Language   

Sacco e fuoco

Teresa De Sio
Language: Neapolitan


Related Songs

Facendo la storia/Making history
(99 Posse)
Sotto il velo del cielo
(Nuova Compagnia di Canto Popolare)
Il sorriso di Michela
(Eugenio Bennato)


Dall'album "Sacco e Fuoco" (2007).
teresasdesio
Nui simmo nati ‘ncopp’a na montagna
bevimmo quanno chiove e quanno scenne ‘a neve se magna
sunammo ‘e tarantelle quanno ll’aria è scura
sunammo ‘e tarantelle pe nunn’avè paura

Cagnano ‘e tiempe e cagnano ‘e padruni
sulo ‘int’ e sacche nostre nun ce vene mai ‘a fortuna
sunammo ‘e tarantelle quanno ‘o viento votta
sunammo ‘e tarantelle e chi nunn’e vò abballà se fotte

Brigante Sacco e Brigante Fuoco
vui site comm’a bestie
e comm’a bestie è poco

Dicette Garibaldi “ chesta terra è a vostra”
e nuie c’ammo creduto e c’ammo fatte assai cchiù tuoste
ma mò chi sa cumm’è, ce resta ‘o resto ‘e niente
simmo briganti e guappe, sempre cchiù pezzienti

E sò passate ll’anni e è sempre ‘a stessa canzone
na vota era ‘o Piemonte e n’ata vota era ‘o Burbone
ma pure chiste e mò, overo so fetienti
chi ‘o tene s’o mantene…n’culo a chi nun tene niente

Brigante Sacco e Brigante Fuoco
vui site comm’a bestie
e comm’a bestie è poco

Brigante Sacco e Brigante Fuoco
vui site comm’a bestie
e comm’a bestie è poco

Bum Bum Beng Beng
Bunghete e banghete
Bunghete e Ba

Votta ‘o viento- votta ll’acqua
votta ‘o cielo – votta ‘e mmane
votta tutt’e varche a mare

votta pure ‘e marenare
votta a mme – motta a tte
votta pure ‘e figli d’o rre
votta ‘a ciorta - ‘a ciorta ‘nzista
votta ‘ncuorpo tutto ‘o scisto
votta a tte – votta a mme
votta e nun sapè pecchè

N’chiappala, n’chiappala
n’chiappala ‘a ciorte
n’chiappala forte
e ‘nzerrala ccà
n’chiappala, n’chiappala
n’chiappa la ciorte
n’chiappala e nunn’a fa scappà

Contributed by Antonio Piccolo - 2007/6/23 - 10:07


"TERESA RINGRAZIA


chi non tiene paura, i briganti e le brigantesse di tutte le epoche, le figlie di re che hanno perso la corona, la disobbedienza che è un metro per misurare il mondo, l’intelligenza perché salverà la terra dai cretini, mai caricati a salve, chi festeggia la morte dei tiranni, le femmine che vogliono vivere e amare libere come pesci nel mare e poi finiscono fritte nella “tielluzza”, chi resta e resiste nella splendida e miserabile città di Napoli, gli stati di grazia difficili da mantenere, la poesia e la scienza che nulla sanno l’una dell’altra ma entrambe possono dirci cose sul cielo stellato, chi ancora ha una bussola, un vento e una bandiera, chi non vuole tenere padroni, i piccoli musicisti senza lavoro e il lavoro dei grandi da cui si può imparare, la musica popolare quando ci insegna la danza interiore e, infine, il potere della passione, la sola battaglia che non potremo perdere e il solo mezzo per mettere a SACCO E FUOCO il mondo."

SACCO E FUOCO
Canzone sul brigantaggio di ieri e di oggi. Sacco e Fuoco sono due briganti che hanno scelto la strada delle montagne, bevono l’acqua della pioggia e mangiano la neve. Hanno creduto in Garibaldi e al suo sogno di libertà e giustizia, poi l’esercito sabaudo ha calpestato questo sogno. Ai poveri, si sa, non rimane mai niente nelle tasche. Allora come oggi. Canta aspra Teresa: “E pure quelli di adesso sono fetenti, chi ce l’ha (il potere o i soldi) lo mantiene per sé… e in culo a chi non ha niente!”

Alessandro - 2008/11/13 - 18:28



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org