Language   

Nasza klasa

Jacek Kaczmarski
Language: Polish

List of versions

Watch Video


Jacek Kaczmarski, Nasza klasa


More videos...


Related Songs

Lekcja Historii Klasycznej
(Jacek Kaczmarski)
Psy Pawłowa
(Republika)
Ballada o spalonej synagodze
(Jacek Kaczmarski)


[1986, 1990]
Testo e musica di Jacek Kaczmarski
Lyrics and music by Jacek Kaczmarski
Album: 1a parte/1st parte: Litania
1a registrazione completa/1st complete recording: Live, 1990


kaczmarski


Di Jacek Kaczmarski avevamo già sentito parlare nelle CCG, con la sua famosa Mury, versione polacca de L'Estaca di LLuís LLach. Canzone di libertà antifranchista catalana che divenne, in Polonia, l'inno di Solidarność, quella primitiva. Grazie a Alessio Lega, che sembra abbia intenzione di tradurla e cantarla in italiano, cominciamo a fare la conoscenza diretta di questo sommo cantautore polacco scomparso in ancor giovane età nel 2004; e, purtroppo, la bieca massima del muor giovane chi agli dèi è caro sembra essere costantemente in agguato. Meglio farsi odiare dagli dèi.

Nasza klasa ("La nostra classe") è la canzone forse più famosa di Jacek Kaczmarski, Mury a parte. Ha una genesi e una storia complicata: scritta nel 1986, la sua prima parte fu pubblicata nell'album Litania, registrato in Australia e pubblicato poi da una casa discografica dal significativo nome di Iron Curtain Records ("Cortina di Ferro Records" o qualcosa del genere). Nel 1990, a Polonia oramai liberata dal comunismo e ricaduta tra le grinfie della chiesa cattolica, la canzone completa fu cantata dal vivo e incisa in un album "Live". Una canzone che è la storia. Vista attraverso quel che ne è stato di una classe liceale degli anni '70, in Polonia. La storia e le storie. Mancano, forse, soltanto i polacchi che non morirono subito, inginocchiati agli ultimi semafori; furono i primi lavavetri, anche se ora nessuno sembra ricordarsene. Caddero muri, ne vennero su di peggiori. [RV]

Co się stało z naszą klasą? Pyta Adam w Tel-Avivie
Ciężko sprostać takim czasom, ciężko w ogóle żyć uczciwie
Co się stało z naszą klasą? Wojtek w Szwecji w porno-klubie
Pisze: dobrze mi tu płacą za to, co i tak wszak lubię
co i tak wszak lubię

Kaśka z Piotrkiem są w Kanadzie, bo tam mają perspektywy
Staszek w Stanach sobie radzi, Paweł do Paryża przywykł
Gośka z Przemkiem ledwie przędą - w maju będzie trzeci bachor
Próżno skarżą się urzędom, że też chcieliby na zachód
że też chcieliby na zachód.

Za to Magda jest w Madrycie i wychodzi za Hiszpana
Maciek w grudniu stracił życie, gdy chodzili po mieszkaniach
Janusz, ten co zawiść budził, że go każda fala niesie
Jest chirurgiem - leczy ludzi, ale brat mu się powiesił
ale brat mu się powiesił.

Marek siedzi za odmowę, bo nie strzelał do Michała
A ja piszę ich historię - i to już jest klasa cała
Jeszcze Filip - fizyk w Moskwie, dziś nagrody różne zbiera
Jeździ kiedy chce do Polski, był przyjęty przez premiera
był przyjęty przez premiera.

Odnalazłem klasę całą na wygnaniu, w kraju, w grobie
Ale coś się pozmieniało: każdy sobie żywot skrobie
Odnalazłem całę klasę wyrośniętą i dojrzałą
Rozdrapałem młodość naszą, lecz za bardzo nie bolało
lecz za bardzo nie bolało.

Już nie chłopcy, lecz mężczyźni. Już kobiety, nie dziewczyny
Młodość szybko się zabliźni, nie ma w tym niczyjej winy
Wszyscy są odpowiedzialni, wszyscy mają w życiu cele
Wszyscy w miarę są normalni, ale przecież to niewiele
ale przecież to niewiele.

Nie wiem sam, co mi się marzy, jaka z gwiazd nade mną świeci
Gdy wśród tych nieobcych twarzy szukam ciągle twarzy dzieci
Czemu wciąż przez ramię zerkam, choć nie woła nikt: Kolego!
Że ktoś ze mną zagra w berka, lub przynajmniej w chowanego
lub przynajmniej w chowanego.

Własne pędy, własne liście zapuszczamy każdy sobie
I korzenie oczywiście na wygnaniu, w kraju, w grobie
W dół, na boki, wzwyż, ku słońcu, na stracenie, w prawo, w lewo
Kto pamięta, że to w końcu jedno i to samo drzewo...
Jedno i to samo drzewo.

Contributed by CCG/AWS Staff - 2009/11/7 - 15:07




Language: French

Versione francese da questa pagina
NOTRE CLASSE

Qu’est ce qui c’est passé avec notre classe?
Demande Adam de Tel-Aviv,
C’est dur affronter le temps aujourd’hui,
C’est dur d’être intègre dans la vie
Qu’est ce qui c’est passé avec notre classe?
Wojtek en Suède dans un porno show
Nous écrit – ils me payent très bien
Pour ce que j’aime faire même gratos.

Kaska et Piotr sont au Canada,
Ils ont là bas des perspectives,
Stachek se débrouille aux States,
Pawel s’est accommodé à Paris,
Gośka et Przemek joignent à peine les deux bouts,
En mai ils attendent le troisième gosse,
Ils se plaignent pour rien dans tous les offices,
Qu’ils veulent bien aussi partir à l’Ouest,

Par contre Magda est à Madrid
Et épouse un beau Espagnol,
Maciek en décembre a perdu la vie,
Quand ils ont fouillé les appartements,
Janusz, celui, qu’on détestait tous
Car chaque vague le portait plus loin,
Est chirurgien, sauve les vies,
Mais son frère s’est pendu,

Marek en taule pour un refus,
De tirer sur Michal,
Et moi j’écris leur histoire
Et c’est notre bande au complet.
Non, encore Filip, physicien à Moscou -
Il ramasse les prix à la pelle,
Il va, quand il veut, en Pologne
Il a même été reçu par Le Premier.

J’ai trouvé la classe entière -
En exil, au pays, au cimetière
Mais quelque chose a changé,
Chacun poursuit sa propre misère -
J’ai trouvé la classe toute entière
Très grandie, très assagie
J’ai lacéré notre jeunesse,
Et ça n’a même pas fait mal...

C’est plus les garçons, ce sont les hommes
Déjà des femmes – pas les filles.
La jeunesse cicatrise vite,
Et c’est la faute à personne;
Ils sont tous très responsables,
Ils ont tous les grands projets,
Ils sont tous, j’dirai, normales
Mais ça – c’est pas grand chose...

Je sais même pas, de quoi je rêve
Quelle étoile est la mienne,
Quand parmi si familiers visages
Je cherche toujours des visages d’enfants,
Pourquoi toujours je me retourne ,
Alors que personne ne crie – Mon pote !!
Personne ne veut jouer au chat perché,
Ni même faire une partie de cache-cache...

Nos propres tiges, nos propres feuilles,
On fait pousser – chacun pour soi
Et les racines, évidemment
En exil, au pays, au cimetière,
En bas, sur les côtés, vers le haut, vers le soleil,
A notre perte, à gauche – a droite...
Qui se souvient, que finalement
C’est un seul et – le même arbre...

Contributed by adriana - 2009/11/7 - 15:30




Language: Italian

Versione italiana di Riccardo Venturi
(Dalla versione francese)
12 novembre 2009
LA NOSTRA CLASSE

Che ne è stato della nostra classe?
Chiede Adam a Tel Aviv,
Duro affrontare il tempo oggi,
Duro integrarsi nella vita.
Che ne è stato della nostra classe?
Wojtek, in un porno show in Svezia
Ci scrive: Mi pagano benissimo
Per quel che mi piace fare anche gratis.

Kaśka e Piotrek stanno in Canada,
Laggiù hanno prospettive,
Staszek se la cava negli States,
Paweŀ si è sistemato a Parigi
Gośka e Przemek se la cavano a malapena,
Per maggio aspettano il terzo bambino
Reclamano invano in tutti gli uffici,
Anche loro vogliono emigrare in occidente

Invece Magda è a Madrid,
Sta per sposare un bello spagnolo,
Maciek è morto in dicembre
Quando hanno perquisito gli appartamenti
Maciek, quello che non lo reggeva nessuno
Ché si allontanava a ogni pie' sospinto
È diventato un chirurgo, salva le vite
Ma suo fratello si è impiccato.

Marek è in galera perché non ha voluto
Sparare addosso a Michał,
E io, io scrivo la loro storia
E è tutta la nostra banda al completo.
No, c'è ancora Filip, fa il fisico a Mosca
E raccatta premi a palate
Quando vuole, torna in Polonia
Ricevuto persino dal Primo Ministro

Ho trovato tutta quanta la classe,
In esilio, in patria, al cimitero
Ma qualcosa è cambiato,
Ognuno insegue la sua miseria.
Ho trovato tutta quanta la classe
Cresciuta e diventata più saggia,
Ho lacerato la nostra giovinezza
E non ha fatto nemmeno male...

Non sono più ragazzi, sono uomini,
E sono già donne, non più ragazze.
La giovinezza si cicatrizza alla scelta
E non è colpa di nessuno:
Sono tutti molto responsabili,
Tutti hanno grandi progetti;
Sono tutti, direi, normali,
Ma non vuol dire granché.

Io non so manco cosa sogno
E quale sia la mia stella
Quando tra facce tanto familiari
Cerco sempre facce di bimbi.
E allora perché mi volto sempre
Anche se nessuno mi urla: Amico mio!
Nessuno vuole giocare al rialzo
E nemmeno a nascondino...

I nostri gambi, le noste foglie
Ce le facciamo crescere ognun per sé
E anche le radici, va da sé
In esilio, in patria, al cimitero
E laggiù, sui lati, in su verso il sole
Fino a perderci a destra, a sinistra...
E chi si ricorda che alla fine
È uno solo e lo stesso albero...

2009/11/12 - 23:10




Language: Italian


legles
La versione italiana (inedita) di Alessio Lega




Ancora inedita: il video pirata qua sopra è stato carpito a Alessio dal sottoscritto e da Daniela "k.d." in un fuoriprogramma da osteria a Luni (MS) il 1° agosto 2010, dopo il Festival della Resistenza di Fosdinovo. [RV]

LA NOSTRA CLASSE

“Dove sta la nostra classe?”, dice Adam da Israele,
Tempo gramo, pioggia e tosse piegheranno ogni ideale.
Della classe che ne è stato? Wojtek in Svezia è un pornodivo,
Dice “Sono ben pagato, faccio quello cui più ambivo,
Faccio quello cui già ambivo”.

Kaśka e Piotr vivono in Ontario, hanno spazio e prospettive,
Staszek sbarca il suo lunario, a New York si sopravvive.
Pawel gira tutto il mondo, Gośka e Przemek fan la fame,
Lei col terzo figlio in grembo vuol fuggire, ma rimane,
Vuol fuggire ma rimane.

Magda si sta risposando, è a Madrid da qualche mese,
Matek lo hanno ucciso quando perquisivano le case.
Janusz, il più indisponente, il secchione, il fortunato
È chirurgo, salva gente, ma il fratello si è impiccato,
Ma il fratello si è impiccato.

Marek se ne sta in prigione, non sparò sui dimostranti,
E io scrivo una canzone a lui solo e a tutti quanti,
Mi scordavo Filip a Mosca che è scienziato nucleare,
Pare possa, prenda ed esca, va in Polonia se gli pare,
Va in Polonia se gli pare.

C'è la classe tutta intera in esilio, al camposanto,
La vita è una cosa vera, ma qualcosa lì s'è infranto,
Non sono troppo invecchiati per la strada faticosa
Forse appena maturati, ma non è una bella cosa,
Ma non è una bella cosa.

Tutti imparano la vita dal burrone o dalla vetta
E l'infanzia è una ferita che si cicatrizza in fretta,
La mia classe e i suoi destini, non ragazze ma signore,
Uomini e non ragazzini sotto il velo del pudore,
Sotto il velo del pudore.

E io cosa mai ho cercato fra quei volti familiari,
Quali tracce del passato, quali giochi un tempo cari,
Dove trovo un nascondino, dove mi rimpiatto e dico
Tana è dove c'è un bambino che mi chiamerà suo amico,
Che mi chiamerà suo amico.

Quali nomi, quali voci ci diranno ciò che è vero,
Se serbiamo le radici in esilio o al cimitero,
Siamo rovi e siamo gigli della vita rotta e affranta,
E scordiamo di esser figli, foglie della stessa pianta,
Foglia della stessa pianta.

Contributed by Riccardo Venturi - 2010/8/8 - 20:12


le parole della verita....

andrzej - 2011/2/9 - 22:32


La versione di Alessio Lega è stata registrata da Olden nell'EP "L'amore occidentale" (Olden 2015)

2016/2/26 - 15:32




Language: Italian

Versione italiana di Salvo Lo Galbo

L'augurio che fa l'autore ai vecchi compagni di classe (dove compagni e classe assumono chiaramente significati altri da quelli scolastici) di ricordare, nonostante tutto, che l'albero cui si appartiene è sempre uno e lo stesso per tutti, è l'augurio di chi sa che, lasciando quella dittatura non del proletariato ma sul proletariato, non bisogna sprofondare nell'individualismo e nei valori borghesi. Che la lotta per il socialismo deve ripartire da nuovi e più saldi avamposti. Sapendo noi, invece, come tutto è finito, non si può che mettersi a piangere. Abbiamo perso molto.
Ma qualcuno scriveva: "Mi sono convinto che anche quando tutto è o pare perduto, bisogna rimettersi tranquillamente all’opera, ricominciando dall'inizio". E quel qualcuno non stava messo meglio di noi adesso.
LA NOSTRA CLASSE

Che ne è stato della nostra
classe, della nostra banda?
Barbara che ora è maestra
da Israele si domanda.
In un porno show a Stoccolma
Wojtek scrive con un lapis
“Son pagato bene insomma
per quel che farei anche gratis!”

Kaska e Piotr sono in Nebraska,
laggiù hanno prospettive.
Staszek, pochi soldi in tasca
ma a Parigi sopravvive.
Gośka e Przemek sono al terzo
figlio questo maggio; l’Ente
non gli toglie il bloccasterzo
per migrare in occidente.

Magda è a Madrid, è sempre
lì che dice che si sposa.
Maciek è morto in dicembre,
quando gli han frugato casa.
L’altro Maciek, quello odioso,
è un chirurgo rinomato,
salva vite, guarda il caso!
Ma il fratello s’è impiccato.

Marek che s’è rifiutato
di sparare addosso a Pavlov
da quel giorno è carcerato.
E siam tutti. No, scordavo
Filip: fa il fisico a Mosca,
è dottore in tre accademie.
Viene e va dalla Polonia,
ricevuto anche dal premier.

Questa è la loro storia,
questa era la mia classe.
Bimbi nella mia memoria,
molti invece già carcasse.
In esilio, in patria, al campo-
santo l’ho trovata tutta,
la mia classe senza scampo
dal suo diventare adulta.

Uomini, non più ragazzi
e non più ragazze, donne.
Passa il tempo e tempo non ne
dà nemmeno se l’ammazzi.
Giovinezza, cicatrice
chiusasi senza far male.
Gente, come la si dice
- e che vuol dir mai? - normale.

Ed io cosa sogno, mentre
parlo e invece in mezzo a tante
facce note, cerco sempre
quella di un bambino assente?
E mi volto, neanche io
so più a chi, se non mi cerca,
non mi grida “Amico mio!”,
per giocare a tana, a merca.

Ora i rami si fa ognuno
crescere per sé. E altrettanto
le radici: in patria uno,
fuori un altro o al camposanto.
Ora che ciascuno è libero,
mi chiedo sempre più spesso
chi ricorderà che l’albero
è uno solo ed è lo stesso.

Contributed by Salvo Lo Galbo - 2018/3/30 - 07:33


Grazie Salvo.
Mi rimane poco chiaro il misterioso Pavlov della quarta strofa. Capisco la neccessità di rima, ma caso mai è un cognome russo (vedi "famoso" scienziato russo https://it.wikipedia.org/wiki/Ivan_Pavlov), mica un nome polacco (Pavlov non fa lo stesso con Paweł, che sarebbe Paolo).
Nella seconda Kaśka invece di Kaska... anche nella terza di Alessio ci dovrebbe sta Marek invece di Matek.

Saluti

krzyś - 2018/3/30 - 20:58


krzyś - 2018/3/30 - 21:00


ora vedo che anche nella traduzione di Rick è sdoppiato il nome Maciek nella terza, invece di Maciek e Janusz. sono due personaggi distinti e anche parecchio.

Saluti

krzyś - 2018/3/30 - 23:13


Hai ragione, Krzyś, e infatti quel "Pavlov" è un refuso, doveva starci il Pawel/Pavel. I due Maciek invece sono arbitrio mio, mi è parso una nota di realismo che in una classe vi siano due dai nomi uguali. Da noi, per dire, di Marie ce n'erano tre.

Salvo Lo Galbo - 2018/3/31 - 02:36


Paweł :)

Infatti, nella tua versione si parla di un altro Maciek. Mi è venuto il dubbio mentre leggevo la traduzione di Riccardo, ma rileggendola, in effetti, anche nell'essa c'è un distinguo fra i due Maciek, ma non è così netto come da te.

Peccato che Alessio non ha proseguito con qualche altra traduzione da Kaczmarski, che rimane comunque poco conosciuto fuori della Polonia.

Saluti

krzyś - 2018/3/31 - 11:58



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org