Language   

Fronne d'autunno

Terre del Sud
Language: Italian (Abruzzese)

List of versions


Related Songs

Diversi
(Anemamé)
4 maggio 1944 - In memoria
(Gang)
בּאַבּי יאַר
(Shike Driz / שיקע דריז)



terre del sud


Testo del poeta Camillo Di Benedetto, che racconta del martirio dei giovani di Lanciano (CH), insorti contro i nazi-fascisti il 5 e 6 ottobre 1943.

Tutti ragazzi furono trucidati e per rappresaglia, anche altri inermi cittadini furono passati per le armi.

La rivolta ha fruttato alla città la medaglia d'oro al valor militare (nota per spiegare l'ultima frase della poesia).

Il testo è stato messo in musica da E. Spadano di Terre del Sud.
Ere l’autunne e già le prime fronne
dall’albere cascave piane piane,
la guerre avé bbrusciate mezze mònne
e ‘n’atre e mmezze se ne ste’ bbruscia’.

Lu moste fermentave a li vascièlle
‘nzenbre a le coccia nuòstre, e spanné ‘ll’arie
n’addore che purtè fine a le stelle
l’amore e l’ansie pe’ la libbertà.

Lanciane s’avé ‘mpite di tedesche,
che jave razziènne notte e juòrne
pe’ case e pe’ neguòzie, ere ‘na tresche
che troppe a longhe nen pute’ durà.

Che lu fermente mmezze a li studiènte
ave’ pijjate péde, e ‘na matine,
nghe l’arme, nghe lu core e nghe li diènte,
hanne ite la guerrijje a cumenzà.

Jave ‘sta giuventù contre a la morte
nghe ‘n’aria spenzerate e nu curagge
seppure già sapé la brutta sorte
che a poche passe le stav’aspettà.

E a une a une sò cadute tutte,
proprie gne che le fronne d’autunne:
perciò mò tante mamme veste a lutte
e de li fijje nen zé pò scurdà;

e le stann’aspettà, l’aspett’ancore:
nesciuna cose le po cunsulà,
pure se sa ca la medajja d’ore,
è hisse che l’ha date a ‘sta città.

Contributed by mimmo spadano - 2009/12/27 - 15:26



Language: Italian

Traduzione di "Fronne d'autunno"
FOGLIE D’AUTUNNO

Era l’autunno e già le prime foglie
Dagli alberi cadevano piano piano
La guerra aveva bruciato mezzo mondo
E l’altrà meta stava bruciando.

Il mosto fermentava dentro i tini
Insieme alle nostre teste e spandevano all’aria
Un odore che portava fino alle stelle
L’amore e l’ansia per la libertà

Lanciano si era riempita di tedeschi
Che andavano razziando notte e giorno
Per case e per negozi era un andazzo
Che troppo a lungo non poteva durare

Quel fermento in mezzo agli studenti
Aveva preso piede ed una mattina
Con le armi, con il cuore e con i denti
Sono andati ad iniziare la guerriglia.

Andava questa gioventù contro la morte
Con un’aria spensierata ed un coraggio
Seppure già sapevano della brutta sorte
Che a pochi passi li stava aspettando.

Ed a uno ad uno son caduti tutti
Proprio come quelle foglie dell’autunno
Perciò adesso tante mamme vestono a lutto
E dei figli non possono scordarsi

E li stanno aspettando…li aspettano ancora
Nessuna cosa può consolarle
Pure se sanno che la medaglia d’oro
Son loro che l’hanno data a questa città.

Contributed by mimmo spadano - 2009/12/28 - 10:25


Canzone commovente per i lancianesi. Grazie.

marco - 2009/12/29 - 11:45


Testo da brividi e canzone che lo supporta alla grande.
Il mio primo ascolto, per me non è semplice comprendere bene il linguaggio, già mi ha trasmesso l'emozione e la drammaticità degli accadimenti narrati. Come ho già detto a voce a Mimmo: " Gran bel lavoro, regaz ! "

Paolo Menetti - 2009/12/29 - 14:17


Concordo è una bellissima canzone, mi fa piangere

Sara - 2013/5/30 - 17:47



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org