Language   

Soldato

Nomadi
Language: Italian

List of versions


Related Songs

L'atomica cinese
(Francesco Guccini)
Canzone per Silvia
(Francesco Guccini)
Le leggende di un popolo
(Nomadi)


di Mei-Cerquetti-Carletti,dal nuovo dei Nomadi (Corpo estraneo, 2004).

Nomadi corpo estraneo

Quando l'ho sentita, tra le varie immagini evocate mi sono tornati in mente alcuni fotogrammi di Fahrenheit 9/11 di Michael Moore... ho pensato ai soldati non di mestiere, comunque...
Attraverso un bicchiere di Rum
La vita di un soldato è solo un dettaglio
Qualcosa di indistinto che accade
In un breve intervallo
Un frammento una scheggia dei tempo
Che non bastò neppure a dirle addio
Dio sa com'era bella e rideva
Ogni ragione ha la sua guerra
Tu prendi il torto e resta e rideva
Dio sa com'era bella

Attraverso un reportage in Tv
La vita di un soldato è un'uniforme nuova
Una foto così allegro orgoglioso
Stretto forte a mamma col vestito nuovo
Un frammento una scheggia del tempo
Che non bastò neppure a dirle addio
Dio sa com'era bella e rideva
Ogni ragione ha la sua guerra
Tu prendi il torto e resta e rideva
Ogni ragione ha la sua guerra
Tu prendi il torto e resta e rideva
Dio sa com'era bella

Attraverso un bicchiere di Rum
La vita di un soldato è solo un dettaglio
Qualcosa di indistinto che accade
In un breve intervallo
Un frammento una scheggia del tempo
Che non bastò neppure a dirle addio
Dio sa com'era bella e rideva
Ogni ragione ha la sua guerra
Tu prendi il torto e resta e rideva
Ogni ragione ha la sua guerra
Tu prendi il torto e resta e rideva
Ogni ragione ha la sua guerra
Tu prendi il torto e resta e rideva
Dio sa com'era bella

Contributed by Silvia (eungiorno su IFMG) - 2005/1/31 - 19:06



Language: French

Version française – SOLDAT – Marco Valdo M.I. – 2013
Chanson italienne – Soldato – Nomadi – 2004
SOLDAT

À travers un verre de rhum
La vie d'un soldat est seulement un détail
Quelque chose d'indistinct qui arrive
Dans un bref intervalle
Un fragment une écharde du temps
Qui ne suffit même pas pour lui dire adieu
Dieu sait comme elle était belle et elle riait
Chaque raison a sa guerre
Prends le tort et reste et elle riait
Dieu sait comme elle était belle

À travers un reportage télé
La vie d'un soldat est un uniforme neuf
Une photo si joyeux si orgueilleux
Collé à sa maman avec son vêtement neuf
Un fragment une écharde du temps
Qui ne suffit même pas pour lui dire adieu
Dieu sait comme elle était belle et elle riait
Chaque raison a sa guerre
Prends le tort et reste et elle riait
Dieu sait comme elle était belle
Prends le tort et reste et elle riait
Dieu sait comme elle était belle

À travers un verre de rhum
La vie d'un soldat est seulement un détail
Quelque chose d'indistinct qui arrive
Dans un bref intervalle
Un fragment une écharde du temps
Qui ne suffit même pas pour lui dire adieu
Dieu sait comme elle était belle et elle riait
Chaque raison a sa guerre
Prends le tort et reste et elle riait
Dieu sait comme elle était belle
Prends le tort et reste et elle riait
Dieu sait comme elle était belle
Prends le tort et reste et elle riait
Dieu sait comme elle était belle

Contributed by Marco Valdo M.I. - 2013/1/29 - 14:10


Non ci sono parole.
Un bellissimo testo, altrettanto la musica.
Uno dei migliori pezzi dei Nomadi.

Giorgio - 2005/5/26 - 12:56


beh...che dire, semplicemente una GRANDE canzone...

chiara - 2005/11/27 - 19:16


Vorrei dire GRAZIE ai NOMADI per questo testo semplicemente Stupendo e che mi sento davvero addosso "sono un soldato anche io e la mia vita attraverso un avana sette e' solo un dettaglio"

Damiano - 2006/2/2 - 18:55


vorremmo dire grazie ai nomadi per aver scritto tutte le loro canzoni stupende che ci trasmettono gioia e amore grazie di esistere

francesca e barbara - 2006/2/8 - 16:49


GRAZIE NOMADI...ho 18 anni e ormai sono 3 anni che vi seguo nei vostri concerti...siete semplicemente fantastici e profondi e la voce di Danilo mi fa emozionare e star bene appena la sento!!!E questa è una delle canzoni che più mi tocca il cuore...è splendida!Continuate così...SEMPRE MOMADI!!!

Silvia da Besnate - 2006/3/5 - 11:09


questa canzone è molto dolce,però è stata fonte di discussione con una mia amica anche lei nomade
ci chiedevamo ma ala fine chi muore?io dico il soldato lei la donna...
qualcuno sa aiutarmi a risolvere questo dilemma??
grazie in anticipo
un bacio a tutti
SEMPRE NOMADI
SEMPRE E COMUNQUE

GIUGI - 2007/8/7 - 13:25


grande

2012/5/6 - 15:14


avete una parafrasi del testo o una spiegazione???cmq stupendissimissimaj

fra - 2013/1/29 - 06:37


Sono di Destra ma questa canzone, come altre dei Nomadi, sono talmente belle che le sento mie a prescindere dal colore politico.
Idem come sopra per molte canzoni di de Andrè e Guccini

2014/7/11 - 17:23


smielatticcio inno di pseudo delusi vecchi coglioni, tutto qua

Krzysztof Wrona

sull'ordinazine

fatto sulla misura di certe zucche tonte

Krzysztof Wrona

Krzysiek Wrona - 2014/7/12 - 02:31


vorrei conoscere i nomadi da vicino e vorrei dedicare a roberto mio manrito una canzone per dirle che lo amo tanto e più di prima dopo 20 di matrimonio abbiamo soffertO tanto

giovanna bianchi - 2015/8/11 - 08:16



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org