Language   

Çiùscia

Salvatore Azzaro


Related Songs

Perché Giovanni l'Amava
(Salvatore Azzaro)
Contro la mafia (a Crimor)
(Salvatore Azzaro)
Nella mia terra non c'è il mare
(Salvatore Azzaro)


Çiùscia
-Il Satiro Danzante-
(Testo e Musica: Salvatore Azzaro)

Vi proponiamo l’album di un cantautore siciliano, Salvatore Azzaro, “Ciùscia-Il Satiro danzante”, un insieme di sonorità e contenuti culturali e sociali, che ha per sfondo la Sicilia e le sue vicende di vita e di morte.

MUSICA E IMMAGINI TRA STORIA E LEGALITA’
Salvatore Azzaro è un cantautore pop-folk siciliano che ama la cultura della sua terra e i buoni esempi, soprattutto quando sono rappresentati da coloro che combattono o che hanno combattuto contro la mafia. Il suo ultimo lavoro, autoprodotto, “Ciùscia- Il satiro danzante”, è un insieme di sonorità diverse, che accompagnano i differenti scenari descritti dalle canzoni. E’ possibile rinvenirvi le melodie tipicamente pop di “Mia principessa”, più vicine allo stile del suo primo album, “Io non sono Adriano”; le atmosfere caratteristiche della musica folk siciliana, nella sua versione più intimista e riflessiva, come nella ballata “Figlio Impastato d’amore”, dedicata alla memoria di Peppino Impastato, il giovane ucciso dalla mafia a Cinisi, ricordato dal celebre film “I cento passi”; i ritmi mediterranei e le tarantelle de “Il satiro danzante”, la canzone che ha ispirato l’album; e, infine, i motivi blues della canzone “Nino, tu che dormi con il cane”, dedicata ai senza tetto.

Un album non facile, che richiede un ascolto attento, un lavoro che, partendo dall’ispirazione della danza del satiro, affronta importanti tematiche sociali, dalla mafia ai viaggi della speranza degli immigrati alla situazione dei barboni nelle grandi metropoli. Azzaro dimostra una grande sensibilità, testimoniata dal fatto di aver dedicato il suo album al maresciallo Giuliano Guazzelli, vittima della mafia, ex collaboratore di altri importanti personaggi dell’antimafia, tragicamente stroncati dai colpi della barbarie di “cosa nostra”, come il generale Dalla Chiesa, il colonnello Russo e il giudice Livatino, il cosiddetto “giudice ragazzino”. L’album, come detto, è stato ispirato dal fascino di un’opera d’arte, il satiro danzante, trovata dai pescatori di Mazara del Vallo, in fondo al mare. Il cantautore siciliano ha immaginato il satiro addormentato negli abissi marini, poi il vento capace di svegliarlo e dunque spingerlo a risalire verso la superficie e a poggiare il suo piede nudo sulla terra di Mazara.

Il vento è centrale nella canzone che guida l’album, un vento che si confonde con lo stesso satiro e che soffia sulla Sicilia il suo carico di cultura, pace e libertà. E il vento si sente, all’interno di questa canzone, che parte lentamente e poi prende vigore, energia, suscitando, attraverso il coro dei pescatori, la sensazione di vedere il loro lavoro, la loro millenaria fatica, la storia della Sicilia, le sue radici classiche (marcate da una doppia voce che pronuncia alcune frasi di Euripide). Particolarmente apprezzabile la canzone su Peppino Impastato, anch’essa capace di fornire immagini, di disegnare uno scenario. Si può, dunque, dire che si tratti di un disco “visivo”, di una musica fatta di immagini.

Un opera particolare e degna di interesse, realizzata da un cantautore emergente che usa la musica per testimoniare il suo impegno o semplicemente per comunicare quello che sente: l’amore per la sua terra unito alla speranza di un futuro migliore, fatto di libertà e di fratellanza. Un buon lavoro, con ottimi contenuti, che abbiamo voluto promuovere con grande piacere. Inoltre, Azzaro ha un altro merito: offre la possibilità di ascoltare gratuitamente le sue canzoni direttamente sul suo sito. Vi invitiamo a visitarlo. Buon ascolto.

Il Megafono.org
Ma.Pe., 10/03/2007
Ddassutta, intra ô mari scuru, çiùscia lu ventu,
accarizza e sbognia u Satiru Danzanti.
“Ar’en pannuchìois choroìs
thèso potè leukòn
pòd’ anabakcheùousa…”

“Porrò nei cori notturni
un giorno il mio piede nudo
al rito del baccanale,
getterò indietro il capo
all’abbraccio dell’aria Çiùscia, çiùscia lu ventu
madida di rugiade”.
Çiùscia, çiùscia lu ventu
çiùscia, çiùscia lu ventu si u Satiru Danzanti
ggiri e ti rriggiri nfunnu ô mari
vuotiti, talia i stiddi cû s’occhi chiarì
aggrappiti alli rriti, nun ti scantàri
nièsci fora rri stu mari
”… dèran aithèr’es droseròn riptous’(a),”
aaaa… rri stu mari.
Çiùscia, çiùscia lu ventu ro Satiru Danzanti
çiùscia intra i cori lu ventu ro Satiru Danzanti
ggira ggira ggira, raggiu rri suli, rrivutusu ciuffu rri mari
ggira ggira ggira, sini liggeru comu l’aria
niscisti p’abbrazzari chista terra rri Mazara
ccà, ora çiuscia lu Gricali, aaaa… lu Gricali.
Çiùscia, çiùscia lu ventu ro Satiru Danzanti
çiùscia nâ lu criteriu lu ventu si u Satiru Danzanti
ggira ggira ggira, bbabbaluci ntra lu mari
ggira ggira ggira, comu u mulu intra l’ària
i varchi chini i pisci ànn’attraccatu
ora si, si pò abbanniari.
Accattativi u pisci,
Chi pisci avemu?
u pisci friscu.
Avemu trigni, murruzzu friscu, calamari e cernii.
Fatimini ddu chila.
Accattativi u pisci, Chi vi fazzu, a cernia?
Ddu chila.
u pisci friscu.
Çiùscia, cci à aricchi tisi lu ventu,
si u Satiru Danzanti
çiùscia, teni a cura lu ventu,
si u Satiru Danzanti
ggira ggira ggira, taràntelli antichi poi ascutari, “…nirinanni”
riggiriti nta l’ària, a sikinnis e a cordax poi danzari
“ittannu a ‘nnarrieri a lussurriggianti unna rri li to capiddi,
ca si sullievunu nta l’ària” “…anapàllon
trupheròn te plòkamon eis aithèra rìpton…”.

aaaa… nta l’aria.
“…anapàllon
trupheròn te plòkamon eis aithèra rìpton…”.

Çiùscia, ntra sta canzuna, ca fà mbriacari, lu ventu ro Satiru Danzanti
Çiùscia, mmenzu e strati e nâ ggenti, lu ventu
ro Satiru Danzanti
Çiùscia, nê campanari e nâ li scoli, lu ventu
ro Satiru Danzanti
Çiùscia, contru i tinti mafiusi, lu ventu
ro Satiru Danzanti

Contributed by salvo - 2007/8/31 - 01:43



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org