Language   

Sensa de ti

Enzo Jannacci
Language: Italian (Lombardo Milanese)

List of versions

Watch Video

Eccola, a partire dal minuto 42'10'' della seconda parte di questo lungo video diviso in due parti, relativo al concerto di presentazione dell'album "Milano 3.6.2005" (disco pubblicato da Ala Bianca e contenente 16 rivisitazioni,in chiave più o meno jazzata, di classici jannacciani in dialetto milanese); il concerto si tenne il 22 ottobre 2004 nella Sala A dell'Auditorium RAI di via Asiago:

http://www.kwmusica.kataweb.it/kwmusica

Una rara esecuzione dal vivo degli anni '60:



Search more videos on Youtube

Related Songs

Vengo anch'io? No, tu no!
(Enzo Jannacci)
Enzo Jannacci: La forza dell'amore
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Sfulà
(Trenincorsa)


[1964]
Album: "La Milano di Enzo Jannacci"

Testo: Enzo Jannacci
Musica: Enzo Jannacci

enzo jannacci senza de ti 1965


"Sensa de ti": un altro degli umanissimi ritratti di soldato nei quali Jannacci è stato ed è maestro.
Tanto la quasi coeva "Soldato Nencini" suona a tratti grottesca e scanzonata, pur nella sostanziale drammaticità del suo argomento, quanto questa "Sensa de ti" (pur non dissimile nel tema) è dolente nel suo ripiegamento intimistico, sconsolato, disilluso.

Fu incisa da Jannacci - autore del testo e della musica - per la prima volta nel suo primissimo album, "La Milano di Enzo Jannacci" (Jolly, 1964; ristampato su etichetta Joker nel 1971).

Ripresa e ricantata - con il nuovo arrangiamento di Paolo Jannacci - di recente nell'album "Milano 3.6.2005":
Quel dì che gh'è rivaa la posta
m'è paru gnanca vera de sentimm a ciamà...
Me scriv: "Qui tutto bene; e ti?..."
E mi... e mi sunt chi; sunt chi senza de ti!
Te diset che te gh'ét la tuss;
d'i fioeu che vegnen grand... la mama, la gh'è pü.
Che me fradèll l'è propri bùn:
el pensa lü a tuss' coss... Sunt chi senza de ti!
T'hoo scritt che sont restaa ferì:
te m'hee mandà on turrùn, tri fett de panettùn.
Mi, no... voeuri pensà no che ti...
e quel là... ch'el s'è imboscà... Sunt chi senza de ti!
Domani... assalto! L'è el gran dì!
...ma chi capissen no che semm dree andà a morì.
T'hoo scritt: "Te voeuri ben. E ti?"
Sunt chì, senza de ti... 'sa m'interessa, a mi!

Contributed by Alberta Beccaro - Venezia - 2008/1/9 - 04:14




Language: Italian

Traduzione italiana (a cura di Enzo Jannacci e di Giuliana Orefice, moglie dello stesso Jannacci), tratta dal booklet dell'album "Milano 3.6.2005":
SENZA TE (1964)

Quel giorno che è arrivata la posta
non mi è sembrato neanche vero di sentirmi chiamare
Hai scritto: "Qui tutto bene, e tu?"
E io, io son qui, son qui senza di te
Mi dici che hai la tosse
dei figli che divengono grandi
la mamma non c'è più
che mio fratello è proprio buono:
pensa lui a tutto... Son qui senza di te
Ti ho scritto che son rimasto ferito
mi hai mandato un torrone, tre fette di panettone ...
Io non voglio pensare che tu
e quello là che si è imboscato ...
Son qui senza di te
Domani... assalto!
E' il gran giorno
ma qui non capiscono proprio che stiamo andando a morire.
Ti ho scritto: "Ti voglio bene,e tu?"
Son qui senza di te, cosa me ne frega a me.

Contributed by Alberta Beccaro - 2008/1/9 - 04:33




Language: Italian

Versione in dialetto milanese
- lievemente diversa rispetto a quella postata sopra - che è contenuta nel medesimo booklet:
SENSA DE TI (1964)

Quel dì che gh'è rivà la posta
m'è sembra gnanca vera
de sentim a ciamà.
T'he scritt: "Qui tutto bene, e ti?"
E mi, e mi, si sun chì
Sun chì sensa de ti
Te diset che te gh'é la tuss;
di fiö che vegnent grand
la mama la gh'è pü,
ch'el mé fradel l'è propri bun
el pensa lü a tütt cos...
sun chi sensa de ti
T'hu scritt che sunt restà ferì,
te m'hé mand un turùn,
tri fèt de panetun ...
Mi vöri pensà no che ti
E quel là che s'è imbuscà...
Sun chi sensa de ti
Domani assalto, l'è el gran dì
Ma chi capissen no
Che semm drè andà a morì.
T'hu scritt: "Te vöri ben, e ti?"
Sun chì sensa de ti
se m'interessa a mi

Contributed by Alberta Beccaro - 2008/1/9 - 10:31


Una precisazione doverosa riguarda la grafia del titolo che appare qui in CCG, ossia "Sensa de ti".

Questo è il titolo utilizzato da Jannacci nella retrocopertina e nel booklet del "filologico" album di recenti riedizioni dei suoi classici milanesi intitolato "Milano 3.6.2005", ed in effetti corrisponde foneticamente all'autentica pronuncia del dialetto milanese.

Va però detto che, nell'album originale del 1964 intitolato "La Milano di Enzo Jannacci", il titolo utilizzato per il brano è "Senza de ti" ... benchè anche in quell'incisione originale il cantautore meneghino canti - ovviamente - le parole "sensa de ti" pronunciandole con la "s" (e non con la "z").

Alberta Beccaro - Venezia - 2008/7/20 - 14:05


La tavola a fumetti realizzata dal disegnatore Giampiero Casertano per Sensa de ti:


Casertano


Fa parte di una mostra di 50 tavole - dedicate ad altrettante canzoni jannacciane - intitolata "La mia gente - Enzo Jannacci, canzoni a colori", tenutasi presso lo Spazio Fumetto WOW di Milano dal 17 ottobre al 10 novembre 2013 e conclusasi il 12 novembre con un'asta benefica in cui le tavole stesse sono state battute raccogliendo 8.500 euro.

Alberta - 2013/11/14 - 02:19



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org