Language   

Il bambino di Aleppo

Angelo Iannelli
Language: Italian



Ora non posso guardarti
Vado a scrivere contro quei pazzi
Che ci strappano uno Stato più giusto
E cambiano idea, e ridon di gusto.
Ora non posso guardarti
Sto studiando la guerra degli altri.
Basta un voto, c’è un mondo sicuro per divertirmi lontano
E magari poi smetto, ci scommetto, anche di bere e fumare.

Ehi! Nai nai na na
Na na na na! Nai nai n na

Ora non posso guardarti
Neanche prende il WiFi, e poi è tardi.
Troppi amici hanno accettato l'invito
La birra è nel frigo, il vino è finito.
Ora non posso guardarti
Passa il tram tra mezz'ora, è già tardi.
E a lavoro (e lo chiami lavoro?) solo stress e follie
Ho bisogno di correre, confondermi di nuove energie.

Ehi! Nai nai na na
Na na na na! Nai nai na na

Ora io devo guardarti
Dovrei farlo, lo so, tu mi guardi.
Non ho tempo, o forse non posso
Non è colpa mia, ma è di quelli o di un mostro.
Ora io devo guardarti
Sei lontano, non posso aiutarti.
Basta pianti, lagne e lamenti, non è colpa mia
La tua gente ha peccato (peccato!), ora vattene via.

Il bambino di Aleppo non ha fame e non ha sonno
Sgrana gli occhi di sangue, piange sempre, piange senza ritorno.
Non ci chiede più niente, ci ha chiamati, ci ha chiamati abbastanza.
E poi noi chiusi a chiave nella stanza, nella nostra stanza.

Ehi! Nai nai na na
Na na na na! Nai nai na na


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org