Language   

Eran’ nove

Renanera
Language: Italian (Lucano)

List of versions


Related Songs

‘A voce e sti briganti
(Renanera)
Mio fratello è pakistano
(Babalù)


2020
Terra da cammenà
terra
(C. De Rosa - A. Deodati)



Nel 1816 a Calvello è attiva un'importante "Vendita Carbonara" a cui partecipano studenti e professionisti che frequentando l'Università di Napoli avevano avuto modo di conoscere e condividere le idee e le utopie della Rivoluzione Napoletana del 1799. Le riunioni clandestine dei carbonari di Calvello che si costituirono in una vendita denominata "Lega Europea" avvenivano nella Chiesa di S.ta Maria degli Angeli. I patrioti vi si radunavano sotto le vesti di confratelli della Congrega del SS.mo Sacramento, per le devozioni proprie dell'associazione cui erano iscritti. La partecipazione di molti forestieri provenienti anche da altre regioni destò il sospetto delle autorità che predisposero la vigilanza con gendarmi e spie. Ufficialmente gli incontri erano finalizzati ad organizzare iniziative della Congregazione del Santissimo Sacramento.

La società segreta era diretta da Carlo Mazziotta che nei documenti della "Lega Europea" compare con il nome di Marco Bruto. La vendita carbonara calvellese era una delle 88 operanti in Basilicata. Mazziotta insieme con altri importanti esponenti della carboneria lucana partecipò nel giugno 1820 a Potenza ad una riunione del "Senato della Lucania" a seguito della quale fu deliberato l'invio a Napoli di milizie lucane, a sostegno dei carbonari campani che si stavano preparando ad una rivolta contro il re.

Il senato lucano presieduto da Carlo Corbo era diviso in due fazioni, una fedele alla monarchia, l'altra repubblicana, pronta ad innalzare l'Albero della Libertà nelle piazze dei paesi anche nel caso in cui non si fosse ottenuta la costituzione Dell'ala repubblicana parte Carlo Mazziotta e i fratelli Venita di Ferrandina, i quali Il 10 febbraio 1822, alla guida di sessanta uomini armati assalgono il carcere di Calvello per liberare un loro compagno - fra' Luigi Rosella – che era stato arrestato.

eran nove renanera


La reazione delle truppe del maresciallo Roth non si fa aspettare. I congiurati vengono scoperti per delazione di traditori. Nel Castello di Calvello si insedia la Corte Marziale Asburgica.
I rivoltosi vengono arrestati e sottoposti a processo che si conclude con 33 condanne a morte. Di esse nove, tra cui quella di Carlo Mazziotta, vengono eseguite con fucilazione il 13 Marzo 1822 in località Fontanelle, dove tuttora esiste una stele in loro memoria. I martiri vengono sepolti nella Chiesa Madre di S. Giovanni Battista.

wikipedia
E ië ca só nnata inta stu paisiéddë
Cë tènghë a ccantà chésta stòria rë Calviéddë
Na iurnata rë sanghë à ccangiatë l’uócchië rë la ggèntë
Ca t’accòglië cu llu còrë e cu ammórë
të fa cchiù ccuntèntë

Së veriénnë nda la chiésa a ra scusë
Pë ccërcà ‘e conquistà a libbertà
Alménë rë parlà, rë scrévë, rë partecipà

I Carbonarë vuliénnë l’indipendènza
Pë nnu stà sótt’u schiaffë rë nu Rré
Ca se vuliénnë arrëcchì mèntrë l’avëtë pòtënë murì

Nòvë, èrënë nòvë muórtë a ccuólpë rë fucilë
Nòvë, èrënë nòvë ‘n faccia u murë a rë “Ffuntanèllë”
E a Ccalvèllë s’i ricòrdënë tuttë quantë
Ca p’a stéssa capa tòsta në piglièrënë chiù ‘e cinquantë

Pënzavanë rë stà nchiusë e ssicurë
Indë la chiésë rë nòttë pë sturià
E pparlavënë rë “Questiónë rë libbertà”

Mentrë a ra fòrë i spiavënë li ggëndarmë
Pë ppigliarlë e arrëstarlë usannë l’armë
“Chi nun vòlë la munarchía pò’ purë murì”

Nòvë, èrënë nòvë muórtë a ccuólpë rë fucilë
Nòvë, èrënë nòvë ‘n faccia u murë a rë “Ffuntanèllë”
E a Ccalvèllë s’i ricòrdënë tuttë quantë
Ca p’a stéssa capa tòsta në piglièrënë chiù ‘e cinquantë

Tra dë lòrë së chiamavënë cugginë
Ggèntë sèria rë culturë e ccu bbuónë intenziónë
Ng’èrë lu miérëchë, lu prèvëtë , nu fratë, na guardia ruralë
Nu fatëgatórë , nu sartë e ttré mmilitarë

Ng’èrë lu miérëchë, lu prèvëtë , nu fratë, na guardia ruralë
Nu fatëgatórë , nu sartë e ttré mmilitarë
E a Ccalvèllë s’i ricòrdënë tuttë quantë
Ca p’a stéssa capa tòsta në piglierënë chiù ‘e cinquantë

Contributed by Dq82 - 2021/2/3 - 17:37



Language: Italian

Traduzione italiana dal sito ufficiale
ERANO NOVE

E io che sono nata in questo paesino
Ci tengo a cantare questa storia di Calvello
Una giornata di sangue ha cambiato gli occhi della gente
Che ti accoglie con il cuore e con amore
Ti fa più contento

Si vedevano nella chiesa di nascosto
Per cercare di conquistare la libertà
Almeno di parlare, di scrivere, di partecipare

I Carbonari volevano l’indipendenza
Per non stare sotto lo schiaffo di un Re
Perché si volevano arricchire mentre gli altri potevano morire

Nove, erano nove morti a colpi di fucile
Nove, erano nove in faccia al muro alle Fontanelle
E a Calvello se li ricordano tutti quanti
Che per la stessa testa dura ne arrestarono più di cinquanta

Pensavano di stare chiusi e sicuri
Nella chiesa di notte per studiare
E parlvano di questioni di libertà

Mentre da fuori li spiavano i gendarmi
Per prenderli e arrestali usando le armi
“Chi non vuole la monarchia può anche morire”

Nove, erano nove morti a colpi di fucile
Nove, erano nove in faccia al muro alle Fontanelle
E a Calvello se li ricordano tutti quanti
Che per la stessa testa dura ne arrestarono più di cinquanta

Tra di loro si chiamavano “cugini”
Gente seria di cultura e con buone intenzioni
C’era il medico, il prete, un frate, una guardia rurale
Un operaio, un sarto e tre militari

C’era il medico, il prete, un frate, una guardia rurale
Un operaio, un sarto e tre militari
E a Calvello se li ricordano tutti quanti
Che per la stessa testa dura ne arrestarono più di cinquanta

Contributed by Dq82 - 2021/2/3 - 17:41



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org