Language   

Inno dei telelavoratori

Ahmed il Lavavetri
Language: Italian

List of versions


Related Songs

Strange Timez
(Gorillaz)
La pala
(Víctor Jara)
Restiamo a casa
(Giuliano Sangiorgi)


[23-03-2020]
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Ahmed il Lavavetri
Musica / Music / Musique / Sävel: Inno dei lavoratori, Filippo Turati, 1886

pellizza 2.0
Su fratelli, su compagne,
Su venite in fitta schiera:
Esponiam rossa bandiera,
Tutti insiem contro il Covìd.

Nelle pene e nell'insulto
Distanziati in mutuo patto,
Tutti in casa insieme al gatto,
Tutti a telelavorar!

Tutti a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutti a far telelavoro,
O del virus si morrà.

La risaia e la miniera
Sono chiuse per decreto,
Non si esce che in segreto,
Collegati ad ogni or.

Il padron per cui sgobbiamo
Sta rinchiuso in una villa,
Quarantena assai tranquilla
Lui si passa in gran splendor.

Tutti a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutti a far telelavoro,
O di fame si morrà.

L'esecrato capitale
Che ci sfrutta e che ci plagia,
Ora pure ci contagia,
Ci costringe a lavorar !

Ma noi col telelavoro
In prigion domiciliare,
Sempre fissi qui a cliccare
Coi bambini qui a strillar !

Tutti a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutti a far telelavoro,
In cucina o sul sofà.

Se divisi siam canaglia,
Nella Rete siam potenti,
Le fatture delle genti
Sempre qui a compilar!

Ogni cosa è sudor nostro,
Noi disfar, rifar possiamo;
Altrimenti ci incazziamo
Su Feisbùk o su Instagràm!

Tutti a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutti a far telelavoro,
E non si può passeggiar.

Non più giri, non più ufficio,
Non più Camera Café ;
Sono qui e accarezzo il micio,
Faccio il flashmob delle tre.

Maledetto sia 'sto virus
Che fa scempio de' fratelli,
In attesa che Borrelli
Alle sei arrechi dolor.

Tutti a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutti a far telelavoro,
Lo stipendio calerà.

I confini sigillati
Pur tra Firenze e Scandicci,
Siamo tutti nei pasticci,
Pensar che tre mesi fa

Si voleva i porti chiusi
Ai gialli, ai rossi e a' neri,
Ora siam tutti stranieri
Anche agli àngol delle strà' !

Tutti a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutti a far telelavoro,
Ma il virùs è il capital.

O sorelle di fatica
Voi telelavoratrici,
Fate pur le lavatrici
E smerdate il nonno ognor!

Fra un clìc ed un cliente,
Un problema ed un listino,
Vi occupate del bambino,
Piccolo scassamaròn !

Tutte a far telelavoro,
Lo smart working vincerà :
Tutte a far telelavoro,
Come un tempo chiuse in cà' !

Se usciam fuori, s'è arrestati
A far la telegalera,
Da mattino fino a sera
Tutti quanti a spippolar !

Su fratelli, su compagne,
Finirà questa prigione
E legnate sul groppone
Al padron si tirerà !

Su fratelli, su compagne,
Su venite in fitta schiera:
Esponiam rossa bandiera,
Tutti insiem contro il Covìd !

Contributed by Ahmed il Lavavetri - 2020/3/23 - 08:22


BLOOD IN THE STREETS
Alessandra Daniele, Carmilla Online, 23 marzo 2020.


“Ci sono regioni che non sanno più dove mettere le bare” – Luigi Di Maio, M5S

“Questo virus non se ne andrà. Ormai è nella popolazione umana” – Ilaria Capua, virologa

“È giunto il momento di militarizzare l’Italia” – Vincenzo De Luca, PD

La polmonite virale Covid-19 ha già fatto quasi 14 mila morti. Più d’un terzo dei quali nel Lombardo-Veneto. Confindustria però non ritiene sia il momento di sospendere tutte le attività produttive non necessarie, ed ha quindi ordinato al tetro burattino di Palazzo Chigi un ulteriore rinvio, e un concetto più ampio e comodo di “necessario”.

Che differenza possono fare qualche giorno e qualche fabbrica in più? Qualche migliaio di morti, niente per cui il capitale sia mai stato disposto ad accettare un calo dei profitti.

Medici e paramedici sono allo stremo. E quella lombarda è la Sanità più attrezzata d’Italia.
Se la pandemia dovesse dilagare al Sud con la stessa virulenza, sarebbe un’ecatombe.
La gente chiusa in casa aspetta angosciata che l’emergenza finisca.
Ma non finirà.
Perché Covid-19 e le sue conseguenze sono qui per restare.

Perché della contemporanea recessione mondiale, che era già cominciata, tutti gli speculatori approfitteranno come virus in un organismo debilitato.
Come dicono a Wall Street, è quando il sangue scorre per le strade che si fanno gli affari migliori.
Il sangue, e la paura.

In questi giorni di escalation virale e securitaria, gli italiani hanno preteso che i trasgressori dell’ordinanza di distanziamento sociale per la strada venissero tracciati attraverso il cellulare, denunciati e multati. Mentre operai e impiegati restano costretti a continuare a lavorare in fabbriche ed uffici pieni.

Hanno approvato che il parlamento venisse chiuso di fatto, e che le elezioni venissero rinviate sine die.
Hanno invocato e ottenuto l’esercito a presidiare le strade. Il “soccorso” della BCE. Il ritorno di Bertolaso.
Hanno ignorato un’atroce strage di detenuti che chiedevano di non essere condannati anche al Coronavirus.
Naturalmente non tutti l’hanno fatto, ma sono stati abbastanza.

C’è da augurarsi che questo giro di vite para-golpista finisca per provocare una reazione uguale e contraria, una rivolta generalizzata contro l’attuale sistema socio-economico che ha tradito tutte le sue promesse di benessere, libertà, sicurezza, progresso.

Per il momento però quasi tutti i segnali necessariamente indicano la direzione opposta.
In tutto il mondo, dalla Francia all’Iran, dalla Catalogna a Hong Kong, la quarantena ha spento il fuoco delle manifestazioni di piazza, sostituite dalle spettrali pattuglie in tuta bianca che spruzzano disinfettante.

Se sopravviveremo, con l’estate, e gli auspicabili progressi nella ricerca di terapie efficaci e d’un vaccino, la tensione securitaria probabilmente calerà. Ma al prossimo autunno, al prossimo Coronavirus che arriverà puntualmente come ormai succede ogni paio d’anni – la SARS, la MERS, la H1N1, la Covid-19 – si tornerà a rinunciare a tutte le nostre già poche e illusorie libertà per paura di finire in una di quelle bare. O di vederci finire un familiare, un amico, senza neanche poterlo salutare per l’ultima volta.

E Confindustria ci conta: dopotutto è quando il sangue e il disinfettante scorrono per le strade che si fanno gli affari migliori.

Riccardo Venturi - 2020/3/25 - 12:01


Il grande Natalino Balasso commenta Urbano Cairo

daniela -k.d.- - 2020/4/2 - 15:27


Capisco meglio perché all'Elba si dice "Vo ar Càiro" quando si va ad espletare certi urgenti bisognini corporali...

Riccardo Venturi - 2020/4/2 - 17:58


Povero Toro!

B.B. - 2020/4/2 - 18:26



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org