Language   

Tresenda '43

Andrea Parodi
Language: Italian



Un lavandino in pietra e un gerlo di ricordi

Marta alla dogana sembrava all'ottavo mese
Sotto la gonna zucchero, sale e caffè per tutto il paese

Dategli una moneta, ridategli la sua vita
Dategli il sole e un po' di miele fra le dita
Dategli un treno in corsa o una finestra per scappare
Quando il vento avrà deciso da che parte andare
Quando il vento avrà deciso se correre o riposare

Francesca all'osteria versa da bere agli stranieri
C'è chi letica per la morra chi per i suoi capelli neri
Prova per un momento a far la parte dell'assassino
Guardami negli occhi, spezzami il pane, versami il vino
E io vi maledico, Signori della guerra
Seppellite le vostre armi e il vostro odio sotto terra
Tieni accesa la candela, fai volare l'aquilone
Dategli il fiato, dategli il fiato per finire la sua canzone.


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org