Language   

Dopoguerra

Vanni Scopa
Language: Italian



Dopoguerra, ricostruzione, Hiroshima e Nagasaki,
Tutti quanti professano pace e speranze
in progressi mai visti, si firmano trattati.
Quattro anni. Poi la Corea e le bombe cadono ancora.
Ma in compenso ci sono novità.
Una televisione per tutti e un posto nell'industria.
Si abbandonano i campi, scatta la gara
Scatta la corsa al benessere sociale
Progredisce la scienza, manca l'affetto
Ma c'è già pronto il nuovo tranquillante.

Dopoguerra, tecnologia, la nevrosi bussa alla porta
E si vive di nuovi alimenti, coloranti è conservanti,
La mutua per tutti.
Si abbandonano i campi, scatta la gara
Scatta la corsa al benessere sociale
Progredisce la scienza, manca l'affetto
Ma c'è già pronto il nuovo tranquillante.
...Poi arriva il miracolo “che sia la guerra
che ci ha insegnato a stare bene?”

...Ma che cosa succede? ”c'è già qualcuno
che si lamenta e non sta bene.”

...Ma che cosa succede? ”c'è già qualcuno
che si lamenta e non sta bene.”


Main Page

Please report any error in lyrics or commentaries to antiwarsongs@gmail.com

Note for non-Italian users: Sorry, though the interface of this website is translated into English, most commentaries and biographies are in Italian and/or in other languages like French, German, Spanish, Russian etc.




hosted by inventati.org