Language   

Francesco Guccini: Al trist, poi Al trést

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: Italian (Emiliano Modenese)

List of versions

Watch Video

1. Al trist, "Due anni dopo" (1970)


More videos...


Related Songs

Nero
(Tj DJ)
Don Chisciotte
(Francesco Guccini)
Auschwitz, o Canzone del bambino nel vento
(Francesco Guccini)



[1970]
Parole e musica / Lyrics and Music / Paroles et musique / Sanat ja sävel: Francesco Guccini
Album / Albumit:
1. Al trist, Francesco, "Due anni dopo" [1970]
2. Al trést, Francesco Guccini, "...quasi come Dumas..." [1988]

Giornata all'improvviso piovosa, mi pioveva anche dentro al bagno, le bestemmie continuavano senza sosta e non cessavo di ritirar fuori misconosciuti capolavori del Modenese Volgare. Questo qua più modenese degli altri, perché, appunto, è in dialetto modenese. L'unica canzone mai scritta e cantata in modenese da Guccini, a quanto mi risulta (se si eccettuano le frasi pronunciate in modenese dal Padreterno nella Genesi). Già da questo risulta una canzone altamente singolare: e non ne è l'unico motivo. Quasi tutti (me compreso), quando ci pensano la riportano quasi automaticamente all'Opera buffa, l'album “goliardico” di Guccini, forse per una sorta di “transfert” perché nell'Opera Buffa c'è la Fiera di San Lazzaro (che poi è in bolognese, non in modenese). Invece no: è la canzone che chiude Due anni dopo, il secondo album di Guccini del 1970 dove continua a presentarsi come “Francesco” e basta, esattamente come l'attuale Papa. Poi, è una canzone che ha subito una correzione, o meglio una “rimodenesizzazione” del titolo: sull'album originale si chiama, infatti, Al trist mentre poi, nelle successive riproposizioni, è diventata Al trést. Si diceva dell'Opera Buffa, ma è una canzone, a pensarci bene, che di buffo non ha proprio niente. Un album che si apre con Lui e lei che s'incontrano nel consueto vecchio posto d'ogni giorno a leggere poeti che nessuno al mondo poi leggerà mai, e che termina con lei che lo pianta per uno coi soldi, dato che lui è completamente al verde. Il tutto su un bluessàccio tra la via Emilia e il West, per celebrare degnamente la miseranda fine di un amore. E tutto lascia intendere che la copertina di Due anni dopo riproduca proprio questa canzone. [RV]
A m sun desdé stamatëina,
l'è primavéra, ma al piòv
A m sun desdé stamatëina,
l'è primavéra, ma al piòv

A n pos purtéret fòra anch s l'è dmanga,
Perché a n gh'ò ménga al vsti nòv,
A n gh'ò ménga al vsti nòv, oh sé...

A gh'era tò péder sù l'òss,
a I m'à dmandé quand a te spòs,
Ma gh'era tò péder sù l'òss,
a I m'à dmandé quand a te spòs

Mé, ch'a fagh fadiga a magnér per mé,
Péinsa mò bëin s'a s foss in dò,
Péinsa mò bëin s'a s foss in dò, osgnò...

E quand l'è gnuda tò médra
a gh'ò dmandé in dòv t'ér té,
Ho dét, quand l'é gnuda tò médra
a gh'ò dmandé in dòv t'ér té, oh sé,

La m'à rispòst ch' t'ér andéda via
Con un ch'al gh'à più sòld che mé,
Con un ch'al gh'à più sòld che mé, oh sé...

E mé a sun ché
in mez a la stréda
sëinsa savéir
csa pòsia l fé,
l'è bròtt dabòun
sté a la dmanga
a bsaca vòda
e sëinsa té.

E intant a m piòv sòvra a la testa
E a sòn tòt mòi còmm un pulsëin,
A sòn tòt mòi còmm un pulsëin, oh sé...

A sòn da sòl d'lòngh a la stréda
e a zigh dabòun còmm un putëin,
A sòn da sòl d'lòngh a la stréda
e a zigh dabòun còmm un putëin

L'é primavéra ind al lunari,
Ma a pér che invéren sia turné
L'é primavéra ind al lunari,
Ma a pér che invéren sia turné, oh sé...

Contributed by Riccardo Venturi - 2020/5/11 - 20:34



Language: Italian

Traduzione italiana / Italian translation / Traduction italienne / Italiankielinen käännös:
Riccardo Venturi, 11-05-2020 21:15
IL TRISTE

Mi son svegliato stamattina,
è primavera, ma piove
Mi son svegliato stamattina,
è primavera, ma piove

Non posso portarti fuori anche se è domenica,
Perché non ci ho il vestito nuovo,
Non ci ho il vestito nuovo, oh sì...

C'era tuo padre sull'uscio,
mi ha domandato: quando ti sposi,
Ma c'era tuo padre sull'uscio,
mi ha domandato: quando ti sposi

Io, che faccio fatica a mangiare per me,
figurati se fossimo in due,
figurati se fossimo in due, ossignore...

E quando è venuta tua madre,
le ho domandato dov'eri,
ho detto, quando è venuta tua madre,
le ho domandato dov'eri, oh sì

Mi ha risposto che te n'eri andata via
con uno che ha più soldi di me,
con uno che ha più soldi di me, oh sì...

E io sono qui
in mezzo alla strada
senza sapere
che farci,
è brutto davvero
star la domenica
a tasche vuote
e senza te.

E intanto mi piove in testa,
e son tutto bagnato come un pulcuno,
son tutto bagnato come un pulcino, oh sì...

Sono da solo lungo la strada
e piango davvero come un bambino,
Sono da solo lungo la strada
e piango davvero come un bambino

È primavera sul calendario,
ma sembra sia tornato l'inverno
È primavera sul calendario,
ma sembra sia tornato l'inverno, oh sì...

2020/5/11 - 21:16


no, ce n'è un'altra: la traduzione di Serrat dal catalano al modensese. Tra l'altro nell'introduzione ricicla la stessa battuta sulla canzoni in inglese fatta per Al trést...


Lorenzo - 2020/5/11 - 21:49



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org