Language   

Reggio Calabria 1972

Canzoniere del Vento Rosso
Language: Italian


Related Songs

Guarda giù dalla pianura
(Stormy Six)
Caccia alla volpe
(Pierangelo Bertoli)
Eh sì governo infame
(Canzoniere del Vento Rosso)


1972

Han Gridato Scioperiamo
Di Palermo e di Pescara e di Napuli e Agrigentu
Arrivaru su' migghiara, ogni omu cunta centu
E sbarcanu dintra Reggiu e camminanu 'nte strati
Timurusi alleggiu alleggiu, ogni figghiu ccu lu patri
L’operai e li cuntadini, li braccianti su’ vinuti
Ci su’ i fimmini e bambini, tutti frati scanusciuti

Ci su' i fimmini cchiù beddi pirchì volunu luttari
E vucìanu comu aceddi, nuddu cchiù li pò firmari
E ci sunu li carusi ca non volunu emigrari
O governu di schifusi cca nascemu e amu a ristari
Tuttu 'u Sud è cca prisenti p’ accuntrari a li cumpagni
Non ci sunu pussidenti, ci su' i fabbrichi e i campagni

Stan giungendo i primi treni, la stazione è già una piazza
Sono veneti e toscani, mille le bandiere rosse
E si guardano d'attorno, gli hanno detto "Son fascisti"
Ma è già rosso tutto intorno, "Qui son tutti comunisti”
I fascisti dove sono? Son nascosti nelle fogne
Oggi Reggio è capitale di un'Italia di compagni
E si guardano i compagni nella lotta e nelle pene
Un abbraccio e un solo grido: "Viva il Nord e il Sud insieme"

E lu figghiu lassa 'u patri e s'abbraccia ’n pulintuni
È 'ncumpagnu novu frati 'nta la lotta a li patruni
E s’ ammiscunu li mani su' caddusi chisti e chiddi
E li vecchi a manu a manu su' turnati picciriddi
Non si sentunu cchiù suli a luttari dispirati
E si scaldanu a lu suli ca li trova affratillati

Dopo ottanta, cento treni non si ferman le colonne
La stazione è sempre piena di operai, giovani e donne
Son tornati gli emigrati anche per un giorno solo
I fratelli han ritrovato che li aspettano sicuri

E turnanu l'emigrati e macari ’n ghiornu sulu
E truvaru a li so frati ca l’aspettanu sicuru

Ed i treni son passati proprio accanto alle autostrade
Tra paesi di nessuno, tra campagne abbandonate
Son rimaste queste scene sia negli occhi che nel cuore
Gli operai "Non più cannoni, ma dobbiamo far trattori”

Lu braccianti e l’operaio già si parrunu ‘nfucati
E si cuntunu ogni guaio comu fussiru du frati
Quanti semu? Du miliuna, cu sa fida cchiù a cuntari
Semu cchiù de li patruni, chistu è chiddu c’ampurtari

Ed il Nord e il Sud uniti, in corteo mille cortei
Ed è un fiume, fiume in piena, fiume rosso di operai
Otto volte quella piazza fu riempita e poi svuotata
Otto volte tutta rossa e ogni volta più infuocata

Tutta Reggiu s’è affacciata, non c'è cchiù cu parra alleggiu
'U corteo va 'nta ogni strata, ’n testa l'operai di Reggiu
C'è cu cerca i camerati non si virunu 'nta via
Cerca cerca e su’ ammucciati propriu arreri 'a polizia

Che jurnata nova e bella, prima petra 'i l’avveniri
L'unità, la russa stella già spuntò, nun pò muriri
Che giornata nuova e bella, prima pietra del futuro
L'unità, la rossa stella è già sorta e più non muore
Che giornata nuova e bella, prima pietra del futuro...

Contributed by Alberto Scotti - 2020/9/28 - 21:21



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org