Language   

Moviti ferma

Eleonora Bordonaro
Language: Sicilian

List of versions



[2020]

Album: Moviti ferma

 Moviti ferma


Il brano, nato in un tempo in cui la reclusione e la privazione erano solo metafore di una condizione del corpo, è diventato, incredibilmente, la descrizione per immagini del momento collettivo che viviamo. L’Italia e la Sicilia che si fermano, che si devono fermare, nell’attesa di giorni belli che verranno, nel percorso di riappropriazione della vita normale. Nello stupore di riapprezzare le piccole cose, come la musica suonata insieme, una stretta di mano ad una nuova conoscenza, un abbraccio, la luce del sole e il calore dei raggi sulla pelle. Il mondo ci bisbiglia che siamo ospiti, graditi se rispettosi, ma ospiti (“Sciuscia lu vento sciatu di la terra”).

Moviti ferma


“Oggi, spiega Eleonora Bordonaro – MOVITI FERMA è per i Siciliani in Sicilia e li incoraggia a stare fermi, a restare a casa, perché alla prima “luci da mattina è passata la nuttata”, ma anche per i Siciliani nel mondo, che hanno deciso di non tornare per amore della propria terra ed è un augurio a tornare presto nella lingua del cuore. Perché, in un ritmo di dondolio avvolgente, in una sola locuzione bizzarra, ossimorica, filosofica e popolare come MOVITI FERMA c’è tutto il sapore di quella casa da cui si vorrebbe fuggire, per essere liberi, o a cui si vorrebbe correre, per essere protetti”.
Da : scinardo.it

Ferma
mi movu ferma
non aju jammi
non aju vrazza.
Sulu a facci è viva
chiummu ntê spaddi
e catini la carina.
Aggiuccata ntâ rrina
sugnu unna ca non sbatti
azziccata nô munnu
radica ca nun crisci
urricàta ô scuru
simenza ca non spunta
ammucciàta nt’ agnuni
mi fazzu ùmmira ju stissa.

Non aju jammi ppi scappari
non aju cianchi ppi ballari
non aju pedi ppi sautàri
non aju manu ppi mirriari.
Mòviti ferma c’a luna gira
canta lu ventu sciatu di la terra.
Mòviti ferma c’a luna gira
sciuscia lu ventu sciatu di la terra.

Muta e ntanata talìu a vita
si movi lenta nta sta nuttata.
Mi votu, mi smovu e nun mi sentu arrizzittàta.
Mòviti ferma ca passa la nuttata
Chi sugnu nta stu maridi pinzeri
Chiamu lu sonnu ccu l’occhi sbarrati.
Sula nto scuru e a frunti nfucata
Mòviti ferma ca passa la nuttata.

Mòviti ferma ca veni lu sonnu
e m’arrisedu finarmenti,
mi sbigghia a luci dâ matina
n’ha successu nenti.
Mòviti ferma ca veni lu sonnu
e s’arrisedu cunfurtata
nnâ prima luci dâ matina
è passata la nuttata.

Contributed by adriana - 2020/6/6 - 13:21



Language: Italian

Versionre italiana dalla pagina youtube dell'autrice
MUOVITI FERMA

Ferma
resto ferma
non ho gambe
non ho braccia.
Solo la faccia è viva
piombo sulle spalle
e catene sulla schiena.
Accovacciata sulla spiaggia
sono onda che non sbatte;
conficcata nel mondo
radice che non cresce,
sotterrata al buio
seme che non germoglia,
nascosta in un angolo
mi faccio ombra da sola.

Non ho gambe per scappare
non ho fianchi per ballare
non ho piedi per saltare
non ho mani per picchiare.
Resta ferma che la luna gira
canta il vento soffio della terra.
Resta ferma che la luna gira
spira il vento soffio della terra.

Muta e intanata guardo la vita
si muove lenta in questa nottata.
Mi volto, mi muovo
e non mi sento in pace
Resta ferma che passa la nottata.
Cosa sono in questo mare di pensieri?
Chiamo il sonno con gli occhi sbarrati
sola nel buio e la fronte infuocata
Resta ferma che passa la nottata

Resta ferma che arriva il sonno
e mi rassereno finalmente.
Mi sveglia la luce della mattina
alzati, non è successo niente.
Resta ferma che arriva il sonno
e mi tranquillizzo confortata
nella prima luce della mattina
è passata la nottata.

2020/6/6 - 13:24



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org