Language   

Full Metal Jacket [ Discursu do principiu ]

Davidekyo
Language: Sicilian (catanese)



serg. Artmanni: Je allura, zinghiri, qua siamo nella casemma Sommaruca [1] di Catania.
Qua v’inzegneremu a sparari ai cristiani oppuru a jttarici na bumma je farili scuppiari comu poppi-con.
Siamo tutti devoti tutti? [2]

Reclute: Cittadi’, Cittadi’!

serg. Artmanni : Cchjù fotti ccu ssa vuci ! Semu tutti devoti tutti?

Reclute: Cittadi’, Cittadi’!

serg. Artmanni : Dal momento ca siti cca intra, vi putiti scurdari l’icchisibocchisi, a trijesissanta, a plaistesciun, a errittiessi. U primu ca vju jucari ccu i videoghemis pigghju u gioistic e c’u ziccu no nasu. Non si po viviri e non si po fumari. U primu ca ‘ncagghju mbrjacu o vivutu o fumatu, pigghju buttigghja cu tutt’i sicaretti e c’azziccu nt’aricchi. Ma soprattuttu si vuliti campari non vi dovete collegare a internet.U primu bestia ca trovu collegatu a fesbuc c’anzutta i fimmineddi ,m’a moriri […] quantu stimu a carn’i cavaḍḍu , pigghju i scarpetti pi jucari o palluni e vi ziccu n’un postu ca nun vi fazzu iri o bagnu a cacari pi du simani.
Allora, mi avete capito? Siamo tutti devoti tutti?

Reclute : Cittadi’, Cittadi’!

serg. Artmanni : Siamo tutti devoti tutti ?

Reclute : Cittadi’, Cittadi’!

serg. Artmanni : Come ti chiami tu, soldato ?

Recluta #1: Giuani Alliccavovvu

serg. Artmanni : U sai ca na faccia pari na scimmia? Di uni veni, da giungla?

Recluta #1: No, do Sangioggiu [3]

serg. Artmanni : Ma quali Sangioggiu, tu scappasti di quarchi zoo. To patri si chiama Tazzan, je tu secunnu mia a matina t’asdrai di supra all’arbuli je ti vo mangi banani cu sta facci

Recluta #2: C’a parratu iḍḍu ca pari King Kong!

serg. Artmanni : Cu parrau ? Cu spacchju parrau, ah? Cu fu ssu pezz’i medda ,figghiu i nchiappata, bastaddu, pupp’i terra [4] ca parrau, ca sta pi moriri, u scannu

[silenzio]

serg. Artmanni : Ah, nuḍḍu fu ? Vu giuru ca vi fazzu mangiari a sabbia da Playa [5] pi misi, vi fazzu cacari a spiaggia libera. Uora v’abbersu pe festi.

Hartman si rivolge alla Recluta #3

serg. Artmanni : Tu si curtu e chiḍḍi curti su tinti, quindi a statu tu …

Recluta #3: Nossignore!

serg. Artmanni : Allora cu fu, a befana ca […] nu bastaddu?

Recluta #3: No sacciu, Signore!

Recluta #4: Sono stato io!

serg. Artmanni : Oh, bella vuci ! Chi successi, pi casu ti mungeru i baḍḍi cuann’eri nicu ? Je che sei, puppicello ? A cca intra e puppicelli ci mungemu’n limuni na testa

Hartman sferra un cazzotto alla Recluta #4 che si accascia a terra

serg. Artmanni : ti chjuiu i baḍḍi nta cascia. Ju ti scippu si ancora ci l’ai e ci jocu a ping pong. Anzi ‘nci pozzu jucari picch’i to baḍḍi su troppu nichi. Avanti, susiti i ḍḍocu, fuozza. Sugnu sicuru ca si macari vegetarianu, mi jocu a testa ca mangi sulu finocchi je banani

Recluta #4: Nossignore !

serg. Artmanni : Semu sicuri ca ‘n ti piaciunu i banani ?

Recluta #4: Nossignore !

serg. Artmanni : Cosa ti piaci ?

Recluta #4: I cetrioli

serg. Artmanni : U viri ca si puppu ?

Recluta #4: Nooo.

serg. Artmanni : Fammi scantaari ! Aaaaaaaaaaaa…… Jetta na vuciata e fammi scantari, sordato !

Recluta #4: Aaee

serg. Artmanni : Nun fa scantari mancu i jaḍḍini accussì, cchjù forti, sordato !

Recluta #4: Aaaaaaaee

serg. Artmanni : U sai chi sembri? ‘N puppu

Recluta #4: Nossignore!

serg. Artmanni, rivolgendosi alla Recluta #3 : Unn’è Biancaneve ?

Recluta #3: Non sto capendo, Signore!

serg. Artmanni : Mi vo fari cridiri ca tu non sei uno dei sette nani ?

Recluta #3: Nossignore!

serg. Artmanni : Non dire minchiate, tu si u figghju i Mammulu !

Recluta #3: Nossignore!

serg. Artmanni : Je allora si u figghju i Brontolu !

Recluta #3: No,Nossignore!

serg. Artmanni : Di cu spacchju si figghju ? Soldato, dimm’ immediatamenti comu si chiama ḍḍu becch’ i to pa’

Recluta #3: Iano, Signore

serg. Artmanni : Je cuant’é jautu ?

Recluta #3: Un metro e novantasei, Signore

serg. Artmanni : Je non ti sembra stranu , non c’è qualcosa che non va datu ca tu si jautu un metru e un such'i frutta ?

Recluta #3: Nossignore!

serg. Artmanni : Minchiate, soldato, sei stato adottato oppure, se è come penso io, to patri je curnutu picchì to matri a tia ti fici cu i puffi, arricodditillu !

serg. Artmanni rivolgendosi alla Recluta #5: Tu chi si, parenti do porcu ?

Recluta #5: Nossignore!

serg. Artmanni : Mangitilla n’autra brioscia , ca ti viju sciupatu, surdatu, mi raccumannu, ah ? Ma quantu spacchju mangi ?

Recluta #5: Pocu, Signore, pocu

serg. Artmanni : Pocu, pocu, cchi significa ?

Recluta #5: Sono a dieta

serg. Artmanni : Je chi mangiano i porci cuannu sunu a dieta ?

Recluta #5: Non lo so

serg. Artmanni : Ma comu no sai !

Recluta #5: Mangio poco

serg. Artmanni : Minchiate! Tu ti mangiassi macari a to mamma si u putissi fari.

Recluta #5: No, Nossignore!

serg. Artmanni : Je lo sai chi mi piaci mangiari a mia ?

Recluta #5: Non lo so

serg. Artmanni : Prosciuttu, je u sai comu je fatt’u prosciuttu ?

Recluta #5: No, non lo so

serg. Artmanni : Ccu a carn’i porcu, sordato, quindi ju uora ti scanno e ti faccio diventare un parmacotto, 3, 2 ,1, inginocchiati subito sordato Parmacotto. Affuchiti !

La Recluta #5 porta le mani al collo

serg. Artmanni : No cch’i to manu, cch’i me manu, bestia !

La Recluta #5 afferra le mani del sergente che le ritrae subito

serg. Artmanni : Chi spacchju tocchi ? Pigghia la testa e a metti cca

Hartman stringe con la destra la gola della Recluta #5, strozzandolo

serg. Artmanni : Dimagrirai, soldato, dimagrirai, voi addivintari prosciutto ?

Recluta #5: Nno

serg. Artmanni : Su ti fazzu rustutu, cu tia ci mangiam’un misi a casemma, soldato !

Recluta #5: Nno, La prego, nhnho

serg. Artmanni, mollando la presa: Je allora cerca di scalare che ti voglio […]

Soldato parmacotto,se questo mese non dimagrisci almeno 5 chili, ju ti fazzu fari a fini do farsu magru [6]

Recluta #5: Va bene, Signore


[1] caserma Sommaruga, via Valdisavoia, 1 a Catania centro. A volte fiction, parodia, realtà si intrecciano, si confondono, si rincorrono, si inverano a vicenda. Ciò che è accaduto in quella caserma 5 anni dopo la realizzazione del doppiaggio proposto presenta delle analogie, sorprendenti . Un videoclip sollecita ancora la domanda: è più vera la realtà, la fiction o la parodia della fiction?

[2] È il grido ricorrente durante la processione di S. Agata, patrona di Catania. Il 5 febbraio una massa impressionante di catanesi accorre sovrapponendo tradizioni religiose popolari con retaggi pagani. I capicoro urlano a squarciagola “Siamo tutti devoti tutti?”, domanda che inderogabilmente non ammette che una risposta sola. I devoti rispondevano sino a non molti anni fa: Cittadini, cittadini, ma per sopraggiunte esigenze di intellegibilità, il meme si è tramutato in “Cettu, cettu!” / certamente.
Arduo comprendere la risposta delle reclute ed apprezzare la parodia per chiunque non sia vissuto a Catania.

[3] Sangiorgio : Multi-Quartiere densamente popolato e degradato, associato alla malavita, a causa di politiche del territorio, disaccorte e opache se non corrotte, nella zona meridionale di Catania. Dire che si vive o si proviene dal Sangiorgio crea ipso facto una barriera sociale e un’etichettatura di contiguità con tipi e ambienti poco raccomandabili.

[4] Puppu: polpo, a Catania è il termine più usato per indicare l’omosessuale maschio

[5] Playa: Una volta era una spiaggia bellissima, lunga e larga, nella parte sud di Catania

[6] Piatto tipico siciliano, di origine angioina e aragonese : rotolo di carne farcita arrosto


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org