Language   

L'uomo del secolo

Baustelle
Language: Italian



All’epoca mia venivi al mondo
e la libertà non esisteva
e la Prima Guerra era finita,
Fiume era già stata conquistata.
Alle scuole elementari c’era poco da scherzare:
si rideva e si ballava solo per la mietitura.

All’epoca mia
il telefono non c’era.
Mi arruolarono,
era quasi primavera
e le radio ci trasmettevano
canti di paura
da cantare quando è sera.

Quindi disertai:
era il ’43.

Ed eccomi qui: un vegetale,
cento anni non portati male.
Lascio il mondo che mi ha maltrattato.
Me ne vado, mi sono stufato.
Vi ho voluto bene, adesso vado.
Sono stato un comunista:
avevo un sogno, una speranza. Arrivederci, amore. Addio.

All’epoca mia
non usavi il cellulare.
Mi arruolarono.
Non si stava così male
Ma le radio ci trasmettevano
canti di paura
da cantare quando è sera.

Quindi me ne andai.
Era il ’43.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org