Language   

Na coeòmba bianca

Leo Miglioranza
Language: Italian (Veneto)


Related Songs

L'internamento del Malfatti
(Cesare Malfatti)
Piansè piansè putele
(Bandabrian)
Ariva i barbari
(Alberto D'Amico)


(2003) L. Miglioranza
Brano inedito

Leo Miglioranza.
Leo Miglioranza.


Il testo è ripreso da Basta Guerra!


Na colomba bianca- Una colomba bianca
Niente nella giornata di un bambino dovrebbe essere più rassicurante di una ninna nanna, quando lui sa che sta per scendere il buio. Ma nel buio in cui vive questo bimbo orribilmente mutilato da un ordigno di guerra toccato per caso, le parole della ninna nanna stanno a preludio e conclusione di un ossessionante ricordo, che si ripete di continuo: non bastano infatti a cancellare nella sua mente il momento di passaggio tra lo spensierato gioco con la sorellina ed una crudele quanto inspiegabile “punizione” per chissà quale grave colpa commessa. Dietro le parole in dialetto trevigiano di questo bambino, c’è una scelta espressiva che vuole rendere tanto l’idea di una innocente purezza travolta dall’assurda cattiveria degli uomini, quanto il messaggio che ovunque questo dramma si ripeta, per ogni guerra del mondo, è come se ogni volta accadesse ad uno dei nostri bambini, sul prato rassicurante di casa nostra.
Nina nina, te canto a nina nana
beo de mama che a note po' a te inganna

ogni sera te me canti a ninna nanna
mama mia ogni volta dopo son co' Anna
che xoghemo insieme soto a quea montagna

e ogni volta ea a me ride drio 'na scianta
se no a ciapo in tempo ea a me scampa
e a zoea via che a par 'na bea coeòmba bianca

e mi resto par tera e vedo a montagna
sciopa tuto in aria e no ghe xe Anna
e me svejo morto de paura
co' na vose che me rassicura
ma no poso vedarte ne tocar
mama dame e ae vojo voear
mama mi no vojo credar che a me colpa
sia de aver coresto pi' de Anna

mama i me ga sconto i brasi che xogavo
mama i me ga perso e gambe che corevo
mama i me ga tolto i oci che vedevo
ma no i me ga tolto i sogni che fasevo
mama i me ga xà sigà finchè podevo
tuto el fià par dir che no ghe credevo
a montagna e Anna che mi voevo
sol che farghe vedar come che corevo

Nina nina, te canto a nina nana
beo de mama che a note po' a te inganna

Contributed by Riccardo Venturi - 2005/3/29 - 03:37



Language: Italian

La versione italiana
Una colomba bianca
Ninna nanna, ti canto la ninna nanna, bello di mamma...
e la notte poi ingannerà questa realtà”...

Ogni sera tu mi canti la ninna nanna
mamma un attimo dopo sono di nuovo con Anna
che giochiamo insiem e sotto a quella montagna...

E ogni volta lei mi prende in giro un po'
perchè non riesco a prenderla in tempo e scappa
e vola via che sembra una bella colomba bianca

Ed io rimango per terra e vedo la montagna
scoppia tutto in aria e non c'è più Anna.
E mi sveglio “morto di paura”
con una voce che mi rassicura
ma non posso vederti e nemmeno toccarti
mamma dammi le ali, voglio volare.

Mamma, non voglio credere che la mi colpa
sia quella d'aver corso più di Anna
Mamma mi hanno nascosto le braccia con cui giocavo
mamma mi hanno perso le gambe con cui correvo
mamma, mi hanno tolto gli occhi con cui vedevo
ma non mi hanno preso i sogni che facevo!
Mamma mi hanno lasciato gridare finchè potevo,
tutto il fiato per dire che non ci vedevo più
...
la montagna e Anna alla quale io volevo
solo mostrarle quanto correvo...
solo mostrarle quanto correvo...

“Ninna nanna, ti canto la ninna nanna, bello di mamma...
e la notte poi ingannerà questa realtà”...

Contributed by DoNQuijote82 - 2013/10/4 - 16:03



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org