Language   

Lu cielu unni si tu

Eleonora Bordonaro
Language: Sicilian


List of versions


Related Songs

Moviti ferma
(Eleonora Bordonaro)
I Dijevu di Vurchean
(Eleonora Bordonaro)
Ucch'i l'arma
(Eleonora Bordonaro)


2017
Album: Cuttuni e lamé
Cuttuni e lamé

Eleonora Bordonaro



Lu cielu unni si tu è stata scritta da due giovani poetesse catanesi, Claudia Barcellona e Francesca Fichera, in occasione di laboratorio teatrale diretto da Mimmo Cuticchio
Mi susu, mi susu la matina prestu
Di tia cercu la facci e poi m’arrestu
E cercu acqua frisca di la funti
La cogghiu e mi la vivu a manu junti
E fazzu e fazzu ‘u lettu scunzatu
E li linzola tiru ma sulu do me latu
Lu to è sempre jancu ammaculatu
La notti lu quariu cu lu me sciatu

No sacciu, no sacciu chi tempu passau
Macari la facci da luna ‘nvicchiau
No sacciu, no sacciu su ‘u tempu finiu
Ju sempri t’aspettu cu lu cori miu

‘sti mura, ‘sti mura mi mettu a ‘scutari
Ancora di tia mi ponu parrari
E cu li petri ju parru, chianciu e cuntu
Di comu la guerra mi purtau scantu
Di comu, di comu sula mi lassau
‘sta verra tristi luntanu ti purtau
Eppuri ‘nto funnu di l’anima sentu
Spiranza di vita purtata do ventu

No sacciu, no sacciu chi tempu passau
Macari la facci da luna ‘nvicchiau
No sacciu, no sacciu su ‘u tempu finiu
Ju sempri t’aspettu cu lu cori miu
Lu cielu unni si tu è macari miu
‘na stidda cogghiu e co to nomi la vattiu
Pi tia mi fazzu janca e arrestu pura
Ti mannu la me luci di la luna

No sacciu, no sacciu chi tempu passau
Macari la facci da luna ‘nvicchiau
No sacciu, no sacciu su ‘u tempu finiu
Ju sempri t’aspettu cu lu cori miu
Lu cielu unni si tu è macari miu

Contributed by Alberto Scotti - 2021/3/20 - 22:56



Language: Italian

Traduzione italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös: Alberto Scotti

Una mia traduzione in italiano
IL CIELO DOVE SEI TU

Mi alzo, mi alzo di mattina presto
Cerco il tuo viso, poi mi fermo
E cerco l'acqua fresca della fonte
La raccolgo e me la bevo con le mani giunte
E rifaccio e rifaccio il letto disfatto
E tiro le lenzuola, ma solo dal mio lato
Il tuo è sempre bianco e immacolato
La notte lo riscaldo col mio fiato

Non lo so, non lo so che tempo è passato
Pure la faccia della luna è invecchiata
Non lo so, non lo so se il tempo è finito
Io t'aspetto sempre con il mio cuore

Queste mura, queste mura ascolto
Possono parlarmi ancora di te
E parlo con le pietre, piango e racconto
Di come la guerra mi ha portato paura
Di come mi ha reso sola
Questa guerra triste ti ha portato lontano
Eppure in fondo all'anima sento
Una speranza di vita portata dal vento

Non lo so, non lo so che tempo è passato
Pure la faccia della luna è invecchiata
Non lo so, non lo so se il tempo è finito
Io t'aspetto sempre con il mio cuore

Il cielo dove sei tu è anche mio
Raccolgo una stella e le do il tuo nome
Per te mi farò bianca e resterò pura
Ti mando la mia luce dalla luna

Non lo so, non lo so che tempo è passato
Pure la faccia della luna è invecchiata
Non lo so, non lo so se il tempo è finito
Io t'aspetto sempre con il mio cuore
Il cielo dove sei tu è anche mio

Contributed by Alberto Scotti - 2021/3/21 - 15:11



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org