Language   

Quatr'asüs par l'Ardizôn

Collettivo Ticino Riva Sinistra
Language: Italian (Lombardo Milanese)

List of versions


Related Songs

La bala
(Ana Tijoux)
What's Goin' on Down There
(Malvina Reynolds)
Con la lettera del prete
(Ivan Della Mea)


Registrazione: 1980
Parole e musica del Collettivo Ticino Riva Sinistra

ardiz


Il Collettivo Ticino Riva Sinistra di Nino Jomini, come oramai dovrebbe essere noto a tutti coloro che frequentano il nostro sito, era di Castano Primo; e di Castano primo era anche Giovanni Ardizzone, lo studente ucciso il 27 ottobre 1962 durante una manifestazione per la pace in occasione della Crisi di Cuba. Sull'Ardizzone già il CTRS aveva scritto una canzone. Quest'altra, più lunga ed esplicita (ma che utilizza senz'altro molte parti di "Dopo Ardisun"; quasi sembrano due "rami" della stessa canzone), la riprendiamo (ricopiandola) invece dalla brochure "Il canzoniere del Collettivo Ticino Riva Sinistra - Quindici canzoni popolari con testo a fronte" edito dalla Cooperativa "Il Guado" di Rebecchetto e fattoci pervenire da Simone Galli di Saronno (che non finiremo mai di ringraziare).

Giovanni Ardizzone:
La ballata dell'Ardizzone
Dopo Ardisun
Ŝgiügatôn d'un ventasel
pèrz'in trüscia a fa il püèl
rènt'ai sôchi di tusânn
c'ai gipìsan me giavânn

Ventasel s'te ghe stê
g'a sarîa bèn ôl'mistê
föeravia di sciancâ röes
d'ul fa dâgn dènt'in di pröes

Gh'e bisuĝn da öen me ti
lìbar d'il zo fa e'l zo dî
nuta gôss cûa o bugnôn
'nvèr Partîi Prèti e Padrôn

Vöen che a nom da tül nöen
mal in buca cun nisöen
quatr'asüs pa'n pôr matài
'l g'abia a dî sèn'riŝc da guai

Quatr'asüs par l'Ardizôn
sto mortu trài'nd'un cantôn
giò da birl'a driza e manzina
a chi l'Idea ga impîs la tazina

Da famiglia sü
drüi me l'aî l'a'urzü pü
müscia i baüsĉ cun sciuri e driti
e al z'î scirâa cui por puariti

'nd'il zò coô da lü
nè fâm nè guèr g'an duêa'vès pü
pü da sèrvi e sfrütadur
pü balusâdi nè camûr

Tül fradîi cumpâgn
e via quî mèrdi muntâa in scrâgn
un mondu metu e püsê bèl
diulamadona g'an fai la pèl

Gh'ên pensâa i pulizài
por cristi an'lur da pôc' pispài
cunt'na gìp g'ân fiombâa adòss
gh'ên sĝigutâa pulida i oss

Vintisèti utubar
milanöecènsesantadü
'nsü'na piaza de Milan
"capitale morale" da nöen tagliân

Ventasel che i fiur di sciês
te ve a scialâi 'nsül Vilures
sàlvan vöen par l'Ardizôn
fiur an'lü stripâa in giutôn

Quân te riprèndarê
a cûr il mondu 'nânzi e 'ndrê
dìgal a tüti che il Putèntaâ
d'un ôltar zangui a ze imbratâa

E a tül quî maramân
lì par la mica a fa i rufiân
dîg' che i öegi di nôs spûs
'ndè'i lacrimogiân în ôlt' pititûs

E ma l'e coldu il manên
d'un bucieta trâi in gingên
quân che in piaza i nôs rasôn
sa scôntran cun füm e bastôn

Ventasel fa cur i vûs
che a füria da sumenâ crûs
s'a finìs cunt'il raghöei
rosĉ d'urtighi e pügn da löei

Ma 'ürêmas bèn da cristiân
sa'öerum no pèrdi il patân
quân che quî dopo n'è nöen
dumandaràn cume mai vöen

'n fiöe da la lege me l'Ardizôn
'l zia restaâ öen e no miliôn...

Contributed by Riccardo Venturi - 2007/9/17 - 00:38



Language: Italian

Traduzione italiana ricopiata da "Il Canzoniere del Collettivo Ticino Riva Sinistra - Quindici canzoni popolari con testo a fronte". Ciclostilato. Cooperativa IL GUADO - 20020 Rebecchetto (MI) - tel. 0331 - 88.14.75

Avvertenza dal ciclostilato. Le traduzioni dei testi che seguono, al fine di evitare l'aggravio pedante di glosse e note filologico-linguistiche, sono fedeli -puntigliosamente, parola per parola- agli originali dialettali.
QUATTRO REQUIEM PER L'ARDIZZONE

Giocherellone d'un venticello
tutto preso a fare il maramaldo
attorno alle gonne delle ragazze
che lanciano gridolini insensati

Venticello se ci stai
ci sarebbero ben altre imprese
fuori dall'abbattere rose
dal danneggiare aiuole

C'è bisogno di uno come te
libero del suo fare e del suo dire
senza gozzo coda e magagne
verso Partiti Preti e Padroni

Uno che a nome di noi tutti
niente compromessi con nessuno
quattro requiem per un povero ragazzo
abbia a recitare senza rischiare guai

Quattro requiem per l'Ardizzone
questo morto messo da parte
malvisto a destra come a sinistra
da coloro ai quali l'Idea riempie il piatto

Di famiglia agiata
acerbo come l'aglio non ha più voluto
avere a che fare con ricchi e con furbi
e si è schierato dalla parte dei poveri

Nelle sue convinzioni
né fame né guerre avrebbero dovuto esserci più
non più servi né sfruttatori
non più dritteri né camoorre

Tutti fratelli eguali
e via quelle merde salite in scranno
un mondo più pulito e più bello
dio la madonna, gli hanno fatto la pelle

Ci hanno pensato i poliziotti
poveri cristi anche loro con poco in tasca
con una jeep gli sono precipitati addosso
gli hanno spezzato bene le ossa

Ventisette ottobre
millenovecentosessantadue
su una piazza di Milano
"capitale morale" di noi italiani

Venticello che i fiori delle siepi
vai a farne scialo sul Villoresi
salvane uno per l'Ardizzone
fiore anche lui stroncato in boccio

Quando riprenderai
a correre il mondo avanti e indietro
diglielo a tutti che il Potentato
d'altro sangue si è macchiato

E a tutti quegli uomini dappoco
lì per tornaconto a fare i ruffiani
diglielo che gli occhi delle nostre donne
dentro i lacrimogeni brillano ancor più di desiderio

E quanto calda la manina
di un bimbetto issato a spalle
quando in piazza le nostre ragioni
si scontrano con fumo e bastoni

Venticello fa' correre la voce
che a furia di seminare croci
si finisce col raccogliere
cespi d'ortiche e pugni di loglio

Ma vogliamoci bene da cristiani
se non vogliamo trovarci a perdere la faccia
quando chi verrà dopo di noi
ci chiederà come mai uno

uno che aveva preso coscienza come l'Ardizzone
sia rimasto uno e non milioni...

Contributed by la Scabbia e il Gorgoglio - 2007/9/17 - 17:42


Sono un ex componente del Collettivo ticino riva sinistra, è possibile avere tutte le informazioni e quasi tutte le canzoni del collettivo visto che, apparte il grande nino jomini che ci ha lasciati alcuni anni fa, il resto del gruppo è vivo e vegeto.
tre anni fà, in occasione dei dieci anni dalla morte del nino, è stata organizzata una giornata in ricordo del ticino riva sinistra con parecchi gruppi e una riedizione di parte del collettivo.
Per quell'occasione sono stati reperiti alcuni materiali e due CD con una parte delle nostre canzoni.
Tutti i testi del TCRS sono di Nino Jomini...Le musiche.. quasi tutte...di Flavio Milan.
Ciao

Graziano Carlessi - 2011/3/13 - 15:51



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org