Language   

Siemu i l'anarchia

Gruppo Anarchico di Amantea
Language: Italian (Calabrese)

List of versions


Related Songs

L’emigrante
(Felice Campora)
A canzuna i l’anarchicu federalista
(Felice Campora)
La ballata di Lea
(Francesca Prestia)


Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Gruppo Musicale Anarchico di Amantea (CS)
Musica / Music / Musique / Sävel: sconosciuta / unknown / inconnue / tuntematon

Dal repertorio del Gruppo Anarchico di Amantea (Cosenza) animato da Felice Campora. Il testo è ripreso propriamente da Catanuto-Schirone, Il canto anarchico in Italia nell'Ottocento e nel Novecento, p. 322; ma, a loro volta, i curatori del volume avvertono che è ripreso da AA.VV., Cantare Anarchia Lottare..., Canzoniere anarchico e libertario da P. Gori a L. Ferré, a cura del Gruppo anarchico di Ragusa, ed. La Fiaccola, Ragusa 1986. [RV]
U patrunu da terra mia
m'ha parratu da democrazia
m'ha parratu da produziona
m'ha parratu da congestiona.

[coro]
E chi t'ha dittu?

Pu m'ha dittu:
- Ti rugnu u bigliettu
vatt'a viriri a partita allu stadiu
va t'imbriachi a li cantini
va ccu li fimmini i Santa Lucia -.

[coro]
E tu chi cci ha' rittu?

No, no, no, no, no, vattinni
'sa cosa cca 'un è fatta pi mia.
Sindacatu rivoluzionariu:
signu federalista, siggn'i l'Anarchia!

[coro]
E puoi chi è venutu?

È venutu nu comunista
e m'ha dittu: - Facimmu u partitu.

[coro]
Chi partitu?

Dittatura du proletariatu:
- tuttu quantu u potere allo Statu.
Pu m'ha dittu: - Facimmu atri leggi,
jamici chianu ccu la libertà.
E continuannu nun m'hannu parratu
d'abolizioni du salariatu?

No, no, no, no, no, vattinni
'sa cosa cca 'un è fatta pi mia.
Sindacatu rivoluzionariu:
signu federalista, siggn'i l'Anarchia!

[coro]
E puoi chi è venutu?

È venutu nu nonviolentu
e m'ha dittu: -A' veni ccu mia,
quannu avanza pi ti caricari
fa u segnu ra paci a la polizia.
Si ti mininu fatti minari,
si ti sparinu fatti sparari,
chianu chianu u sfruttamentu passa
e nua non simu pa lotta di classi.

No, no, no, no, no, vattinni
'sa cosa cca 'un è fatta pi mia.
Sindacatu rivoluzionariu:
signu federalista, siggn'i l'Anarchia!

[coro]
E puoi chi è venutu?

È venutu nu brigatista
e m'ha dittu: - Facimmu u partitu,
u partitu da rivoluziona
e sparamu alli gambi a u patruni.
Pu m'ha dittu ca quannu vincimu
facimu u Statu nua cinco
o sia ca simu stati a testa armata
da rivolta du proletariatu.

No, no, no, no, no, vattinni
'sa cosa cca 'un è fatta pi mia.
Sindacatu rivoluzionariu:
signu federalista, siggn'i l'Anarchia!

[coro]
E puoi chi è venutu?

E ogni volta all'elezione
veninu tutti i partiti a parrà:
- Vota pi mia! No, vota pi mia!
- Manna chiù genti du partitu miu
ca pu nua quannu simu da supra
ti facimu nu mundu i riformi,
ti ricimu nua chillu ch'è fari
e tu t'è fari cumannari.

No, no, no, no, no, vattinni
'sa cosa cca 'un è fatta pi mia.
Sindacatu rivoluzionariu:
signu federalista, siggn'i l'Anarchia!

Contributed by Riccardo Venturi - 2020/5/2 - 06:42



Language: Italian

Versione italiana di Riccardo Gullotta

È scritto in una lingua-dialetto mista, sembra un siciliano dell’area centro- occidentale con qualche inflessione ragusana (la rotacizzazione della /d/). Non saprei quanto attenga al calabrese.
SIAMO DELL’ANARCHIA

Il padrone della mia terra
mi ha parlato della democrazia
mi ha parlato della produzione
mi ha parlato della co(n)gestione.

[coro]
E che ti ha detto?

Poi mi ha detto:
-Ti do un biglietto
vai a vedere la partita allo stadio
vai ad ubriacarti alle cantine
consuma le femmine-. [1]

[coro]
E tu che cosa gli hai detto?

No, no, no, no, no, lasciami in pace
ciò non fa per me.
Sindacato rivoluzionario:
simbolo federalista, simbolo dell’Anarchia! [2]

[coro]
E poi come è andata?

È sopraggiunto un comunista
E m’ha detto: - Facciamo un partito.

[coro]
Che partito?

Dittatura del proletariato:
- tutto il potere allo Stato.
Poi mi ha detto: - Facciamo altre leggi,
andiamoci piano con la libertà.
E via così non mi hanno parlato
dell’abolizione del salariato?

No, no, no, no, no, lasciami in pace
ciò non fa per me.
Sindacato rivoluzionario:
simbolo federalista, simbolo dell’Anarchia!

[coro]
E poi come è andata?

È sopraggiunto un nonviolento
e m’ha detto: - Dai, vieni con me,
quando avanzano per caricare
fai un segno di pace alla polizia.
Se ti picchiano fatti picchiare,
se ti sparano fatti sparare
pian piano lo sfruttamento verrà meno
e noi non siamo per la lotta di classe.

No, no, no, no, no, lasciami in pace
ciò non fa per me.
Sindacato rivoluzionario:
simbolo federalista, simbolo dell’Anarchia!

[coro]
E poi come è andata?

È sopraggiunto un brigatista
E m’ha detto: - Facciamo un partito,
un partito della rivoluzione
e spariamo alle gambe al padrone.
Poi mi ha detto che quando vinceremo
faremo lo Stato noi cinque
o in quanti siamo stati a testa armata
della rivolta del proletariato.

No, no, no, no, no, lasciami in pace
ciò non fa per me.
Sindacato rivoluzionario:
simbolo federalista, simbolo dell’Anarchia!

[coro]
E poi come è andata?

E volta per volta alle elezioni
Vengono tutti i partiti a parlare:
- Vota per me! No, vota per me!
- Eleggi più persone del mio partito
che dopo quando siamo al governo
ti facciamo un sacco di riforme,
ti diciamo noi ciò che c’è da fare
e tu ti farai comandare.

No, no, no, no, no, lasciami in pace
ciò non fa per me.
Sindacato rivoluzionario:
simbolo federalista, simbolo dell’Anarchia!
[1] Non mi è nota la locuzione “fimmini di S.Lucia”. Forse allude alla verginità della martire leggendaria. In tal caso la raccomandazione del padrone appare poco congruente con il resto e con l’ambiente locale. Ci si aspetterebbe infatti, se avesse un’attinenza con il sesso, un caldo invito ad andare a puttane.
C’è però un’altra ipotesi. La festa di S.Lucia, il 13 dicembre, è legata al consumo delle arancine. Nella Sicilia occidentale la specialità gastronomica arancina è di genere rigorosamente femminile. (Nel catanese non si provi a chiederlo se non nell’accezione maschile arancino, altrimenti si riceverebbe una correzione mista ad un’occhiata di compassionevole sufficienza).
Quindi potrebbe essere una raccomandazione ironica: Fatti una scorpacciata di arancine.
Per non sapere né leggere né scrivere, ho reso con “consuma le femmine” che copre entrambi i casi (secondo una consuetudine unificante la Penisola,terroni e polentoni) .

[2] Mi sorge qualche dubbio se il testo originale riporti “signu” / simbolo o se sia l'alterazione di una versione successiva per “sugnu” / sono.

Contributed by Riccardo Gullotta - 2020/5/2 - 13:29



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org