Language   

Zengan

Quinzân
Language: Italian (Romagnolo)

List of versions


Related Songs

La bessa
(Anonymous)
Palestina
(Marcabru)
Ciapa Cialdini
(Anonymous)


1993
Sguardi al cielo
Sguardi

Roberto Bucci: violino,
Giuseppe Gallegati: violoncello,
Anna Malservisi: organetto,
Stefano Dall’Omo: contrabbasso,
Pietro Bandini: voce

È la mia prima canzone che ho scritto in dialetto romagnolo. Racconta la storia, tutta vera, di un ragazzo Rom che, per uscire dal giro di furti “obbligati” in cui era stato inserito, si rifugiò, nascosto, in Romagna presso la mia famiglia. Il brano è stato registrato nel 1992 con la formazione originale de LA CARAMPANA, guidata dal grandissimo violinista, amico e collega contadino Roberto Bucci.
Neca se t’a n’sera un rumagnôl, a t’ò avlù bë cum un fradël
Neca se t’sera un zengan dla raza di Rom / um si spìs se adës t’si in parsòn
T’arivès a cà mi, t’sira cvesi un babì, e t’avivti paura de bur
T’arivest senza gnìt, senza gnãca un bilì, e pinsivti d’no èsar sicur
T’arivest cum un s-ciã cl’à paura d’durmì, e d’sugné incora al bot e ‘e s-ciadur
Ma cun no fasèst prëst a cambié, l’era un’êtra manira d’campé
Neca se t’a n’sera un rumagnôl…
A curegna pr’al tër, a zugnegna a palò, a pruvegna nech a lavuré
A sté cun la zënt, cvelca volta a dé mënt, t’a n’avivti di cvel da imparé
Dop la sapa e ‘e badìl us pruveva ‘e trator, una sera prinsena a balé
La fadiga la n’era tota cvanta la tu, parò acsè t’an gn’arèst mai cardù
Cvãnti vôlt t’e ridu, cvãnti vôlt t’e pianzu, pr’una vita cl’a n’era la tu
Cvãnt armor par pôc cvêl, cvand andègna a suné o sinò cvand avlivti zughê
A t’arcurdat cla vôlta cun ‘e mi muturì, ‘e grasìr ch’ù t’avleva multé
Te t’fasès ‘e frustir, lo u n’capè un azidënt, ut lasè avnì a cà tot cuntent
E dal stôri che te pu cminzèst a fé, dop a che i tu cumpegn i t’éva svulé
E la prema vôlta in treno e la sgonda in mutor par scapé acsè tot spintacé
Te t’am dès “sei un gagió”, me csa vut ch’a capès, a so mòr, a vut ch’un s’avdès?
T’am capiré se adès a n t’vègn a truvé, am so spusé a j’ò cvël da fé
Neca se t’a n’sera un rumagnôl…..

Contributed by Dq82 - 2021/4/22 - 17:32



Language: Italian

Traduzione italiana
Anche se non eri un romagnolo,
ti ho voluto bene come ad un fratello
anche se eri uno zingaro di razza Rom
mi dispiace se ora sei in prigione.
Arrivasti a casa mia poco più che bambino e avevi paura del buio
arrivasti senza niente,
nemmeno un giocattolo e pensavi di non essere al sicuro.
Arrivasti come uno che ha paura d’addormentarsi
e sognare ancora botte e bastone.
Tra di noi facesti presto a cambiare,
era un’altro modo di vivere.
Correvamo per i campi,
giocavamo a pallone,
provavamo anche a lavorare
a star in mezzo alla gente,
qualche volta ad ubbidire
ne avevi di cose da imparare
dopo zappa e badile si provava il trattore,
una sera perfino a ballare
la fatica non era solamente tua,
ma non avresti mai creduto di doverne fare tanta.
Quante volte hai riso, quante volte hai pianto
per una vita che non sentivi tua;
quanto rumore per nulla,
quando si andava a suonare
o quando volevi giocare
ti ricordi quella volta col mio motorino
il vigile che voleva multarti
tu ti fingesti straniero, lui non capì un accidente
ti lasciò tornare a casa tutto contento
e le storie che cominciasti a fare,
dopo che i tuoi vecchi compagni ti avevano ritrovato
la prima volta in treno,
la seconda in motore, per fuggire, tutto spettinato
tu mi dicesti “sei un gagiò”(*),
io che vuoi che capissi?
sono moro, vuoi che non si veda?
Mi capirai se ora non vengo a trovarti
sono sposato ho da fare.

Contributed by Dq82 - 2021/4/22 - 17:36



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org