Language   

Ballata in do sincero

Matteo Podda
Language: Italian



Ti avremmo seppellito il primo maggio
non fosse che al comune erano in festa
Sei andato per il tuo ultimo viaggio
senza bagaglio se non la tua testa

E ora riposa, grande lavoratore
che il giorno del tuo premio è arrivato
Di sola carne era dunque il tuo cuore
che pretendevi di ferro cromato

Dormi, dormi, nei fumi degli altiforni
dormi, dormi fratello, dormi

Di sola carne, certo, era il tuo cuore
ma il corpo di nero carbone
Tu eri lo schiavo, l’addetto al motore
che c’è sotto il nome di ogni padrone

Eri elfo delle rosse ciminiere
usignuolo d’ala refrattaria
Ruvido Efesto delle miniere
inestinguibile corrente d’aria

Dormi, dormi, nei fumi degli altiforni
dormi, dormi fratello, dormi

Tua madre fu la nera miseria
e per padri avesti ferro e fumo
A scuola del mondo una sola materia
t’ insegnò la strada, il lavoro e il digiuno

E ora mi chiedo come possa ospitare
la tua forza questa cassa di legno
Sento il tuo spirito ovunque volare
o dolce amico, d'ogni cielo degno

Dormi, dormi, nei fumi degli altiforni
dormi, dormi fratello, dormi

Cosa rimane per chi ti ebbe vivo
di te fra la terra ed il cielo
Parole di prete, un rametto d’olivo,
una tomba, una fiamma ghermita dal gelo

No, di te rimane il miracolo umano
lo sforzo tra il pane e le rose
La croce portata pensando a far piano
la più alta fra tutte le cose

Dormi, dormi, nei fumi degli altiforni
dormi, dormi fratello, dormi


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org