Language   

אונדזער שטעטל ברענט

Mordkhe Gebirtig [Mordechai Gebirtig] / מרדכי געבירטיג
Language: Yiddish

List of versions


Related Songs

בּעריאָזקעלע
(Viktor Ullmann / װיקטאָר אולמאַן)
ייׅדיש געסל
(Mordkhe Gebirtig [Mordechai Gebirtig] / מרדכי געבירטיג)
! בלײַב געזונט מיר, קראָקע
(Mordkhe Gebirtig [Mordechai Gebirtig] / מרדכי געבירטיג)



Undzer shtetl brent
[1938]
Testo e musica di Mordechai Gebirtig
Lyrics and music by Mordechai Gebirtig
Text und musik von Mordechai Gebirtig


Mordechai Gebirtig.
Mordechai Gebirtig.



E' la più famosa canzone di Mordechai Gebirtig (nato a Cracovia nel 1877 e trucidato nella città natale, durante la liquidazione del Ghetto da parte dei nazisti, il 4 giugno 1942). Ancor prima dei nazisti, però, c'erano stati i (cattolicissimi) fascisti e contadini polacchi, che, il 9 marzo 1936, avevano attaccato la popolazione ebraica del paese di Przytyk, nel distretto di Radom: fu la prima volta che fu usato il termine "pogrom" in Polonia. Su questi fatti Gebirtig scrisse "S'brent", che divenne nel corso della seconda guerra mondiale un inno della Z.O.B. (Zydowska Organizacja Bojowa, Organizzazione ebraica di combattimento) e fu particolarmente popolare tra i combattenti dei ghetti di Cracovia e di Varsavia. Solo nel 1946 poté però essere pubblicata in volume, nella raccolta di canzoni di Mordechai Gebirtig pubblicata proprio a Cracovia (una delle ultime pubblicazioni in yiddish apparse in Polonia).


Przytyk, marzo 1936. I funerali di Chaja Minkowski, una delle vittime del pogrom.
Przytyk, marzo 1936. I funerali di Chaja Minkowski, una delle vittime del pogrom.



La "piccola città" (shtetl è propriamente il diminutivo di shtat "città") poteva essere sia il villaggio rurale dove viveva una maggioranza ebraica (Przytyk, ad esempio, era abitata quasi al 90% da ebrei), sia il ghetto, cioè il quartiere, separato dalle zone cristiane, nel quale fin dal Medioevo gli ebrei erano costretti a vivere; piccola città autonoma, con le proprie istituzioni, le proprie scuole, i propri organi sociali, politici, culturali, nell'ambito della comunità rurale o cittadina.

Nel 1943 i tedeschi, al comando del generale delle SS Jürgen Stroop, entrarono in forze nel ghetto di Varsavia, sostenuti dai carri armati, riuscendo solo dopo un mese (dal 18 aprile al 16 maggio) ad avere la meglio sulla strenua resistenza della popolazione. Il ghetto venne completamente distrutto. I pochi superstiti fuggirono attraverso le fogne nelle foreste vicine dove si costituirono in brigate partigiane.


Thanks to Dan Goldstein for contributing correct Yiddish lyrics. [RV]
ס'ברענט! ברידערלעך, ס'ברענטsbrent!
אױ, אונדזער אָרעם שטעטל נעבעך ברענט!
בײזע װינטן מיט ירגזון
רײַסן, ברעכן און צעבלאָזן,
שטארקער נאָך די װילדע פֿלאַמען,
אַלץ אַרום שױן ברענט!

און איר שטײט און קוקט אַזױ זיך
מיט פֿאַרלײגטע הענט.
און איר שטײט און קוקט אַזױ זיך –
אונדזער שטעטל ברענט...

ס'ברענט! ברידערלעך, ס'ברענט!
אױ, אונדזער אָרעם שטעטל נעבעך ברענט!
ס'האָבן שױן די פֿײַער-צונגען
דאָס גאַנצע שטעטל אײנגעשלונגען –
און די בײזע װינטן הודזשען,
אונדזער שטעטל ברענט!

ס'ברענט! ברידערלעך, ס'ברענט!
אוי, עס קען חלילה קומען דער מאָמענט :
אונדזער שטאָט מיט אונדז צוזאַמען
זאָל אױף אַש אַװעק אין פֿלאַמען,
בלײַבן זאָל – װי נאָך אַ שלאַכט,
נאָר פּוסטע, שװאַרצע װענט!

ס'ברענט! ברידערלעך, ס'ברענט!
די הילף איז נאָר אין אײך אַלײן געװענדט!
אײב דאס שטעטל א׳ז אײך טײַער.
נעמט ד׳ ק׳ל׳ם, לעשט דאָס פֿײַער,
לעשט מ׳ט אײער אײגן בלוט
באַװײַזט אַז איר דאָס קענט.

שטײט ניט, ברידער, אָט אוױ זיך
מיט פֿאַרלײגטע הענט.
שטײט ניט, ברידער, לעשט דאָס פֿײַער
אונדזער שטעטל ברענט!

Contributed by Riccardo Venturi




Language: Yiddish

Il testo yiddish in trascrizione.


przy1przy2
Due dei sessanta feriti del pogrom di Przytyk del 9 marzo 1936.


UNDZER SHTETL BRENT

S’brent! Briderlekh, s’brent!
oy, undzer orem shtetl nebekh brent!
beyze vintn mit yirgozn
raysn, brekhn un tseblozn,
shtarker nokh di vilde flamn,
alts arum shoyn brent!

un ir shteyt un kukt azoy zikh
mit farleygte hent.
Un ir shteyt un kukt azoy zikh-
Undzer shtetl brent!

s’brent Briderlekh, s’brent!
oy, undzer orem shtetl nebekh brent!
s’hobn shoyn di fayertsungen
s’gantse shtetl ayngeshlungen-
un di beyze vintn hudshen-
undzer shtetl brent!

s’brent! Briderlekh, s’brent!
es ken kholile kumen der moment
undzer shtot mit undz tsuzamen
zol oyf ash avek in flamen,
blaybn zol - vi nokh a shlakht,
nor puste, shvartse vent!

s’brent! Briderlekh, s’brent!
di hilf iz nor in aykh aleyn gevendt!
Oyb dos shtetl iz aykh tayer,
nemt di keylim, lesht dos fayer,
lesht mit ayer eygn blut,
bavayzt, az ir dos kent.

shteyt nit, brider, ot azoy zikh
mit farleygte hent.
shteyt nit, brider, lesht dos fayer-
undzer shtetl brent!



Language: Hebrew

- "HaAyara Boeret", la versione o riscrittura ebraica della canzone (opera dello stesso Gebirtig). Il testo è ripreso da questa pagina. Per chi sa leggere l'ebraico, notizie sulla canzone si trovano su he.wikipedia.

sbrentbriderl

העיירה בוערת

אחים בָּעֲיֶרת שרפה,
עיירתנו בוערה כולה,
בה רוחות שחורות יסערו,
להבות חורבן יבערו,
עקבותיה לא נשארו,
היא עולה באש,
ואתם חובקים ידיים
בלי הושיט עזרה
בלי כבות את אש הלהב
אש העירה.

אחים, הצילו שריפה!
קרובה חס וחלילה השעה,
כי הלהבות יתמידו,
את כולנו פה ישמידו,
רק שרידי קירות יעידו
מה שפה היה,
ואתם חובקים ידיים,
בלי הושיט עזרה,
בלי כבות את אש הלהב,
אש העירה.

אחים, שרפה, בְּעֵרה!
רק בידכם בלבד היא העזרה,
חיש הושיטו יד אוהבת
והצילו מהמוות,
בדמכם כבו שלהבת,
חיש כבו בדם
מרחוק אל תעמׁדו,
כי האש עולה,
אל נא תחבקו ידיים,
השרפה גדולה!

Contributed by Riccardo Venturi - 2007/3/6 - 19:41




Language: Italian

Versione italiana, da "La Musica dell'Altraitalia"
LA NOSTRA CITTA' BRUCIA

Al fuoco, fratelli, al fuoco!
La nostra povera città è in fiamme!
Un vento furioso e maledetto
sibilando alimenta il rogo.
Tutto intorno brucia.

E voi ve ne state a guardare
con le braccia conserte,
e voi ve ne state a guardare
La nostra piccola città che brucia.

Al fuoco, fratelli, al fuoco!
La nostra povera città è in fiamme!
Gigantesche lingue di fuoco
lambiscono ingorde ogni cosa.
Tutto intorno brucia.

E voi ve ne state a guardare...

Al fuoco, fratelli, al fuoco!
Il futuro forse ha in serbo per noi
la stessa sorte di questa città;
non vi saranno altri testimoni
che i muri anneriti, e il vuoto.

E voi ve ne state a guardare...

Al fuoco, fratelli, al fuoco!
La salvezza è solo in noi stessi;
se questa città vi è cara,
mano agli attrezzi, spegnete il fuoco,
spegnetelo con il sangue!

Non restate, fratelli, a guardare
con le braccia conserte;
non restatevene così, fratelli, spegnete il fuoco
perché è la nostra città che sta bruciando.

Contributed by Riccardo Venturi




Language: German

Versione tedesca di Andrea Pancur (2001):
UNSERE STADT BRENNT

Es brennt, Brüder, es brennt!
Ach, unser armes Schtetl - G-tt behüte! - brennt!
Böse Winde mit ihrem Brausen
zerren, brechen und zerzausen,
stärker werden die wilden Flammen,
alles rundum brennt!

Und ihr steht und blickt um euch
mit verschränkten Armen,
und ihr steht und blickt um euch-
unser Schtetl brennt!

Es brennt! Brüder, es brennt!
Ach, unser armes Schtetl - G-tt behüte! - brennt!
Es haben schon die Feuerzungen
das ganze Schtetl eingehüllt-
und die bösen Winde wüten-
unser Schtetl brennt!

Es brennt! Brüder, es brennt!
Es kann - G´tt bewahre! - der Augenblick kommen,
daß unsere Stadt mit uns zusammen
durch die Flammen zu Asche wird.
Übrig bleiben - wie nach einer Schlacht,
werden nur kahle schwarze Mauern!

Es brennt! Brüder, es brennt!
Die Hilfe kann nur durch euch kommen!
Wenn euch das Schtetl teuer ist,
holt die Eimer löscht das Feuer,
löscht mit eurem eigenen Blut,
beweist, daß ihr das könnt!

mit verschränkten Armen.
Steht nicht, Brüder, löscht das Feuer-
unser Schtetl brennt!

Contributed by Riccardo Venturi




Language: English

Versione inglese tratta da questa pagina

Mordecai Gebirtig, born in Cracow in 1877, made his living as a carpenter but was celebrated throughout the Yiddish-speaking world as a folk poet and songwriter—the “troubadour of the Jewish people.” During World War II, he continued to write and perform, using the medium of song to chronicle his experiences under the German occupation. In June 1942, Gebirtig, age 65, was shot and killed by German soldiers when he refused to comply with a deportation order.

Gebirtig wrote Our Town is Burning in response to a 1936 pogrom in the Polish town of Przytyk. In retrospect, the song seems prophetic of the Holocaust, but Gebirtig had hoped its message (“Don't stand there, brothers, douse the fire!”) would be heard as an urgent call to action. He was reportedly gratified to learn, during the war, that Cracow's underground Jewish resistance had adopted Our Town is Burning as its anthem.

The song Our Town is Burning remains a popular recital piece that is performed at Holocaust commemoration ceremonies around the world.


Music of the Holocaust
Performed by Daniel Kempin


IS AFLAME

Aflame, my brothers, aflame!
O see, our little village is aflame!
Stormy winds on embers glowing,
Burning, breaking, fiercely blowing,
Fire that's ever stronger growing -
All our world's aflame!
And you stand unmoving, staring,
While our world's aflame.

Aflame, my brothers, aflame!
O see, our little village is aflame!
Even now the tongues of fire
Lash the houses, reaching higher,
And the stormy winds conspire
To devour in flame.
And you fold your arms, uncaring
Therein lies the shame -

And you stand unmoving, staring,
While our world's aflame.
Aflame, my brothers, aflame!
O you alone can help or bear the blame!
If you love our little village
Take up arms and stop the pillage;
With your blood put out the fire,
Men, uphold your name!

Please don't fold your arms, uncaring,
Therein lies the shame -
Don't just stand, put out the fire -
All our world's aflame.

Contributed by Riccardo Venturi




Language: Catalan

Versione catalana da "Cançons del ghetto"
FOC

Foc, per arreu foc.
El nostre poble és tot ell, foc.
El vent cobreix amb torterols
de flama i fum el caseriu,
l'horta que baixa cap al riu,
els arbres sols, tot sols.
Amb els ulls ben secs ploro, germans,
a la roja llum.
Torça el dolor les meves mans,
com foc.
Foc, per arreu foc.
El nostre poble és, tot ell, foc.
Llengües de foc, braços de foc,
horrible és l'abraçada.
El cel s'ha omplert,ben a poc a poc,
d'ales de foc, de foc.
A sota plou cendra i fosca,
dol i desolació.
Em torça les mans aquest dolor,
de foc.
Foc, per arreu foc.
El nostre poble és, tot ell, foc.
Només de tu pot rebre ajut
contra la mort, el nostre poble.
I si tu vols, i et queda sang,
res no és perdut, perdut.
Càvec, pic, galleda, destral,
tot et pot servir.
Si et resta la sang, res no has perdut
al foc.

Contributed by Jonah Taube - 2009/11/28 - 16:23


da questa pagina


Mordechaj Gebirtig: Le mie canzoni
a cura di Rudi Assuntino

A centoventi anni dalla sua nascita e a cinquantacinque dalla sua morte compare anche in Italia l'opera di una delle figure più interessanti e meno conosciute della cultura yiddish, Mordechaj Gebirtig.

Nato il 4 maggio 1877 a Cracovia, nel quartiere ebraico di Kazimierz, Gebirtig: vi trascorre tutta la sua vita. Sarà falegname, mobiliere, attore dilettante, militante del movimento socialista, poeta popolare, compositore analfamusico di canzoni di successo cantate dagli ebrei della sua città, autore di canzoni veicolate dal teatro yiddish in ogni angolo della Polonia, nelle terre popolate dagli ebrei dell'Europa centrorientale ed in quelle dell'emigrazione ebraica per il mondo. Sarà la voce profetica dell'imminente incendio che cancellerà la nazione ebraica ed il cantore dei martirio del suo popolo fino alla fine dei suoi giorni

La presente edizione raccoglie tutte le sue opere edite, dalla prima canzone Sciopero generale, pubblicata nel 1905 sulla rivista socialista Sotsyal-demokrat, alla sua prima raccolta Folksstimlikh (Popolarescamente), 1920, alla sua maggiore raccolta Mayne lider (Ue mie canzoni), 1936, alla raccolta postuma dei componimenti scritti durante la Shoah, S'brent (Al fuoco), 1946. Completano la presente edizione dieci testi inediti. Di queste 98 canzoni vengono pubblicati 56 spartiti musicali ed al libro è allegata un'audiocassetta con la registrazione di 15 brani cantati.

Si può dire che Gebirtig, da autentico poeta popolare, ha cantato per intera la propria esistenza, componendo un affresco senza pari della società ebraica, dagli inizi del secolo fino alla Shoah, nel quale le masse ebraiche si sono completamente riconosciute, tributando alle sue canzoni una popolarità senza precedenti. Grazie alle sue canzoni ci è dato entrare in profondità in quel mondo, viverne gli affetti, scoprirne i personaggi. Ma "queste parole e questa musica nate dal cuore e che colpiscono al cuore, che ci dicono su questo mondo più di volumi di saggi..." (R. Scharf) si rivelano in buona misura ancora straordinariamente attuali. La ragione di ciò sta nelle caratteristiche personali ed artistiche veramente rare di questo autore. L'anima di Gebirtig è un monumento alle migliori qualità dell'essere umano e si rivela piena d'amore, il suo tratto espressivo fondamentale è la sincerità. Gebirtig è una forza dei bene, sta dalla parte dei deboli contro le ingiustizie della società, contro l'insensatezza della condizione umana, contro la guerra, contro ogni inganno e sfruttamento che ferisce la persona e gli indifesi. Gebirtig è il cantore della solidarietà, dell'amicizia, dell'amore per la natura, per la famiglia, per i bambini, è il difensore della figura sociale più oppressa, la donna, è il poeta dell'amore, del gioco e dello scherzo, dell'ironia, della festa, del rimpianto e della nostalgia. Ha composto ninnenanne dolcissime ed invettive implacabili. I suoi versi hanno profetizzato la Shoah e la riscossa ebraica. Gebirtig è un autore veramente unico. Le sue canzoni hanno un fascino al quale non è facile sottrarsi. Provare per credere.


Rudi Assuntino si occupa di canzoni, televisione e da alcuni anni di cultura yiddish.

Riccardo Venturi - 2005/6/18 - 22:36



Moni Ovadia, Binario 21 della stazione centrale di Milano.


CCG/AWS Staff - 2018/1/28 - 18:06


Mordechaj Gebirtig non trasse mai alcun profitto dalla sua straordinaria opera, era solo un povero mobiliere. Dotato però di un innato talento poetico e musicale.
Non conosceva lo spartito e componeva aiutandosi con un flautino, erano gli amici a trascrivere le canzoni.

E ha fatto la fine che ha fatto.

Visto che è stata inserita la presentazione di Rudi Assuntino dove cita "Sciopero generale", forse varrebbe la pena di ricordare anche questo testo di Mordechaj che descrive la visione di una umanità che vive in pace e in armonia, ben 60 anni prima di John Lennon, a cui invece è stato riservato uno spazio immenso.

Flavio Poltronieri - 2019/10/15 - 18:24



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org