Language   

Naufragio a Milano

Paolo Conte
Language: Neapolitan



Integrazione, parola amara
collacamento… miezz’o’ciemento,
orario fisso e frastuono dint’a capa
Chist’è o’paese e’rraggiuniere
uommene, fimmene, creature
tutti raggiunano a tutte quante l’ore

Io comme puozzo raggiunà
e comme puozzo raggiunà,
si raggiuno l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme
i m’aggi’a scurdà o’sole, i m’aggi’a scurdà o’ mare e l’acque chiare
i m’aggi’a scurdà l’erba e a’voce antica d’o’silenzio
miezz’o’vico e a’caccavella e o’putipù - E come puozzo raggiunà.

Ah, stu naufragio dint’a Melano senza na varca e pure senza o’mare
e tu me dici «stasera usciamo» e dove?
Vie scanisciute e figure ignote, lampade al neon - Carmela cara,
torniamo a cuccia, oiné, ca nun è cosa -

E zitti senza raggiunà, e commo puozzo raggiunà,
si raggiuono l’uocchie chiagne fora milleciento lagreme,
nun ce resta che l’ammore, nu disperato, antico, eterno ammore,
se smorza a’luce a’branda cigolando int’a nuttata fridda
tutti i mali nosti fa passà… - E comme puozzo raggiunà …

E stu naufragio dint’a Melano
se chiamma un nome: Immigrazione,
immigrazione signiffica terrone -
E poi terrone vuol dire fame
vuol dire suonno vuol dire figli
vuol dire paese volato via vuole dire nustalgia.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org