Language   

Boiati

Paxarmata
Language: Italian (Laziale romanesco)



Er potere teme le parole
quanno gridano la libertà
Pe questo nun c'ho carta e nun c'ho inchiostro
pure se me danno da magnà
ma io cor sangue scrivo sulla stoffa
e quanno che er secondino scenne giù
ogni pugno suo sopra la bocca
è contro loro 'na parola in più

Poi continuamme a torturà
ma nun poi impedimme de sognà
volanno ortre le sbarre come un dio
pe rivedè i tramonti sur Pireo
e poi
nun sto
più qui

Fratello secondino me fai pena
Sei schiavo de sti generali idioti
Perchè la sera quanno è ora de cena
Sur tavolino i piatti ‘n siano voti
Ma un giorno quelle bocche ch’hai sfamato
Prenneno a carci er poro grugno mio
Leggenno i miei pensieri te diranno
Io me vergogno d’essere tu fio

Poi continuamme a torturà
ma nun poi impedimme de sognà
volanno ortre le sbarre come un dio
pe rivedè i tramonti sur Pireo
e poi
nun sto
più qui


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org