Language   

Omaggio a Sante

Assalti Frontali
Language: Italian

Watch Video

Sul palco di uno dei primi concerti un incontro tra Sante Notarnicola, semilibero dopo 21 anni di prigione, e Assalti Frontali. L'intero concerto è scaricabile in formato .AVI da NGV - New Global Vision.



Search more videos on Youtube

Related Songs

Errore Giudiziario
(Jemima Zeller)
Corona Rap
(Assalti Frontali)
Devo avere una casa per andare in giro per il mondo ...
(Assalti Frontali)


[1992]
Assieme a Onda Rossa Posse
Tratto e arrangiato da una poesia di Sante Notarnicola


Bologna 26 settembre 1992.
Sul palco di uno dei primi concerti un incontro tra Sante Notarnicola, semilibero dopo 21 anni di prigione, e Assalti Frontali.
Un momento importante, un'occasione per pensare ai detenuti e alle loro vite.

Omaggio a Sante Notarnicola, uscito dal carcere di Cuneo in semilibertà il 19/07/1988 dopo 20 anni e 8 mesi di prigione di cui 11 di massima sicurezza e 5 di celle punitive.

È il mio turno
entro
e intorno tutta l'aula si zittisce
io rispondo
prima piano
monosillabi
mi sento rilassato
all'improvviso rilassato
mentre spiega a quel PM
spiega il giudice la storia:
"è arrestato
arrestato per la vita
3 ottobre del'67"
tanto ha fatto
tanti giorni mesi anni
passato turbolento
dice... spiego
è colpa vostra
il vostro carcere è un inferno
non potevo sopportarlo
per le nostre lotte dentro
poi qualcosa li è mutato
potrei uscirei
uscire di prigione
ma non è obbligatorio
troppo
troppo ho da difendere
tutelare dignità identità
non ho niente da vendere
è il mio turno potrei uscire
uscire di prigione
ma non è obbligatorio
vivere col cuore sempre in gola
la pressione che ti sale
poi le cariche in cortile
con i cani nelle celle
denti rotti
colpi forti sulla porta
per non farti addormentare
vetri e vetri divisori
vetri infranti nei colloqui
e la posta che è sottratta
censurata
poi la fame
fame all'Asinara
e il compagno che va via
via con la testa
divisioni rotture
ci dovevano rafforzare
pugni chiusi nei processi
ritirata i tradimenti
tanti odi e poi isolati
mentre conti i giorni
e invece se ne vanno
mesi e anni
e i silenzi
troppo
troppo ho da difendere...
il mio avvocato è a fianco
scalpita agitato
ma comunque mi sostiene
capisce
i giudici parlottano tra loro
e poi dicono:
"le faremo sapere"...
"lei uscirà
sua moglie
è già in viaggio da Bologna
sta arrivando"
tra sei ore
ancora sei ore e sarai uscito
sei ore per prepararmi
foto lettere la sacca
ed i saluti
i saluti ai compagni di ventuno anni
fatti tutti d'un fiato
e ora troppo poco tempo
già soltanto poche ore e sarai uscito
"lei uscirà"
vertigine
cuore leggero
riso trattenuto a stento
tante cose alle mie spalle
i compagni
troppi
ancora imprigionati
mai vi scorderò
mi dicono:
"stai in forma"
questi miei compagni
vanno amati
giovani
generosi
questi compagni vanno amati
rispettati
liberati.

Contributed by Adriana e Riccardo - 2007/5/18 - 21:49



Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org