Language   

Margherita Vicario: Troppi preti troppe suore

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: Italian


Related Songs

Non ci vuol niente
(I Gufi)
Mandela
(Margherita Vicario)
UnOrganized Religion
(Hasan Salaam)


Scritta da Margherita Vicario & DADE
dal disco "Bingo" (2021)

margherita-vicario


Il co-protagonista di questo pezzo è un coro di bambini di Battipaglia perché mi piaceva far dire [quelle cose] a dei bambini in maniera molto innocente e spontanea, dicendo anche un po' di parolacce. In quel periodo avevo rivisto Io speriamo che me la cavo ed ero rimasta stupita che in un film di fine anni ‘80/inizio anni '90 i bambini dicono delle cose abbastanza grevi, non edulcorate. Quel film è bello proprio perché vede i bambini già adulti con una loro personalità e una loro identità, quindi un po’ da lì ho mutuato questo pezzetto dei bambini.

“Che palle questa storia del peccato originale” è un po' per dire che gli stessi bambini, che di solito sono la voce dell'innocenza e hanno sempre ragione loro, dicono “Andiamo avanti”, come se dovessimo superare degli schemi culturale di cui tutti e io stessa facciamo parte. È un modo per parlare di macro-temi giganti in maniera molto rapida e innocente.

– Margherita Vicario, OFF LYRICS
Madonna, quanto tempo perdo
Perché ci provo e non ci riesco?
E io che odio chi fa il triste
Oddio, mi sa che c'ho la peste
Ci sarebbero cose di cui parlare
Ma se relativizzi tutto, tutto perde di valore
E allora piano piano pratico, cerco il millimetro
Amore, sì, ti tratto con amore, quello è il minimo

Oh, ma come si farà?
Parlan tutti a vanvera
Aspetta, mo mi impegno, frasi random, ritornello

E quando ballo, non mi riconosco
Quando ero magra, mi sentivo un cesso
Mi ha baciato sotto al ristorante
C'ha una famiglia, quel deficiente
E mi chiamano, ma non ci vado
Mi curo, ma tendo al degrado
Non riesco proprio a empatizzare
Troppi preti e troppe suore

Troppi preti e troppe suore, ma è possibile? Oh signore
Ancora dicono la loro nel 2029
Come fossero dei leader di sinistra da ascoltare
Ma da secoli se sa, so' i preti che vanno a puttane

Chiedo scusa a chi ci crede e spera nel trascendentale
Pure io c'ho i miei santini e ascolto le loro parole
Scienziati, mezzi pazzi, son poeti e gran pittori
Sono astronomi devoti, sono artisti, son dottori

Oh, ma come si farà?
Parlan tutti a vanvera
Aspetta, mo mi impegno, frasi random, ritornello

E quando ballo, non mi riconosco
Quando ero magra, mi sentivo un cesso
Mi ha baciato sotto al ristorante
C'ha una famiglia, quel deficiente
E mi chiamano, ma non ci vado
Mi curo, ma tendo al degrado
Non riesco proprio a empatizzare
Troppi preti e troppe suore

Io il senso di colpa ancora non ce l'ho
Quindi vaffammocca, dove non lo so
Na guallera 'sta storia del peccato originale
Che infatti anche a mia madre la trattate sempre male
Non lo voglio a colazione pane secco e marmellata
Io ci voglio la Nutella sulla fetta biscottata
E non mi devi rompere, a messa vacci tu
Non sono un figlio di Maria e neanche di Gesù

E quando ballo, non mi riconosco
Quando ero magra, mi sentivo un cesso
Mi ha baciato sotto al ristorante
C'ha una famiglia, quel deficiente
E mi chiamano, ma non ci vado
Mi curo, ma tendo al degrado
Non riesco proprio a empatizzare
Troppi preti e troppe suore

2021/6/5 - 11:18



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org