Language   

Ir Disertore

Riccardo Venturi
Language: Italian (Toscano Livornese)



O Presidente Bush,
ti scrivo 'na meilìna,
che forze domattina
la leggi, ma 'un zi sa.
M'hanno spedito, zàc,
'na bella 'artolina
che avanti domattina
devo partì' in Iraq.
O Presidente Bush,
io, no, 'un ci vo alla guerra,
ché un zono sulla terra
la gente pe' ammazzà',
s'incazzi, dé, però,
m'importa un ber segone,
ché la mi' decisione
e che diserterò.

Ciò trentott'anni già,
babbo è morto in Vietnàmme,
in tutto quer bailàmme
l'han mandato a crepà',
e mamma, boia dé,
pe 'un corre' più 'sti rischi
alla boccia di uìschi
s'attacca come tre.
E io pe' campà un po',
che ciò 'na fame nera,
so' stato anco in galera
però ir sordato, no.
Domani, ti dirò,
caro ir mi' budiùlo,
ti vo proprio ner culo
e all'arba partirò.

'Varcosa rubberò
a Ci'àgo o in California,
mi piglierò 'na sbornia
e alla gente dirò:
Dé, statem' a sentì',
o 'ari ameri'ani,
'un fate 'ome ' 'ani
in guerra 'un s'ha a partì'.
O Bush, se s'ha a crepà'
di guerra ar terrorismo,
io so' pell' artruismo,
ti lascio ir posto a te.
Se mi mandi a cercà',
va a dì' alla tu' sbirraglia
che io ciò 'una mitraglia
presa ar supermercà'.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org