Language   

Carcere ‘e mare

Claudio Mattone
Language: Neapolitan


Related Songs

Frankland Prison Blues
(Onsind)
Ya'at'eeh hanter-dro
(Les Ramoneurs de Menhirs)
Che il Mediterraneo sia
(Eugenio Bennato)


Carcere ‘e mare
[ 2002 ]

Testo e musica / Lyrics and music / Paroles et musique / Sanat ja sävel :
Claudio Mattone

Interpreti / Performed by / Interprétée par / Laulavat:
Salvatore Esposito






Il nome ufficiale è Istituto penale per i minorenni di Nisida, per i napoletani è Carcere ‘e mare. Si trova infatti in cima all’isolotto di Nisida, da dove il panorama è notevole.
L’edificio fu un lazzaretto, poi venne adibito a carcere per adulti, negli anni trenta a istituto di rieducazione.
Attualmente ospita 42 ragazzi e ragazze e 85 agenti di polizia penitenziaria, oltre ai servizi sanitari ed assistenziali.
La canzone fa parte della colonna sonora del film Scugnizzi per la regia di Nanni Loy nel 1989. Fu inserita dall’autore nel musical C'era una volta...Scugnizzi nel 2002.


Nisida

La leggenda vuole che il giovane Pausilypon / Posillipo si innamorasse perdutamente della bella Nisida che aveva il vezzo di irretire i giovani ammaliandoli per poi godere delle loro sofferenze sino alle conseguenze estreme. Una sadicona insomma, un’antesignana in salsa bucolica della terribile Irma Grese, la “bestia bionda di Belsen”. Questa finì col cappio al collo, mentre Nisida tutto sommato se la cavò meglio, fu trasformata infatti nell’ isola omonima, di fronte al promontorio che prese il nome del giovane che si tolse la vita.
I napoletani, inclini a privilegiare il registro dei sentimenti, nella topografia del posto leggono l’amore tra il promontorio di Posillipo e l’isola di Nisida costretti a guardarsi per l’eternità. Ancora oggi c’è chi trova coerente la scelta di destinare l’isola a luogo di reclusione, data la “cattiveria” di Nisida.

[Riccardo Gullotta]
Ancora quantu tiempo ha dà passare
io da ca’ dint’ me ne voglio ascire
ma tengo la pacienza di aspettare
Carcere ‘e mare

E aspett ‘o viento ca me fa vulare
e aspett ‘o sole ca me fa asciuttare
e aspett ‘o suonno pe’ pote’ sognare
Carcere e mare
ah…ah…ah…ah…

Dio che m'e dato 'a voce pe' cantare
e che m'e dato l'uocchie pe' guardare
m'e dato 'e braccia pe' farme faticare
Carcere 'e mare

E ancora quantu tiempo ha dà passare
io da ca’ dint’ me ne voglio ascire
ma tengo la pacienza di aspettare
Carcere ‘e mare
ah…ah…ah…ah…

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/9/26 - 19:42



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org