Language   

L'uomo

Osanna
Language: Italian


Related Songs

The Return Of The Giant Hogweed
(Genesis)
Supper's Ready
(Genesis)
Tell Me Why
(Genesis)


da "L'uomo" (1971)
Lino Vairetti (voce, chitarra acustica, tastiere)
Elio D'Anna (flauto, sax)
Danilo Rustici (chitarra, organo, voce)
Lello Brandi (basso)
Massimo Guarino (batteria, percussioni)


L'uomo


Uno dei più grandi gruppi del prog italiano, gli Osanna erano napoletani, formati nel 1971 da ex componenti dei Volti di Pietra e Città Frontale (un altro gruppo con lo stesso nome si formò dopo lo scioglimento degli Osanna registrando l'album El Tor), il cui tastierista Gianni Leone era entrato nel Balletto di Bronzo. Il fiatista Elio D'Anna proveniva dagli Showmen, gli altri non avevano esperienze musicali significative.

L'uomo, il primo album, pubblicato con la celebre copertina apribile in tre parti, contiene già tutti gli elementi caratteristici del gruppo, la bella voce di Lino Vairetti (con testi anche interessanti), il flauto aggressivo di Elio D'Anna, il fluido stile chitarristico di Danilo Rustici e la solida sezione ritmica di Lello Brandi e Massimo Guarino. Tratti dall'album, L'uomo e In un vecchio cieco vennero pubblicati su 45 giri, tutti e due cominciano con un'introduzione di chitarra acustica seguita da riff di chitarra elettrica e flauto.

Il gruppo suonò molto dal vivo curando in maniera particolare la scenografia, i musicisti indossavano lunghe vesti e avevano i visi dipinti. La collaborazione con gruppi teatrali produsse spettacoli molto interessanti, e unici per il pubblico italiano. Il gruppo suonò anche con i Genesis nel loro primo tour italiano, e chissà che lo spettacolo degli Osanna non abbia influenzato in qualche modo Peter Gabriel...

da Italian Prog
L'uomo, la terra, il cielo, il mare
creare, creare, ovunque creare
Il sole, la luce, il freddo, il calore
l'amore, l'amore, ovunque l'amore

Dai tempi di un tempo
da poco vissuto
l'inizio di un mondo
non certo voluto
agli oggi in cui i sogni
non sono sinceri
nei giorni più tristi, nei giorni più veri

Nel corso di questi
l'orgoglio vivente
ha spinto le forze
del costo di niente
La gente, le razze, il danaro, la terra
L'odio, l'invidia. la forza, la guerra

Momenti di pace
non sempre sfruttati
han reso nei buoni
dei cuori ghiacciati
Si vive e si muore
nel fango e l'orrore
si cercano invano
momenti d'amore

Ahh... ahhh...
Osanna
Ahh... ahhh...
Osanna

2005/8/29 - 14:34



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org