Language   

I' vìrusse, ovvero L' Alluvione adattata alle esigenze di' momento

L'Anonimo Toscano del XXI Secolo e la Piccola Orchestrina del Costo Sociale
Language: Italian (Toscano Fiorentino)


Related Songs

Oratione contra coronavirus
(Mauro Geraci)
Caterina Bueno: Eran tre falciatori
(GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG)
Le Vî Russe ou la Victoire de l’Amour
(Marco Valdo M.I.)


[14-03-2020]
Testo / Lyrics / Paroles / Sanat: Anonimo Toscano del XXI Secolo
Musica / Music / Musique / Sävel: L'Alluvione


L'originale.


Pochi non fiorentini conosceranno L'Alluvione, la canzone che Riccardo Marasco dedicò, appunto, alla rovinosa inondazione del 4 novembre 1966. Per questo propongo l'originale in video. A Firenze, va da sé, la canzone è però famosissima; e mi sono quindi deciso a farne una versione aggiornata agli avvenimenti in corso, certo che, ora come ora, i fiorentini (e non solo loro) si beccherebbero volentieri non una, ma due alluvioni piuttosto della mortifera epidemia. Alla mia età, ho però il privilegio (si fa per dire) di essermi beccato sia l'alluvione che la pandemia, anche se nel 1966 ero piccolo.

A pensarci bene, questo rifacimento dell' “Alluvione” maraschiana sarebbe potuto essere un commento perfetto al Vicolo del Panico, il reportage fotografico da una Firenze spettrale che, con intrepido sprezzo del pericolo, ho redatto ieri; ma tant'è. Non mi era venuta. Mi è venuta oggi, tornato agli arresti domiciliari in perfetta salute....cough cough!...spùt...! (tranquilli, so' i' cicchini fatti co' i'tabacco Pueblo...) [AT-XII]
Recitato:

Marito: "O Dani, o Dani...ma che te la se' messa la mascherina ieri sera? 'E un mi sento tanto bene, 'e ciò una tosse 'he mi sembra di sputà du' ranocchi e mi 'hola i'naso 'he sembra la 'hascata delle Marmore...!"
Moglie: "O Anonimino mio, vien via, e tu lo sai è la solita storia: 'ndo la piglio sehondo te la mascherina...?!? L'artro giorno so' andata alla farmacia di' Canto de' Nelli, ce n'avevano una e m'hanno chiesto dugentoquarant'euri...! E allora 'e tu lo vedi, 'e mi so' messa i' fisciù su i' viso...
Marito: Vabbè, Dani...ma tu lo sai, i' fisciù su i' viso 'e 'un serve a una sega....oddìo Dani...'un ce la fo più a 'sta rinchiuso in casa...vo a fa' una giratina fòri...
Moglie: Sì obbravo...così ora se ti se' beccato i' vìrusse 'e tu l'attacchi a tutti...sta' fermo 'hi bischero...icchettuffài....e i' sito poi..?!? E chi le fa le traduzioni da i' bùrgaro...?!? (si sente l'uscio che sbatte).

Cantato:

Giro da solo e scaracchio [1] n'i vòto,
Passa un carretto e un vigile in moto,
Non so capire icché gli è successo,
'Un c'è nessuno, e 'un succede spesso.

E i negòzzi so' tutti serrati,
I bàrri [2] chiusi, i lohali sprangati,
'E mi fo un giro pe' via Tornabòni,
'Un c'è manco un cane, mi gira 'hoglioni.

Giro pe i' centro in mezzo a' micròbi -licenza poetica-
Sembra di stà' ni' deserto di' Gobi,
E se 'un bastasse, 'e mi fa male un callo,
'Un c'è un turista nemmeno a cercàllo.

Tutt'ad un tratto so' ni' Battistero,
Mi par di sognare, ma invece l'è vero,
'E c'è un cartello con sopra Gesù,
Che dice: “Unn'entrare, sennò unn'esci più.”

'E ciavre' voglia di piglià un caffè,
Ma un barre aperto, mi dite 'ndogliè? [3]
'E ci so' solo farmacie e tabacchi,
E mentr'intanto scaracchi e scaracchi.

'Un so iccheffàre, entro in farmacia,
So' quasi in piazza della Signoria,
I' farmacista propone gli affari,
“Ciò le mascherine, fan trenta denari !”

Mi fermo un poco e mi sento i' febbrone,
Ohi, 'e mi sa che mi fanno i' tampone,
“Ritorna a casa, su'...! 'Un fare i' pazzo!”
Mi sa che so' stato una testadihàzzo.

Ma ormai so' in giro, morirò su' i' campo,
E in quattro passi più lesto d'un lampo
'E mi ritrovo pe' via Calimala,
Ragazzi, mi sa che l'è proprio majala.

Tutte le statue che so' su i' piazzale
L'hanno bardate da odissea virale,
Ercole e Caco 'holla mascherina,
Cosimo che s'è dato l'Amuchina.

Grida Oloferne con la su' Giuditta
Alla Medusa che 'un vole stà zitta:
“Stacci ad un metro con buona creanza,
Tu devi anche te rispettà la distanza!”

Non ho più salvezza, non ho più speranza,
Ovunque c'è i' virus che mena la danza,
E c'è una sirena, mi portano via,
Addio Firenze e piazza Signoria.

Dante, di marmo poeta divino
Mira sdegnato l'immane casino:
“O fiorentini....! M'avete esiliato...!
Però qui a Ravenna mi so' anch'io infettato!”
[1] Sputo.

[2] Plurale di "bàrre" = bar. Un bàrre, du' barri. Esattamente come "un camio, du' hami", o "un bùsse, du' bussi". Potenza dell'analogia livellatrice. E anche, ovviamente, "un vìrusse, du' vìrussi".

[3] Dov'è

2020/3/14 - 09:39



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org