Lingua   

Il traffico

Luca Zulù Persico


Ti può interessare anche...

Iran Iran
(BiscaZulù)
Giuanne Palestina
(Luca Zulù Persico)
Antifa 2.0
(99 Posse)


2019
Bassi per le masse
Bassi

feat. Valerio Jovine

Luca Persico ci propone un singolo che oltrepassa la musica e si pone come analisi lucida della nostra società moderna. Una critica aperta contro la nostra incapacità a riconoscere i problemi reali ed i reali colpevoli. Puntando il dito all’opinione pubblica troppo spesso concentrata su discorsi futili ed “hate speech”. I due artisti Jovine e o’Zulu si completano musicalmente come due parti di una stessa melodia, morbidi e taglienti, dolci e feroci. “Sostenere che gli italiani siano tutti razzisti è una generalizzazione oltre che un messaggio sbagliato – spiega ‘o Zulù - questo non è il paese reale, anche se è certamente il riverbero di investimenti sempre minori sulla scolarizzazione e della mancata educazione familiare verso valori come la tolleranza e il rispetto. L’attuale propensione al razzismo risponde a dati elettorali spesso falsati e a una percezione amplificata dai social network. Il resto sono solo proiezioni e il frutto dell’hate speech. Così mentre la realtà ci consegna traffico ai confini per la fuga dei cervelli, traffico di armi, droga, denaro e gioielli, di informazione, di organi e schiavi che intasano i caselli” l'italiano medio è stretto nella scelta del se “viene prima un bambino italiano o un rimbambito padano”.

Il Traffico



Il singolo parte ironicamente da una citazione del film di Benigni, Johnny Stecchino, quando al protagonista, appena arrivato in Sicilia, viene presentato il traffico come principale problema dell’isola martoriata dalla mafia. L’incipit del video, curato da InColore con la regia di Gianluigi Sorrentino, rimanda a un’altra citazione cinematografica, “Pulp Fiction” di Quentin Tarantino, dove il dialogo tra Vincent, Jules e Marvin viene rimodulato su una discussione sull’uso della rete. Il finale resta uguale: bisogna sempre avere un’opinione. “È la percezione di un ingorgo sociale, più che automobilistico – sottolinea o'Zulù - per raccontare un paese che non è invaso, ma che al contrario si sta svuotando”. Un singolo che lo stesso Zulù definisce “impopolare”, senza alcuna soluzione imposta ma con la consapevolezza che “un mondo diverso è ancora possibile”.
Napoli Click
Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’,
c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

‘o vire ‘o verde?
Lievate ‘a ‘nanze ‘o vire ‘o giallo?
Nun rallentà ‘o vire ‘o russo?
Puorta pacienza ‘o vire a chist’? Fatte chiù lla’

C’è traffico fuori e anche dentro di me
C’è traffico fuori e anche dentro di me

C’è traffico di uomini, donne e bambini,
traffico ai confini
Per la fuga dei cervelli
Traffico di armi, denaro, di droga e gioielli
Traffico di organi e di informazioni intasano i caselli Traffico delle influenze, di schiave e di schiavi,
di voti, favori e licenze,
ma il più temuto è senza dubbio chill’ d’ ’o rientro d’ ’e vacanze …
siamo davvero un popolo senza speranza

Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’, c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

C’è traffico fuori e anche dentro di me
Tutto è bloccato ed io voglio un caffè
Tengo ‘na canna ma nun tengo a te
Mo’ faccio ‘o pazzo, scengo e cammino
Cummencio a correre pe’ Mergellina
‘e cosce se movono semp’ chiù forte me sento libero,
nun me ne fotte

Popolo di santi e navigatori bloccati nel traffico
santi bestemmiatori ognuno convinto che il traffico è colpa dell’altro
ti devi levare, fammi passare, non sai dove devo arrivare
prima gli italiani, prima i padani,
mi so’ perso gli anziani,
le donne e i bambini
viene prima un bambino italiano o un rimbambito padano
mi sa che la “situa” vi sta sfuggendo di mano

ci muoviamo o no?

Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’, c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

Sto ca’ sto ca’ ne’, quann’ me vire?
Sto ca’ sto ca’ ne’, manc’ me siente
Sto ca’ sto ca’ ne’, quann’ te lieve?
Mo’ tanto che aggia fa’, t’aggia fa ‘ntussecà

‘o vire ‘o verde? Lievate ‘a ‘nanze ‘o vire ‘o giallo?
Nun rallentà ‘o vire ‘o russo?
Puorta pacienza ‘o vire a chist’? Fatte chiù lla’

C’è traffico fuori e anche dentro di me
C’è traffico fuori e anche dentro di me

Il problema principale della nostra società è il traffico, il traffico
Devo alzare i finestrini, nun se po’ manco respirà nel traffico, nel traffico
Tutto quello che possiamo fare nun se putesse fa’, c’è traffico c’è traffico
Sono fermo da due ore, non mi resta che suonare il clacson, il clacson

19/1/2019 - 12:26



Pagina principale CCG

Segnalate eventuali errori nei testi o nei commenti a antiwarsongs@gmail.com




hosted by inventati.org