di sgomberarli: ci scappò il morto (un poliziotto), e molti MOVE furono sentenziati e imprigionati per l’omicidio… Mi sa che sono ancora dentro oggi.



La comunità, o quel che ne restava, si spostò nel quartiere di Cobbs Creek, tutto afro-americano, ma nemmeno lì si fece benvolere: dovevano essere dei gran cagacazzo ‘sti MOVE, con la loro propaganda rivoluzionaria ad ogni ora del giorno e della notte e i loro cumuli di rifiuti con cui realizzavano il compost per gli orti che coltivavano per provare a garantirsi l’autosufficienza alimentare… Il 13 maggio 1985 la polizia di Philadelphia intervenne ancora in forze per imporre un nuovo sgombero… Fu un vero assedio in stile guerre indiane: lacrimogeni, idranti, e poi una violenta sparatoria che durò due ore ininterrotte. Visto che i MOVE non si arrendevano, e senza tenere in conto che tra gli assediati c’erano donne e bambini, la polizia decise di passare al bombardamento aereo e da un elicottero fu gettata sulla comunità una bomba potentissima costituita da C4 e Tovex…



La terribile esplosione causò un enorme rogo in cui trovarono al morte 11 membri dei MOVE, tra cui 5 bambini… Chi cercava di trascinarsi all’aperto, veniva seccato dai cecchini...L’incendio si propagò poi all’intero quartiere, distruggendo una sessantina di abitazioni…
I responsabili del massacro e della devastazione non furono mai nemmeno incriminati.
Solo nel 1996 una corte federale condannò la città di Philadelphia a risarcire con 1.5 milioni di dollari i parenti di alcune delle vittime.
Philadelphia è ancora oggi beffardamente chiamata “La città che bombardò sé stessa”.

(fonte: en.wikipedia)
Philadelphia
Seventy-Eight
Shut down M.O.V.E.
By police state
Forty-five police storm Powellton Village
Government sanctioned rape and pillage
Friendly fire kills officer dead
The M.O.V.E. nine are framed up instead
One dead cop
One officer's gun
(One) Unjust system is yet undone
In spite of efforts dissipated
Until the movement was incinerated

May thirteenth
Eighty-five
Eleven people
Burned alive
They dropped the bomb after liquid was doused
To smoke out the family and burn up the house
Sights trained on exits, the police wait
A firing squad for those who fight to escape
M.O.V.E. fought against exploitation
The states injustice and their oppression
For these crimes that the city pigs created
The Africa's were incinerated
Sentence to be incinerated
Sentence to be incinerated

Contributed by The Lone Ranger - 2010/8/5 - 11:13



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org