Language   

Ellis Island

Alberto Marchetti
Language: Italian



Passai gli anni a colpire di zappa
e ogni sera la sera arrivava
con il passo bruciato dal sole
e la polvere alla zuava.

Tutti i giorni col tempo costretto
dalla zappa che strappa ogni tiro
e la terra che ti entra nel petto
E ti spacca le labbra e il respiro.

Ogni giorno su un grano che mangia
ossa e carne e che io mai mangiai
perché il pane per me era nero,
e il vino appena assaggiai.

E’ così che le storie di certi
sulle terre lontane oltre il mare
mi convinsero a un sogno diverso
e a decidere di emigrare.

Quest’America sarà come si dice,
un paese di case in cristallo,
o un sogno tradito, illusione?
Oro oppure merda di cavallo?

Salutai tra sospiri i miei cari
nonni e figli dagli sguardi amari,
i fratelli invecchiati, silenti,
massacrate le vite di stenti.

Tanta strada per giungere al porto
dove nere partivan le navi,
sulla strada, ma senza conforto,
altri drammi a cercare, altri gravi.

Fu un viaggiare da bestie, moriva
tanta gente gettata nel mare,
tutti stretti i superstiti insieme
a resister, testardi, a sperare.

Poi la ferma su Ellis Island,
ammassati, snervati, uno stallo
che alienava, a gridare “E’ l’America
noce buona o amaro mallo?

Quest’America è come si dice
un paese di case in cristallo
o un sogno tradito, illusione?
Oro oppure merda di cavallo?


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org