Language   

Iggy Pop: The Passenger

GLI EXTRA DELLE CCG / AWS EXTRAS / LES EXTRAS DES CCG
Language: English

List of versions


Related Songs

It's No Game (Part 1 & 2)
(David Bowie)
Damals in der DDR
(Udo Lindenberg)
Caesar
(Iggy Pop)


1977
Lust for life
Words by Iggy Pop
Music by Ricky Gardiner

Lust for Life

Iggy Pop & David Bowie, Berlin
Iggy Pop & David Bowie, Berlin


Tra il 1976 e il 1978 David Bowie e Iggy Pop  si trasferiscono da Los Angeles a Berlino Ovest per cercare di disintossicarsi dalla cocaina. La cosa non gli riesce proprio benissimo, ma quello che gli riesce sicuramente meglio è la pubblicazione di cinque album incredibili (la famosa “trilogia berlinese” di Bowie e i primi due album solisti dell’Iguana dopo la separazione dagli Stogees) al cui interno ci sono due delle loro canzoni più famose, Heroes  e The Passenger, indissolubilmente legate al loro luogo d’origine.

The Passenger è una canzone che Iggy Pop ha scritto lasciandosi ispirare da alcuni versi poetici di Jim Morrison e dal tema del viaggio a lui tanto caro, che in questo caso è quello percorso dall’Iguana a bordo del sistema di trasporto pubblico berlinese, ma a livello simbolico è anche quello dell’attraversamento del muro tentato da chi era pronto a scappare a costo della vita, pur di passare dal cielo lacerato dei bassifondi a un altro cielo che – almeno da lontano – sembrava più splendente (He sees the city’s ripped back sides […]He sees the bright and hollow sky).
Quando la musica abbatte i muri: le canzoni e la caduta del Muro di Berlino
I am a passenger
And I ride and I ride
I ride through the city's backside
I see the stars come out of the sky
Yeah, they're bright in a hollow sky
You know it looks so good tonight

I am the passenger
I stay under glass
I look through my window so bright
I see the stars come out tonight
I see the bright and hollow sky
Over the city's ripped-back sky
And everything looks good tonight

Singin' la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

Get into the car
We'll be the passenger
We'll ride through the city tonight
See the city's ripped backsides
We'll see the bright and hollow sky
We'll see the stars that shine so bright
The sky was made for us tonight

Oh, the passenger
How, how he rides
Oh, the passenger
He rides and he rides
He looks through his window
What does he see?
He sees the silent hollow sky
He see the stars come out tonight
He sees the city's ripped backsides
He sees the winding ocean drive
And everything was made for you and me
All of it was made for you and me
'Cause it just belongs to you and me
So let's take a ride and see what's mine

Singin' la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

Oh, the passenger
He rides and he rides
He sees things from under glass
He looks through his window's eye
He sees the things he knows are his
He sees the bright and hollow sky
He sees the city asleep at night
He sees the stars are out tonight
And all of it is yours and mine
And all of it is yours and mine
So let's ride and ride and ride and ride

Singin' la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

Singin' la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

Contributed by Dq82 - 2019/11/10 - 11:56


Vabbè, pezzo bellissimo, ma che abbia proprio a che fare con il Muro mi sembra un'interpretazione a dir poco stiracchiata...

E poi, che la location sia la metro berlinese è smentito già al terzo verso, "Get into the car / We'll be the passenger"... I finestrini erano quelli dell'auto con autista di David Bowie, amico e mèntore di Iggy Pop, con cui i due se ne andavano in giro a spassarsela, seduti a bere, fumare, chiacchierare e sentire musica, belli comodi sul sedile posteriore...

Il simbolismo del Muro non ce lo vedo proprio... ma si sa, in questo trentennale ognuno deve dire la sua e possibilmente la più originale.

B.B. - 2019/11/10 - 12:57


forse si potrebbe spostare negli extra.

Lorenzo - 2019/11/10 - 17:56


Io ho preso per buono il commento citato.

Dq82 - 2019/11/10 - 18:10


Non vedo perchè spostarla negli Extra...

Secondo me, non c'entra proprio nulla con il Muro, forse nemmeno con Berlino in particolare: "'The Passenger' was partly written about the fact I'd been riding around North America and Europe in David's car ad infinitum. I didn't have a driver's license or a vehicle" (Iggy Pop, intervista su The Guardian)

Ho l'impressione che il giornalista che ha scritto quella roba del Muro se la sia cantata e suonata da solo, ma tant'è... Forse, vista la grandiosità del brano, merita un qualche approfondimento ulteriore...

Più che metterla negli Extra, ci apporrei il "Lavori in corso"...

B.B. - 2019/11/10 - 20:10




Language: Italian

Traduzione italiana di Lorenzo Masetti
IL PASSEGGERO

Sono un passeggero
E viaggio e viaggio
viaggio per i bassifondi della città
Vedo le stelle che spuntano nel cielo
Sì splendono un cielo vuoto
Sai sembra così bello stanotte

Sono il passeggero
resto sotto vetro
Guardo attraverso il finestrino luccicante
Vedo le stelle che spuntano stanotte
Vedo il cielo vuoto e lucente
sopra il cielo squarciato della città
E tutto sembra a posto stanotte

E canto la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

Sali in macchina
Saremo il passeggero
Andremo in giro per la città stanotte
A vedere i bassifondi lacerati della città
vedremo il cielo splendente e vuoto
vedremo le stelle che splendono così luminose
il cielo è fatto per noi stanotte

Oh, il passeggero
Come, come viaggia
Oh, il passeggero
Viaggia e viaggia
guarda fuori dal finestrino
cosa vede?
vede il cielo vuoto e silenzioso
vede le stelle che appaiono stanotte
vede i bassifondi della città
vede le curve di una strada sull'oceano
e tutto è stato fatto per te e per me
tutto questo è stato fatto per te e per me
perché appartiene a te e a me
allora facciamo un giro e vediamo cos'è mio

cantando a-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

Oh, il passeggero
viaggia e viaggia
vede le cose da dietro il vetro
guarda dall'occhio del suo finestrino
vede le cose che sa essere sue
vede il cielo vuoto e luminoso
vede la città che dorme di notte
vede le stelle nel cielo stasera
e tutto questo è tuo e mio
e tutto questo è tuo e mio
allora viaggiamo e viaggiamo e viaggiamo e viaggiamo

e cantiamo la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

cantando la-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la
La-la-la-la-la-la-la-la, la-la

2019/11/10 - 20:16


Mi sa che il giornalista ha un po' scopiazzato genius il quale riprende la ambientazione sulla S-Bahn da wikipedia che cita il documentario "PBS documentary Rock and Roll episode 7: The Wild Side, 1995". Il riferimento al muro però è probabilmente un'interpretazione del giornalista.

Lorenzo - 2019/11/10 - 20:47




Language: English

Ecco la poesia di Jim Morrison a cui si è ispirato Iggy Pop
A room moves over a landscape, uprooting the mind,
astonishing vision. A gray film melts off the
eyes, and runs down the cheeks. Farewell.

Modern life is a journey by car. The Passengers
change terribly in their reeking seats, or roam
from car to car, subject to unceasing transformation.

Inevitable progress is made toward the beginning
(there is no difference in terminals), as we
slice through cities, whose ripped backsides present
a moving picture of windows, signs, streets,
buildings. Sometimes other vessels, closed
worlds, vacuums, travel along beside to move
ahead or fall utterly behind.

Contributed by Lorenzo - 2019/11/10 - 20:48


Mai una "Not at All CCG/AWS" fu più approfondita di questa...

Domani proporrò "La pioggia" di Gigliola Cinquetti (1969), per i percorsi "Guerra alla Terra" e "Guerra agli animali", con una tanto pindarica quanto arguta interpretazione dei seguenti versi:

"Il tempo cambierà
Le nuvole son nere in cielo e
I passeri lassù
Non voleranno più
Chissà perché?..."

Lallallero lallalà...

B.B. - 2019/11/10 - 21:32



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org