Language   

Discorso immaginario con Azhar

Carmine Torchia
Language: Italian


Related Songs

E sale quanto basta
(Carmine Torchia)
L'umanità
(Carmine Torchia)
Nessun dio
(Carmine Torchia)


Album: Il rumore del mondo (2018)



In Discorso immaginario con Azhar parli di un dialogo immaginario con un presunto terrorista islamico. Perché hai scelto di trattare un argomento del genere in una canzone? Credi ci possa essere un posto in musica in cui le bestialità di ognuno possano essere in qualche modo riconciliate?

Tratto certe argomentazioni perché offrono spunti su cui riflettere, tentando di trovare delle soluzioni personali. È chiaro che la mia visione è del tipo inclusivo e unificante perché non mi interessano le divisioni, i confini, mi piace pensare che l’umanità possa camminare verso un’unica direzione, la migliore possibile per noi tutti.

7Tracks
Cosa ti sei messo in testa, Azhar?
Farti esplodere non fa di te un eroe, ma un'assurdità
Se scegli per te, ti rispetto io
Ma se decidi per gli altri, non puoi dir che te l'ha detto Dio

Dici che il tuo Dio ti ha donato la vita
E ha deciso che è giunto il momento che tu la faccia finita
Se però uccidi e dici che fai la sua volontà
Gli stai remando contro in verità

Se non l'hai capito, io sto qui davanti a te
Ti sto ad ascoltare se non la pensi come me
E lavati di dosso questa tua bestialità
Che se ti sforzi un poco, vedrai che se ne andrà

Lo so pure io, che ti credi, Azhar, l'Occidente è una merda
Hai ragione, è un'assurdità
Ma conta chi ha il potere, Europa, America
Altro conto è chi ai potenti preferisce la libertà

E appunto io sono un uomo libero perché non ho manie
Tu non essere uno schiavo di atroci ideologie
Il Mediterraneo ci ha insegnato la diversità
Lo scambio, l'amicizia fra noi, la dignità

Se non l'hai capito, io sto qui davanti a te
Ascolto le ragioni che ti separano da me
E togliti la maschera della bestialità
Che se ti sforzi un poco, vedrai che cascherà

Potrei disinnescare il lato odioso che c'è in me
Potresti fare uguale con la tua bestialità
Che se ti sforzi un poco, vedrai che se ne andrà

Contributed by Alberto Scotti - 2020/1/8 - 19:44



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org