Lingua   

Il povero Cristo

Vinicio Capossela
Lingua: Italiano



Il povero Cristo
è sceso dalla croce
per prima cosa ha appreso
la condizione atroce
Amar la vita e viverla
ed essere felice
Amar la vita e vivere
sapendo di morire

Ma invece di un fratello
vedere nel suo simile
il primo da affogare
se appena è un po’ più debole

Il povero Cristo
è sceso dalla croce
si è messo sulla strada
E va ascoltando voci
c’è chi lo tira a destra
chi lo spoglia a sinistra
tutti lo voglion primo
nella loro lista

Ma piuttosto che da vivo
a dare il buon ufficio
è meglio averlo zitto
e morto in sacrificio

E intanto nel mondo una guerra è signora della Terra
E intanto nel mondo una guerra è signora della Terra

Il povero Cristo
è sceso dalla croce
e Cristo come Eva
ha incontrato l’uomo
Aveva un paio di baffi
e un coltello da affilare
lo sguardo torvo non
smetteva di sfidare

E gli ha detto: “Cristo, spostati e lasciami passare
non voglio sentir prediche, ho già molto da fare”

E intanto nel mondo una guerra è signora della Terra
E intanto nel mondo una guerra è signora della Terra

Il povero Cristo
è sceso dalla croce
e ha visto che per l’uomo
non può esserci unità
Non una cosa sola
cattiva oppure buona
ma pezzi frantumati
come è stato creato

Dovrà sempre mentire
a chi gli sta vicino
perché c'ha dentro il cuore
le stanze di un casino

E intanto nel mondo una guerra è signora della Terra
E intanto nel mondo una guerra è signora della Terra

Il povero Cristo
è tornato sulla croce
con il dono che
a tutti qui ha portato
La Buona Novella
dove per scritto è messo
"Ama il prossimo tuo
come fosse te stesso"

Ma troppo era difficile
forse anche oltre l’umano
così si è ritirato
all’uomo ha rinunciato

Una veste di silenzio
si è cucito addosso
Il povero Cristo
tace, grida all’uomo
a più non posso


Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org