Language   

Andrà tutto bene

Giuseppe Reho
Language: Italian


Related Songs

Ogni giorno alle 18
(Willie Peyote)
Core Solution
(Zyklon)
Restiamo a casa
(Giuliano Sangiorgi)


2020

Agli alunni dell’Istituto

In questi giorni di chiusura mi sono recato a scuola insieme ai miei collaboratori per continuare l’azione amministrativa ed adottare quei necessari provvedimenti per fronteggiare l’emergenza. Mi sono recato nei plessi ed ho sentito un suono: la campanella. Sì, proprio quel suono, che da piccolo scolaro (si usava questo termine prima) della scuola elementare (si chiamava così) degli anni ottanta del secolo scorso ha sempre scandito la mia giornata, fino a quando sono diventato un docente di Matematica. Nei miei ricordi la campanella spesso ha rappresentato la salvezza da un’interrogazione che stava andando male oppure il limite temporale che poneva fine ad una lezione noiosa tenuta magari da un professore poco empatico, che non si sforzava di fare amare la sua disciplina, anzi. E poi c’era la campanella dell’ultima ora del sabato, che rappresentava la libertà. La campanella ha fatto parte della storia di tutti noi adulti. Oggi, nell’Istituto “M. Montessori” di Cardano quella campanella suona ancora, anche se le aule sono deserte, non si sentono le voci dei bambini, delle maestre che spiegano o che alzano la voce, delle bidelle (si chiamavano così una volta) intente a sorvegliare e a riprendere gli scolari che sporcano i bagni o che combinano qualche marachella. Tutto tace in un’atmosfera surreale, ed ho avvertito il cuore come in preda alla desolazione ed allo sconforto, perché il ritmo del suono della campanella rappresenta la vita a scuola, che sembra essersi interrotta. Per un attimo ho pensato di farla disattivare, di spegnere quel suono, per impedire la scansione di un tempo per il quale in questo momento non ha senso che sia misurato. Invece, no! Mi sono ripreso dalla folle idea, ragazzi. Tale azione avrebbe rappresentato un taglio all’esistenza e all’essenza del valore della Scuola, del suo compito fondamentale: la vita. La campanella deve continuare a suonare, ancora, incessante, anche se la vita ed il nostro tempo sembrano che si siano fermati, perché essa attende la ripresa di tutto. Cari bambini, ragazzi, la lascio suonare, quindi, per voi che siete a casa, per noi che siamo in ufficio, per gli insegnanti “disoccupati” intenti alla ricerca di un senso per questa situazione, affinché possiamo ricordarci che prima o poi questo tempo passerà, che ce la possiamo fare, che saremo pronti a tornare a vivere da vincitori, ad ascoltare quel suono, a tutti noi caro. La campanella suona e continuerà a farlo, anche se non ci siete, ma vi aspetta, e solo allora tornerà la vita. Ci mancate.

Con immenso affetto,

Il dirigente scolastico Giuseppe Reho
C'è un silenzio che la vita confonde
C'è paura che dentro al cuore s’infonde
C'è un dolore che un male diffonde
C'è sconforto a cui l'anima soccombe

Ma c’è un disegno che un colore aspetta
C'è un arcobaleno che un bambino proietta
Nel cielo come un dolce pensiero che....

Torneremo a vivere
Torneremo a credere
Torneremo a dire, fare, baciare
Festeggiare, brindare e ad amare di più
Andrà tutto bene
Ci rialzeremo insieme
Andrà tutto bene
E la vita, la vita risorgerà

La vita tornerà
Dire, fare e baciare
Incontrare, abbracciare e sognare di più
Andrà tutto bene
Ci rialzeremo insieme
Andrà tutto bene
E la vita, la vita vincerà

Contributed by Dq82 - 2020/3/15 - 12:09



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org