Language   

Dal Rojava una voce

Ranjan Giacomo Spinadin
Language: Italian



"Sangue sui civili...sangue... perché volevano la libertà
Sangue sui civili...sangue... loro sono ancora là
La guerra non porta alla pace, ma solo ad una perdita
Loro volevano uno Stato, reclamavano il Kurdistan
Dalla parte di chi risponde alla persecuzione
Dalla parte di chi ad ogni persecuzione lotta senza tremore

Questa non e' una chiamata alle armi, e' una chiamata all'umanità
questa non e' libertà, salviamo l'umanità
questa non e' dignità', salviamo l'umanità

Sangue sui civili...sangue... perché loro son dei terroristi
Sangue sui civili...sangue... ma loro son gli antifascisti
Gli antifascisti sono pronti a difendere la propria terra dall'invasore
Dal Rojava si alza una voce, è una voce piena di dolore

Questa non e' una chiamata alle armi, e' una chiamata all'umanità'
questa non e' libertà, salviamo l'umanità
questa non e' dignità', salviamo l'umanità

La storia ci insegna che quando ti vien negato un diritto
Tu ti alzi in piedi e te lo riprendi senza dover dirlo
I curdi sono pronti a difendere la propria terra dall'invasore
Dal Rojava si alza una voce, è una voce piena di dolore

Questa non e' una chiamata alle armi, e' una chiamata all'umanità'
questa non e' libertà, salviamo l'umanità
questa non e' dignità', salviamo l'umanità"


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org