Language   

Mon enfance

Jacques Brel
Language: French

List of versions


Related Songs

Le talpe
(Duilio Del Prete)
Les Bonbons (Version 1967)
(Jacques Brel)
Fils de...
(Jacques Brel)


(1967)


Quasi sempre Brel parla della guerra in maniera originale, poetica, ma non per questo meno efficace. In questa canzone, che in realtà parla di tutt'altro, l'immagine della guerra arriva inaspettata. Ma non sembra anche a voi che sia proprio per questo più forte?
Mon enfance passa
De grisailles en silences
De fausses révérences
En manque de batailles
L'hiver j'étais au ventre
De la grande maison
Qui avait jeté l'ancre
Au nord parmi les joncs
L'été à moitié nu
Mais tout à fait modeste
Je devenais indien
Pourtant déjà certain
Que mes oncles repus
M'avaient volé le Far West

Mon enfance passa
Les femmes aux cuisines
Où je rêvais de Chine
Vieillissaient en repas
Les hommes au fromage
S'enveloppaient de tabac
Flamands taiseux et sages
Et ne me savaient pas
Moi qui toutes les nuits
Agenouillé pour rien
Arpégeais mon chagrin
Au pied du trop grand lit
Je voulais prendre un train
Que je n'ai jamais pris

Mon enfance passa
De servante en servante
Je m'étonnais déjà
Qu'elles ne fussent point plantes
Je m'étonnais encore
De ces ronds de famille
Flânant de mort en mort
Et que le deuil habille
Je m'étonnais surtout
D'être de ce troupeau
Qui m'apprenait à pleurer
Que je connaissais trop
J'avais l'oeil du berger
Mais le coeur de l'agneau

Et mon enfance éclata
Ce fut l'adolescence
Et le mur du silence
Un matin se brisa
Ce fut la première fleur
Et la première fille
La première gentille
Et la première peur
Je volais je le jure
Je jure que je volais
Mon coeur ouvrait les bras
Je n'étais plus barbare

Et la guerre arriva

Et nous voilà ce soir.

Contributed by Renato Stecca - 2007/7/14 - 16:40




Language: Italian

Versione italiana di Renato Stecca.

Ho provato a tradurre questa canzone; ci sono un paio di passaggi di cui non sono sicuro (in particolare "Flamands taiseux") controllate voi. Naturalmente se la pensate degna di entrare nel sito.
LA MIA INFANZIA

La mia infanzia è passata
Piena di chiaroscuri in silenzio
Di false riverenze
In mancanza di battaglie
L’inverno ero nel grembo
Della grande casa
Che aveva gettato l’ancora
Al nord tra i giunchi
L’estate mezzo nudo
Ma per niente mite
Diventavo indiano
Tuttavia già sicuro
Che i miei zii pasciuti
M’avevano rubato il Far West

La mia infanzia è passata
Con le donne in cucina
Dove io sognavo la Cina
Invecchianti durante il pasto
Gli uomini al formaggio
Si avvolgevano di tabacco
Taciti fiamminghi e saggi
E non mi conoscevano
Io che tutte le notti
Inginocchiato per niente
Arpeggiavo la mia tristezza
Ai piedi d’un letto troppo grande
Volevo prendere un treno
Che non ho mai preso

La mia infanzia è passata
Di serva in serva
Già mi stupivo
Che non fossero piante
Mi stupivo ancora
Di queste riunioni di famiglia
Che perdono tempo tra una morte e l’altra
E che il lutto veste
Soprattutto mi stupivo
D’essere di questo gregge
Che m’insegnava a piangere
Che sapessi troppo
Avevo l’occhio da pastore
Ma il cuore d’agnello

E la mia infanzia è scoppiata
Quando arrivò l’adolescenza
E il muro di silenzio
Un mattino si spezzò
Fu il primo fiore
E la prima ragazza
La prima graziosa
E la prima paura
Io volavo lo giuro
Giuro che volavo
Il mio cuore apriva le braccia
Io non ero più un barbaro

E poi arrivò la guerra

Ed eccoci qui stasera.

Contributed by Renato Stecca - 2007/7/14 - 16:45




Language: Italian

Versione italiana di Mattié Crisantoi
LA MIA INFANZIA

La mia infanzia passò
di chiaroscuri in silenzi
di false riverenze
in mancanza di battaglie
d'inverno stavo nel ventre
della grande casa
che aveva gettato l'ancora
a nord tra i giunchi
d'estate mezzo nudo
ma completamente modesto
diventavo indiano
eppure già sicuro
che i miei zii sazi
mi avevano rubato il Far West

La mia infanzia passò
le donne nelle cucine
dove sognavo la Cina
invecchiavano a pranzo
gli uomini al formaggio
si giravano del tabacco
Fiamminghi taciturni e saggi
E non mi conoscevano
io che tutte le notti
m'inginocchiavo per niente
arpeggiavo il mio dolore
ai piedi di un letto troppo grande
volevo prendere un treno
che non ho mai preso

La mia infanzia passò
di cameriera in cameriera
mi stupivo già
del perché non fossero proprio delle piante
mi stupivo ancora
di questi girotondi di famiglia
che cincischiavano di morto in morto
e che il lutto agghindava
mi stupivo soprattutto
d'essere di quel gregge
che mi ha insegnato a piangere
e che conoscevo troppo
avevo l'occhio del pastore
ma il cuore dell'agnello

E la mia infanzia sbocciò
questa fu l'adolescenza
ed il muro di silenzio
un mattino si spaccò
questo fu il primo fiore
e la prima ragazza
la prima gentile
e la prima paura
io volavo lo giuro
giuro che volavo
il mio cuore aprì le braccia
non ero più barbaro

E la guerra arrivò
ed eccoci stasera.

Contributed by Mattié Crisantoi - 2011/7/14 - 20:00



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org