Language   

Fascisti in doppiopetto

Assalti Frontali
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Lampedusa lo sa
(Assalti Frontali)
Mappe della libertà
(Assalti Frontali)
A trenta miglia di mare
(Assalti Frontali)


[1996]
Album: Conflitto
assfronconf
Scritta da Pol G, LaT.LaO., Militant A e Brutopop.

"È un po’ di tempo che penso di proporre qui il testo di alcune canzoni interessanti, che per una serie di motivi (vedere la presentazione del sito) non hanno spazio nel sito. Si tratta di canzoni di rap «militante», in genere degli anni ‘90. Inizio con una canzone che ho ri-ascoltato oggi per caso e mi ha fatto subito pensare ai pestaggi della polizia oggi a Roma, all’università. La canzone è Fascisti in doppio petto, dall’album Conflitto, del 1996, degli Assalti Frontali." - Sergej, dal Blog del "Deposito", 18 marzo 2009. Sergej Durzu è il curatore del nostro "sito gemello", Il Deposito - Canti di Lotta. [CCG/AWS Staff]
I fascisti alla porta
storia strana in strada
bruciata
Roma è nervosa bolle
col partito primo nero in casa
e so che dentro ogni borgata
dispersi
pazzi
votano
come il verme della villa d'Arcore
in libera caduta tra le nuvole di un'illusione
bene
così stanno le storie
un milione di persone in piazza
non basta?
senza più cittadinanza
il fumo si alza
su
sento parlare della razza pura
non era storia conclusa chiusa
così sono cresciuto razza umana
ma il teleschermo ha cancellato il tempo
e chi ha il telecomando manda indietro il mondo
perché ho già visto il film ed è immondo
tragica trama
la gente in fila che s'incammina
incontra scale
non desiste e arrancando sale in cima ad aspettarla c'è una ghigliottina
il tuo posto è un premio
un regalo dato
e tu ringrazia per la merda di lavoro rimediato
silenzio
eccoli i fascisti in doppiopetto
ci sono addosso
è conflitto
parla
vuoi parlare ancora vuoi parlare parla
l'Italia è già lontana e si prepara alla guerra
guardati
vestiti
mettiti i tuoi panni migliori
un bacio dato in fretta ai genitori
suonano i tamburi

anni difficili davanti per tutti i figli di Di Nanni
sono un partigiano
e sarò chiaro
perché ci si abitua a tutto anche ai fascisti
assassini sullo sfondo
doppiopetto in primo piano

ora che siamo un bersaglio
chiedo un consiglio
dov'è la tua via d'uscita
dov'è finita
andiamo
guardo oltre il finestrino
oltre le gocce della pioggia che lo appanna
cerco gli angoli e gli incroci
cerco musica che arriva dalla folla
storia strana fuori in strada
"ognuno alla sua casa"
ti capisco certo
Roma è nervosa
ti stai perdendo nel caos
storia pericolosa
sì lo so che non è colpa tua
tu non sei razzista
sei realista
sei nessuno
anonimo
nel panico
un senza nome
un italiano
un italiano nella sua Nazione

anni difficili davanti per tutti i figli di Di Nanni
sono un partigiano
e sarò chiaro
perché ci si abitua a tutto anche ai fascisti
assassini sullo sfondo
doppiopetto in primo piano.

Contributed by CCG/AWS Staff - 2009/4/16 - 17:36


Dedicata ai picchiatori Stefano e Gennaro Andrini, al naziskin Gennaro Mokbel e a Gianluigi Ferretti, già portaborse del repubblichino Mirko Tremaglia, gentaglia protetta da Alemanno e quindi da AN e variamente implicata nell'elezione fraudolenta del senatore del PdL Nicola Di Girolamo, uomo della 'ndrangheta, e nella maxi-truffa ai danni del paese ordita dai vertici Telecom e Fastweb...
Fascisti in doppiopetto, mafiosi in doppiopetto, filibustieri in doppiopetto... saranno anche eleganti con 'sti doppiopetto, ma sempre merde sono.

Alessandro - 2010/3/22 - 09:48



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org