Lingua   

È bbello ’o mare (No, no, no)

Domenico Modugno
Lingua: Napoletano


Ti può interessare anche...

Strina d'u judeo
(Massimo Ferrante)
Il postino
(Luis Bacalov)
Cattivi Guagliuni
(99 Posse)


[1963]
Testo di Eduardo De Filippo
Musica di Domenico Modugno
Album: Io, Domenico Modugno - “Inedito” [1997] con orchestrazioni di Luis Bacalov
Album

Come già la stupenda Scióscia, popolo!, anche No, no, no! (ovvero È bbello ’o mare!) era parte della commedia musicale in due atti e venti quadri “Tommaso d’Amalfi” di Eduardo De Filippo del 1963, ma se per la prima abbiamo aspettato solo 8 anni per poterla riascoltare all’interno di un album, .. per questo brano abbiamo dovuto attendere il 1997: cioè il CD Io, Domenico Modugno - “Inedito”, vale a dire a 3 anni dalla dipartita del suo compositore. Le orchestrazioni, originariamente di Ennio Morricone, sono state affidate a Luis Bacalov.
Il testo, come quello di “Scióscia popolo”, fu scritto da Eduardo.

Tommaso d'Amalfi
(commedia musicale in 2 tempi e 20 quadri di Eduardo De Filippo)


La vicenda narrata nella commedia musicale del 1963 credo sia nota a tutti (o quasi).
Nella Napoli del luglio 1647, un giovane pescatore d’Amalfi, Tommaso Aniello, detto Masaniello, provoca e capeggia una rivolta contro i gabellieri per protestare contro l’insostenibile peso del fisco aragonese.



Di fronte all’estendersi dei moti rivoluzionari il viceré Rodrigo Ponce de León, duca d'Arcos, si ritrova costretto a fare delle concessioni. Su consiglio del cardinale Ascanio Filomarini, arcivescovo di Napoli, il viceré convoca Masaniello, ma a condizione che vesta alla moda dei cortigiani e non alla maniera dei Lazzari ..

Per riuscire a parlare col vicerè, Masaniello acconsente, ma il popolo, tratto in inganno, pensa che il suo rappresentante li abbia traditi. Il Viceré allora coglie l'occasione per spargere la voce che Masaniello è impazzito. Il popolo, credendolo un traditore, ne chiede la carcerazione. Le guardie del Viceré vanno però oltre, e uccidono Masaniello. Ai funerali il popolo comprende tardi di essere stato imbrogliato dal Viceré e che il suo tribuno era sempre restato fedele alla loro giusta causa..

La commedia fece il suo esordio a Roma al Teatro Sistina l’8 ottobre 1963, quindi a Bari al Teatro Petruzzelli il 4 dicembre, poi a Milano il 13 dicembre 1963 al Teatro Lirico.



Tra gli interpreti: Domenico Modugno (Masaniello), Liana Orfei (Bernardina Pisa), Giustino Durano (il viceré), Anna Maria di Giulio (la viceregina), Carlo Tamberlani (il cardinale Filomarini), Giovanni De Caro (Giulio Genuino), Franco Franchi (Cacuocciolo), Ciccio Ingrassia (Sfingione), Dante Biagioni (Marco Vitale), Bruno Cirino (Pione), Antonio Casagrande (Miro Carrese), Gino Buzzanca (il duca di Maddaloni), Edra Gale (Madama Mayer), Gennarino Palumbo (Perzechella), Nino Formicola (Palla ’e Zucchero), Attilio Bosso (Babà), Pia Velsi (Tola Pancrazio), Fulvio Pellegrino (Alfonso Fonseca) e con Angela Rosellini, Lea Marchese, Vittorio Bettolini, Enzo Nigro, Masina Rossi. Musiche di Domenico Modugno orchestrate da Ennio Moncone e Luis Enriquez, dirette da Nello Ciangherotti; scene e costumi di Maurizio Chiari; coreografie Ugo Dell’Ara.

La canzone è inserita all’interno della commedia nel corso del I tempo, subito dopo l’abbraccio di Masaniello con Marco Vitale, al quale Masaniello chiede: « Marchetiè, te piace ‘o mare?».
Alla risposta affermativa di Marco, Masaniello soggiunge:

«’O mare è bello. ’E notte, e juorno, a matutino: sempe. C’ ’o libeccio, c’ ’o punente, c’ ’o majstràle... è sempre bello. E canta. ’A meglia musica l’ha cantata sempe ’o mare.
E che voce ca tene! Te parle, te dà ’e cunziglie... e a me m’ha parlato. E m’ha ditto: vieneme a guardà' cu l’uocchie felice, senz’odio, comme me guarde quanno ’a paranza tira e ’a rezza nun vene, e se spezzano ’e bbraccia e se rompono ’e mmane... chelle mmane che t’asciuttano ’o sudore nfronte e t’’a sporcano ’e sangue, che da chelle mmane jesce…».

Segue la nostra canzone ..

No, no, no, no, no, no, no
nun tengo voglia, no!
No, no, no, no, no, no, no
nun voglio faticà'!
'Na rezza pe' farla kjéna
so' io ca jetto 'o sanghe a la marina!

No, no, no, no, no, no, no,
nun tengo voglia, no!
No, no, no, no, no, no, no,
è assaj cchiù forte 'e me!
'Na voce ca mme dice:
'O mare te vvo' bbene
putìve esse' felice
e invece no!

È bbello 'o mare..
e 'o sole è assaj cchjù bbello
quanne k' 'e nuvole s'embròglia,
ma a mme cu 'sti gabbèlle
me passa 'a voglia 'e faticà'
E allora jetto 'a rezza
e aspetto 'o majstràle,
ca è 'nu bbello viento
m'abbòffa 'a vela
e 'a vocca mia se sazia d'aria
ora fa ora ..
È bbello 'o mare!
è bbello 'o sole!
No, no, no, no, no, no, no
no, no, no!

inviata da giorgio - 3/7/2022 - 09:01



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org