Language   

Sora Rosa

Antonello Venditti
Language: Italian (Laziale Romanesco)

List of versions


Related Songs

Mio padre è morto a 18 anni partigiano
(Gigi Proietti)
Grecia '67
(Leoncarlo Settimelli)
W lo zingaro
(Presi per caso)


"SORA ROSA": Stupenda canzone in Romanesco di A. Venditti dall'album "THEORIUS CAMPUS", 1972.
Theorius campus

La canzone è un immaginario monologo del cantante con Rosa, una signora Romana ("Sora" in Romanesco).
Dal testo emergono la tristezza e la rabbia per le ingiustizie sociali, la povertà in primo luogo, e l'espressività dei termini è molto accentuata dal poetico utilizzo della lingua Romana.
Ah Sora Rosa me ne vado via,
c'ho er còre a ppezzi pe lla vergogna,
de questa terra che nu' mm'ajjuta mai
de questa ggente che tte sputa 'n faccia,
che nun ha mmai preso 'na farce 'n mano,
che sse distingue pe 'na cravatta.

Me ne vojjo annà da sto paese marcio,
Che c'ha li bbuchi ar posto der cervello,
che vvò mmagnà sull'ossa de chi ssoffre,
che ppenza solo ar posto che ppò pperde.

C'avemo forza e vvoja ppiù de tutti
Annamo là dove ce stanno 'i morti,
anche se ssemo du' ossa de prosciutti
ce vederà chi cc'ha gli occhioni sani
che cce dirà: "venite giù all'inferno
armeno c'avrete er foco pell'inverno".

Si c'hai un còre, tu mme pòi capì
Si c'hai 'n ammore, tu mme pòi seguì
Che cce ne frega si nun contamo gnente
Se ssemo sotto li calli della ggente.

Sai che tte dico? Io mo mme bbutto ar fiume!
Così ffinisco de campà sta vita
che a ppoco a ppoco m'ha succato l'occhi
più ddelle pene de Sàtana immortale.

Annamo via, tenémose pe mmano,
c'è ssolo questo de vero pe cchi spera,
che fforze un giorno chi mmagna troppo adesso
possa sputà le ossa che ssò ssante.

Contributed by Dario - 2009/11/17 - 21:50




Language: Italian

Traduzione letterale del testo Romanesco
SIGNORA ROSA

Signora Rosa me ne vado via,
ho il cuore a pezzi per la vergogna,
di questa terra che non mi aiuta mai
di questa gente che ti sputa in faccia,
che non ha mai preso una falce in mano,
che si distingue per una cravatta.

Me ne voglio andare da questo paese marcio,
Che ha i buchi al posto del cervello,
che vuole mangiare sulle ossa di chi soffre,
che pensa solo al posto che può perdere.

Abbiamo forza e voglia più di tutti
Andiamo là dove ci sono i morti,
anche se siamo due ossa di prosciutti
ci vedrà chi ha gli occhioni sani
che ce dirà: "venite giù all'inferno
almeno avrete il fuoco per l'inverno".

Se hai un cuore, tu mi puoi capire,
Se hai un amore, tu mi puoi seguire,
Che ce ne frega se non contiamo niente?
Se siamo sotto ai calli della gente?

Sai che ti dico? Io adesso mi butto al fiume!
Così finisco di vivere questa vita
che a poco a poco mi ha succhiato gli occhi
più delle pene di Satana immortale.

Andiamo via, teniamoci per mano,
c'è solo questo di vero per chi spera,
che forse un giorno chi mangia troppo adesso
possa sputare le ossa che sono sante.

Contributed by Dario - 2009/11/17 - 23:02




Language: English (American)

I lived in Rome in the Mid 1970's and loved this song. For what it's worth here it is in English. Trust me, it's a lot more beautiful in Italian and loses something (literally) in translation (at least my translation).
MRS. ROSA

Ah Mrs. Rosa, I'm leaving here,
my heart is in pieces with shame,
for this land which has never helped me,
for these people who spit in your face,
that have never held a scythe in their hands,
that set themselves apart with a tie.

I want to leave this rotten country,
where they have holes instead of brains,
where they gnaw the bones of those who suffer,
and think only of the position they might lose.

We have strength and desire more than any,
let's go where the dead are,
even if we are but two ham bones,
we'll see the one with the healthy eyes
who'll tell us: "come down to hell,
at least you'll have fire for the winter."

If you have a heart, you'll understand me
If you have love, you can follow me
Who gives a damn if we don't count for anything
If we're under the heels of the people

You know what? I'll throw myself in the river!
That's how I'll put an end to getting through this life
that slowly has taken my eyes
more than the torments of immortal Satan.

Let's go, let's take each others hand,
there is only this truth for those who hope,
that maybe one day those who eat too much now
will spit out the bones that are holy.

Contributed by Neal - 2012/1/25 - 02:26


La bella interpretazione di SYMO



Le mie radici, la mia sensibilità e la mia voce passano per la cultura della città dove sono nata. Ho voluto reinterpretare un grande brano di Antonello Venditti che parla della rabbia e della speranza che appartengono alla città di Roma. Il brivido che si prova a cantare SORA ROSA è qualcosa di indescrivibile.

dq82 - 2017/2/2 - 08:55



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org